Nerva

imperatore romano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Nerva (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Marco Cocceio Nerva" rimanda qui. Se stai cercando il console del 36 a.C., vedi Marco Cocceio Nerva (console 36 a.C.).
Nerva
Head of Marcus Cocceius Nerva in Museo Nazionale Romano.jpg
Busto raffigurante Nerva
(Palazzo Massimo alle Terme, Roma)
Nome originaleMarcus Cocceius Nerva (alla nascita)
Marcus Cocceius Nerva Caesar Augustus (dopo l'ascesa al potere imperiale)
Regno18 settembre 96
25 gennaio 98
Tribunicia potestas3 volte: la prima volta (I) il 18 settembre 96, la seconda (II) 10 dicembre 96, la terza il 10 dicembre del 97
Cognomina ex virtute1 volta: Germanicus nell'ottobre del 97
TitoliPater Patriae al momento della assunzione del potere imperiale
Salutatio imperatoria2 volte: I (al momento della assunzione del potere imperiale) e una seconda (II) nell'ottobre del 97
Nascita8 novembre 30
Narni
Morte25 gennaio 98
Roma
PredecessoreDomiziano
SuccessoreTraiano
FigliTraiano (adottivo)
DinastiaImperatori adottivi
PadreMarco Cocceio Nerva
MadreSergia Plautilla
Consolato4 volte: nel 71,[1] 90, 97 e 98
Pontificato maxal momento della assunzione del potere imperiale

Marco Cocceio Nerva Cesare Augusto (in latino: Marcus Cocceius Nerva Caesar Augustus;[2] nelle epigrafi: IMP•NERVA•CAES•AVG•PONT•MAXTR•POT[3]; Narni, 8 novembre 30Roma, 27 gennaio 98), meglio conosciuto semplicemente come Nerva, è stato un imperatore romano, primo degli imperatori adottivi, regnante dal 18 settembre 96 fino alla sua morte avvenuta nel 98.

Indice

BiografiaModifica

Origini familiariModifica

 
Moneta romana con effigie di Nerva

Nacque presso l'antica colonia romana di Narnia, l'odierna Narni (in provincia di Terni), figlio di Cocceio Nerva, famoso giureconsulto, e di Sergia Plautilla, figlia a sua volta del console Popilio Lena. Aveva un fratello, Gaio Cocceio Nerva.

Molto amico di Vespasiano, ne fu nominato generale e governatore della provincia Mauritania.

Fu l'ultimo imperatore italico sia di nascita che di famiglia. Nerva non aveva seguito l'usuale carriera amministrativa (il cursus honorum), anche se era stato console durante l'impero di Vespasiano nel 71[1] e con Domiziano nel 90.

 
Testa dell'imperatore presso il Museo Romano-Germanico di Colonia
 
busto di Nerva proveniente dalla collezione privata

Ascesa al potereModifica

Quando fu organizzata la congiura contro Domiziano, Nerva acconsentì a divenirne il successore. Egli era molto stimato come anziano senatore ed era noto come persona mite e accorta. Alla morte di Domiziano, Nerva fu acclamato imperatore in Senato da tutte le classi concordi sul suo nome.

Durante il suo regno, breve ma significativo, apportò un grande cambiamento: il "principato adottivo". Questa riforma prevedeva che l'imperatore in carica in quel momento dovesse decidere, prima della sua morte, il suo successore all'interno del senato; questo faceva sì che i senatori venissero responsabilizzati. Inoltre, dall'anno dei quattro imperatori il senato aveva subito un cambiamento di generazione: i senatori cominciavano a provenire anche dalle province, rinnovando così l'antico e oligarchico senato romano. Nerva e Traiano inoltre furono intelligenti a favorire anche le altre classi, annunciando che il successore poteva essere scelto anche tra la plebe.

Le loro speranze non andarono deluse: infatti, secondo Tacito, nel suo breve regno fuse le idee di impero, libertà e pace, dando inizio a un secolo poi considerato d'oro.

Appena eletto, fece cessare le persecuzioni contro i cristiani, consentì agli esiliati di rientrare a Roma, abolì i processi di lesa maestà, reintegrò il Senato nelle sue prerogative, prodigò le sue terre e i denari per soccorrere i poveri; inoltre abolì il fiscus iudaicus (che gravava sugli ebrei dell'Impero) e la vicesima hereditatum. Nonostante ciò, fu molto duro contro i suoi delatori.

Fu addirittura giudicato troppo mite dal Senato e subì una congiura che venne sventata esiliando a Taranto colui che ne era a capo, il senatore Calpurnio Crasso. Nel 97 fu nominato console per la terza volta e gli fu collega Lucio Verginio Rufo.

Riforme economicheModifica

In campo economico, Nerva attuò una politica di sgravi fiscali e di incentivi che doveva favorire le comunità italiche. Gli Ebrei furono esentati dal tributo che era stato imposto sotto i Flavi. Una legge agraria assegnò appezzamenti di terreno a cittadini nullatenenti. Le spese che le città dovevano sostenere per il mantenimento del cursus publicus, cioè del servizio postale, furono addossate alle casse imperiali. A Roma fu riorganizzato il sistema dell'approvvigionamento idrico; ci resta di quegli anni l'opera fondamentale scritta dal curatore delle acque, Sesto Giulio Frontino, sulla progettazione e la manutenzione degli acquedotti. Un altro grande provvedimento fu la "Politica degli alimenta" che consisteva nell'erogare prestiti a tasso agevolato, sussidi alle famiglie povere ed l'istruzione gratuita per gli orfani.

Adozione di TraianoModifica

 
Statua di Nerva, allocata nei Fori Imperiali

Poiché Nerva sapeva che il suo incarico non sarebbe durato al lungo,oramai vecchio e malato, decise di adottare un figlio. In omaggio all'interesse dello Stato non scelse un successore nella propria famiglia, ma scelse Marco Ulpio Traiano, generale delle legioni a difesa del confine renano, a discapito del governatore della Siria, Marco Cornelio Nigrino Curiazio Materno. L'adozione coincise con un'importante vittoria militare in Pannonia, che diede all'adottato Traiano l'appellativo di Cesare Germanico. Marco Cocceio Nerva lo nominò proconsole e gli conferì la tribunicia potestas.

Nerva fu nuovamente nominato console, con Traiano, nel 98, ma morì dopo tre mesi di carica. Il suo successore volle un funerale di grande solennità. Le sue ceneri furono poste nel mausoleo di Augusto. Nonostante abbiamo governato per meno di due anni, egli è ricordato come uno dei migliori imperatori di Roma

Monetazione imperiale del periodoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Monetazione da Nerva ad Adriano.

StatueModifica

  • La città di Narni ha voluto realizzare un busto in bronzo dell'imperatore Cocceio Nerva nel 2007. Il busto è stato collocato nella piazza principale, nel punto di confluenza tra la vecchia via Flaminia e la porta Superior, antica porta che dava l'accesso alla Narnia romana.
  • Anche la città di Gloucester ha dedicato una statua a cavallo in bronzo in onore dell'imperatore che la fondò, dandole lo status di colonia romana.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti antiche
Fonti storiografiche moderne
  • Albino Garzetti, L'Impero da Tiberio agli Antonini, Cappelli, Bologna, 1960 (v. pag. 309 e segg.: Nerva)
  • CAH, L'impero romano da Augusto agli Antonini, Milano, 1975.
  • Santo Mazzarino, L'impero romano, vol. II, Roma-Bari, 1973, ISBN 88-420-2401-5.
  • Michael Grant, Gli imperatori romani, Roma, 1984, ISBN 88-8289-400-2.
  • H. H. Scullard, Storia del mondo romano, Milano, 1992, ISBN 88-17-11903-2.
  • Mario Pani, Il principato dai Flavi ad Adriano in: AA.VV., Storia di Roma, Einaudi, Torino, 1990, vol. II, tomo 2; ripubblicata anche come Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, Ediz. de Il Sole 24 ORE, Milano, 2008 (v. il vol. 16º)
  • Ronald Syme, L'aristocrazia augustea, Milano, 1993, ISBN 88-17-11607-6.
  • AAVV, Gli imperatori romani, Torino, 1994, ISBN 88-7819-224-4.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica