Apri il menu principale

Orhan Kemal

scrittore turco

Orhan Kemal, all'anagrafe Mehmet Raşit Öğütçü[1][2][3][4][5][6][7] (Adana, 15 settembre 1914Sofia, 2 giugno 1970), è stato uno scrittore turco.

Annoverato tra i massimi esponenti della letteratura turca[2][7], fu autore di romanzi, racconti, poesie e opere teatrali legati soprattutto al disagio sociale[2] e al mondo operaio e contadino[5] e di ispirazione marxista[5] (motivo per il quale fu spesso costretto all'esilio[1][5]). Dalle sue opere sono stati tratti un trentina tra film e fiction televisive[8] e a lui è intitolato il Premio Orhan Kemal.[9]

BiografiaModifica

Figlio del noto avvocato Abdülkadir Kemali Öğütçü[3][4] e di una donna di nome Azime[4], Mehmet Raşit Öğütçü nasce ad Adana, nel distretto cittadino di Ceyhan[1][2][4], il 15 settembre 1914. In quel periodo, il padre è di stanza a Dardanos, impegnato come tenente di artiglieria nella campagna di Gallipoli.[10]

Nel 1931, all'età di 17 anni, è costretto a fuggire dapprima in Siria e poi in Libano a causa delle posizioni politiche del padre.[1][2][3] Già l'anno seguente, fa però ritorno nella sua città natale.[1][2][3]

In seguito, trova lavoro in una fabbrica di guarnizioni, dove conosce Nuriye, che il 19 maggio 1937 diventa sua moglie e che l'anno seguente lo rende padre per la prima volta.[4][7]

Nel 1938, mentre sta svolgendo il servizio militare a Niğde, viene processato con l'accusa di propaganda del comunismo per le poesie da lui scritte e per aver letto libri di autori quali Maksim Gor'kij e Nâzım Hikmet e condannato in data 27 gennaio 1939 alla pena di cinque anni di reclusione.[2][3][4][7] Incarcerato nel penitenziario di Bursa[1][2][5][7] , durante la prigionia, fa amicizia con il famoso scrittore Nâzım Hikmet[2][3][4][5][6][7] , rinchiuso nella stessa sua cella[6].

Negli anni della prigionia, vengono pubblicate nella rivista Yeni Edebiyat ("Nuova letteratura") alcune sue poesie e il primo capitolo del romanzo La casa di mio padre (Baba evi), opere firmate con gli pseudonimi Raşit Kemali e Orhan Raşit.[1]

Il 26 settembre 1943, scontata la condanna, fa ritorno nella sua città natale.[1][2][4] In quell'anno, inizia anche ad usare lo pseudonimo Orhan Kemal, firmando il racconto Asma Çubuğu, che viene pubblicato nel giornale İkdam.[4]

Nel 1949 viene pubblicato il suo primo racconto, intitolato Ekmek Kavgası ("La lotta per il pane") e il suo primo romanzo, La casa di mio padre (Baba evi).[1][2][3][6][7] Sempre nel 1949, nasce il suo terzo figlio, al quale dà il nome del padre, scomparso nello stesso anno[7]; in seguito, si trasferisce ad Istanbul con la famiglia.[1][2][4][6]

Nel 1964, avviene un evento che lo tocca particolarmente, ovvero la morte del fratello Sıtkı.[7] Due anni dopo, il 7 marzo 1966, viene arrestato in una locanda di Istanbul con l'accusa di propaganda del comunismo[1][4][6], ma viene rilasciato dopo due mesi di carcere[6].

Nel 1968, pubblica il racconto Önce ekmek, che l'anno seguente si guadagna il Premio dell'Associazione Linguistica Turca (Türk Dil Kurumu).[2][4]

Trascorre i suoi ultimi anni di vita in Bulgaria e Romania.[1] Muore a Sofia, in Bulgaria, il 2 giugno 1970.

Opere (lista parziale)Modifica

 
Il Museo Orhan Kemal

RomanziModifica

  • La casa di mio padre (Baba evi, 1949)
  • Murtaza (1952)
  • Bereketli topraklar Üzerinde (1954)
  • Suçlu (1957)
  • Devlet Kuşu (1958)
  • Gavurun (1959)
  • El Kızı (1960)

RaccontiModifica

  • Ekmek Kavgası (1949)
  • Sarhoşlar (1951)
  • Çamaşırcının Kızı (1952)
  • Sait Faik Abasıyanık Hikaye Armağanı (1966)
  • Önce ekmek (1968)
  • İnci'nin Maceraları (1971-1976)

Opere teatraliModifica

  • İspinozlar (1965)

Filmografia parzialeModifica

Soggetto e sceneggiaturaModifica

  • Suçlu, regia di Atıf Yılmaz (1960)
  • Avare Mustafa (1961)
  • Aska kinim var, regia di Semih Evin (1962)
  • Üç tekerlekli bisiklet (1962)
  • Murtaza (1965)
  • Yaprak dökümü, regia di Memduh Ün (1967)
  • Vukuat var (1972)
  • 72. Koğuş, regia di Erdoğan Tokatlı (1987)
  • Hanımın Çiftligi - miniserie TV (1990)
  • Eskici ve oğulları (1990)
  • Kötü Yol (2012)
  • Evlerden Biri (2012)

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l (TR) Orhan Kemal, Biyografi.info. URL consultato l'8 marzo 2017.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m (TR) Orhan Kemal[collegamento interrotto], Edebiyat Öğretmeni.com. URL consultato il marzo 2017.
  3. ^ a b c d e f g (TR) Orhan Kemal kimdir, biyografi.., Malice.com. URL consultato l'8 marzo 2017 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2017).
  4. ^ a b c d e f g h i j k l (TR) Orhan Kemal, Haberler.com. URL consultato il marzo 2017.
  5. ^ a b c d e f Orhan Kemal, Enciclopedia Treccani. URL consultato l'8 marzo 2017.
  6. ^ a b c d e f g Orhan Kemal, Elliot Edizioni. URL consultato l'8 marzo 2017 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2017).
  7. ^ a b c d e f g h i (TR) Tanriyar, Elif, Edebiyatımızın 'ekmek kadar sıcak' yürekli kalemi Orhan Kemal, in Milliyet Kitap, ottobre 2014. URL consultato il 9 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2016).
  8. ^ (EN) Orhan Kemal, Internet Movie Database. URL consultato il marzo 2017.
  9. ^ (TR) Orhan Kemal Roman Ödülü, Orhan Kemal - Sito ufficiale. URL consultato l'8 marzo 2017.
  10. ^ (TR) Organi Kemal'in eserlerinde folklorik unsurlar, Niğde Üniversitesi Sosyal Bilimler Enstitüsü Yüksek lisans tezi 2012. URL consultato il marzo 2017.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71410694 · ISNI (EN0000 0001 0858 4432 · LCCN (ENn83206799 · GND (DE119003627 · BNF (FRcb120553026 (data) · WorldCat Identities (ENn83-206799