Apri il menu principale

Nora Ephron

regista, produttrice cinematografica e sceneggiatrice statunitense

BiografiaModifica

Figlia d'arte, degli sceneggiatori Henry Ephron e Phoebe Wolkind, ambedue di origine ebraica, studia presso il "Wellesley College". Giovanissima, pubblica dei saggi sull'Esquire e il New York Times. Ha due sorelle Delia e Amy, entrambe sceneggiatrice e scrittrici.

Esordisce alla regia nel 1992 con il film This Is My Life, seguito da Insonnia d'amore con Meg Ryan e Tom Hanks, Agenzia salvagente, Michael con John Travolta e Vita da strega con Nicole Kidman.

Oltre a sceneggiare tutti i film da lei diretti, ha contribuito alla stesura di molti film di successo come Silkwood con Cher e Meryl Streep, Harry, ti presento Sally... di Rob Reiner e Avviso di chiamata diretto da Diane Keaton.

Nel 2007 pubblica per Feltrinelli Il mio collo mi fa impazzire - Tormenti e beatitudini dell'essere donna.

È stata sposata tre volte: la prima con lo scrittore Dan Greenberg, in seconde nozze sposò il giornalista Carl Bernstein, dal quale ebbe due figli, Jacob (1978) e Max (1979); la fine del loro matrimonio ispirò la Ephron nella sceneggiatura di Heartburn - Affari di cuore. In terze nozze ha sposato nel 1987 il giornalista di cronaca nera e sceneggiatore Nicholas Pileggi con cui è rimasta sposata fino alla morte.

Muore il 26 giugno 2012, di leucemia.[1][2]

FilmografiaModifica

RegistaModifica

SceneggiatriceModifica

SaggiModifica

  • Il collo mi fa impazzire. Tormenti e beatitudini dell'essere donna (I Feel Bad About My Neck: And Other Thoughts on Being a Woman) – Feltrinelli, 2007
  • I Remember Nothing: And other Reflections – 2010

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Nora Ephron Dead at 71, in Variety, 26 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2012.
  2. ^ Addio Nora Ephron regina della commedia romantica, in DoppioSchermo, 26 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN99171166 · ISNI (EN0000 0000 8169 2862 · SBN IT\ICCU\CFIV\011016 · LCCN (ENn50008851 · GND (DE110280369 · BNF (FRcb12012353j (data) · NDL (ENJA00438947 · WorldCat Identities (ENn50-008851