Apri il menu principale
Occhi non soltanto per vedere
Titolo originaleEyes Do More Than See
Altri titoliRisveglio, Più che vedere, Gli occhi non vedono soltanto
AutoreIsaac Asimov
1ª ed. originale1965
1ª ed. italiana1971
Genereracconto
Sottogenerefantascienza
Lingua originaleinglese

Occhi non soltanto per vedere (Eyes Do More Than See) è un racconto di fantascienza di Isaac Asimov pubblicato per la prima volta nel 1965 nel numero di aprile della rivista Magazine of Fantasy and Science Fiction. Successivamente è stato incluso nell'antologia Antologia personale (Nightfall and Other Stories) del 1969.

È stato pubblicato varie volte in italiano a partire dal 1971[1], anche con i titoli Risveglio, Più che vedere e Gli occhi non vedono soltanto.

Storia editorialeModifica

Il racconto nacque nel 1964 su commissione della rivista Playboy. Un certo numero di scrittori fu contattato per creare un racconto basato su una foto raffigurante una testa di argilla grezza, senza orecchie. Le storie che vennero selezionate furono Playback di Arthur C. Clarke, Le ore dell'amore (Lovemaking) di Frederik Pohl e Divertitevi con la vostra nuova testa (Cephalatron, in seguito rititolato Fun with Your New Head) di Thomas Disch, che furono pubblicate nel numero di dicembre 1966. Playboy rifiutò il racconto di Asimov, quindi egli lo propose alla rivista Magazine of Fantasy and Science Fiction, che lo pubblicò nel numero di aprile del 1965.[2].

TramaModifica

In un futuro molto lontano — è passato un milione di milioni di anni — gli uomini hanno abbandonato le loro forme fisiche ed esistono come entità di energia che abbracciano l'immensità dello spazio.

Due di queste entità, Ames e Brock, sono stanche delle competizioni artistiche basate sulla manipolazione dell'energia, e si trovano a discutere di una nuova idea che consiste nel creare oggetti basandosi sulla manipolazione di materia fisica. Discutendo, Ames crea una testa.

Brock, che una volta era una donna, comincia a ricordare dolorosamente del suo passato fisico, e di come una volta conoscesse l'amore. Aggiunge delle lacrime alla testa di Ames e poi fugge lontano. Ames, allo stesso modo, ricorda che una volta era stato un uomo e si gira per seguire Brock, e così facendo la forza del suo vortice rompe la testa.

NoteModifica

  1. ^ Edizioni di Occhi non soltanto per vedere, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  2. ^ Dall'introduzione al racconto in Antologia personale. Volume primo., Oscar Mondadori, 1978.

Collegamenti esterniModifica