Osservatorio di Ulugh Beg

Osservatorio astronomico storico islamico sito in Uzbekistan
Osservatorio di Ulugh Beg
Samarkand-06.JPG
StatoUzbekistan Uzbekistan
LocalitàSamarcanda
Fondazione1420
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Uzbekistan
Osservatorio di Ulugh Beg
Osservatorio di Ulugh Beg

L'osservatorio di Ulugh Beg è un osservatorio astronomico che si trova a Samarcanda, nell'odierno Uzbekistan. Fu costruito nel 1429 dal principe timuride e astronomo Ulugh Beg. È considerato dagli studiosi uno dei migliori osservatori dell'Islam medievale[1]. L'osservatorio venne distrutto nel 1449 e fu riscoperto solo nel 1908.

StoriaModifica

 
La galleria: al tempo di Ulugh Beg le pareti erano ricoperte di marmo levigato
  Bene protetto dall'UNESCO
Samarcanda - crocevia di culture
  Patrimonio dell'umanità
TipoCulturali
Criterio(i) (ii) (iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2001
Scheda UNESCO(EN) Samarkand – Crossroads of Cultures
(FR) Scheda

Nel 1420 il principe di Samarcanda Ulugh Beg, che era anche un esperto astronomo, costruì una madrasa a Samarcanda, detta perciò madrasa di Ulugh Beg, che divenne rapidamente un importante centro di studi astronomici. Nel 1424 il principe astronomo cominciò a costruire un osservatorio per appoggiare la ricerca astronomica della madrasa. Il complesso fu terminato cinque anni dopo (1429). Ali Qushji fu nominato direttore dell'osservatorio, e vi lavorò finché Ulugh Beg non fu assassinato[2]. Altri importanti astronomi che lavorarono a Samarcanda furono Qāḍī-zāda al-Rūmī e Al-Kashi.

L'osservatorio fu tuttavia distrutto pochi anni dopo, nel 1449, da fanatici religiosi e fu riscoperto solo nel 1908 dall'archeologo russo V.L. Vyatkin, che aveva trovato un atto di waqf che indicava l'esatta posizione dell'osservatorio[3].

DescrizioneModifica

Uno dei più importanti strumenti utilizzati nell'osservatorio era un largo arco usato per determinare il mezzogiorno[4]. Nella collina era stata scavata una galleria larga circa due metri, orientata lungo il meridiano passante per l'osservatorio. Essa ospitava l'arco dello strumento. Il quadrante era alto undici metri e raggiungeva la sommità dell'edificio di tre piani che lo circondava. Con il suo raggio di 40,4 metri era il quadrante più grande del mondo[3].

Fra gli altri strumenti usati nell'osservatorio vi erano la sfera armillare e l'astrolabio.

RisultatiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Zij-i Sultani.
 
La madrasa di Ulugh Beg

Il principale risultato dell'attività scientifica dell'osservatorio di Samarcanda furono le tavole astronomiche chiamate Zīj-i Sultānī (in arabo: یجِ سلطانی), così chiamate in quanto opera di Ulugh Beg.

Ulugh Beg determinò la durata dell'anno tropico in 365 giorni, 5 ore, 49 minuti e 15 secondi, con un errore di 25 secondi rispetto all'attuale computo. Il sultano astronomo determinò anche l'inclinazione assiale della terra in 23°52, valore tuttora confermato[5]

NoteModifica

  1. ^ Science in Islamic civilisation: proceedings of the international symposia: "Science institutions in Islamic civilisation", e "Science and technology in the Turkish and Islamic world"[1]
  2. ^ Osmanlı imparatorluğunun doruğu 16. yüzyıl teknolojisi, a cura di Kazım Çeçen, Istanbul, 1999, Omaş ofset A.Ş.
  3. ^ a b Samarqand[collegamento interrotto], Raw W Travels. URL consultato il 1º novembre 2009.
  4. ^ Observatories in Islamic History, Islamonline.net. URL consultato il 1º novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2007).
  5. ^ Hugh Thurston, Early Astronomy, New York, Springer-Verlag, pag. 194, ISBN 0-387-94107-X.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica