Apri il menu principale

Ottone Bacaredda

giurista, scrittore e politico italiano
(Reindirizzamento da Ottone Baccaredda)
Ottone Bacaredda
Ottone Bacaredda.jpg

Sindaco di Cagliari
Durata mandato 1890 –
1902
Predecessore Gaetano Orrù
Successore Giuseppe Picinelli

Durata mandato 1905 –
1906
Predecessore Giuseppe Picinelli
Successore Emilio Podestà
(Commissario regio)

Durata mandato 1907 –
1910
Predecessore Angelo Sanguino
(Commissario prefettizio)
Successore Erminio Giua
(Commissario prefettizio)

Durata mandato 1911 –
1917
Predecessore Antonio Concordi
(Commissario prefettizio)
Successore Giuseppe Manno
(Commissario prefettizio)

Durata mandato 1920 –
1921
Predecessore Giuseppe Manno
(Commissario prefettizio)
Successore Gavino Dessì Deliperi

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXI
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione docente universitario

Ottone Bacaredda (Cagliari, 20 dicembre 1849Cagliari, 26 dicembre 1921) è stato un giurista, scrittore e politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Ottone Bacaredda (o Baccaredda, come spesso appare scritto il suo cognome causa l'errore fonetico del raddoppio della consonante c nel cagliaritano parlato[1]) nacque a Cagliari nel 1849. Studiò giurisprudenza presso l'università della città natale e vi conseguì la laurea nel 1871.

Successivamente si recò con la famiglia a Roma, e poi a Firenze. In questo periodo Bacaredda si dedica all'attività giornalistica, scrivendo per alcuni giornali locali. Tornato a Cagliari nel 1875, passa all'insegnamento universitario del Diritto penale.

Dal 1884 si cimenta nella politica, arrivando a ricoprire la carica di sindaco di Cagliari (tra il 1890 e il 1902 e nuovamente tra il 1905 e il 1906, tra il 1907 e il 1910, tra il 1911 e il 1917 e tra il 1920 e 1921 anno della sua morte) e quella di deputato al Parlamento nel 1900.

Come sindaco di Cagliari il suo ricordo è legato all'opera volta a favore dell'abbellimento urbano (realizzato negli anni a cavallo tra l'800 e il '900 attraverso la costruzione di edifici quali il palazzo Civico e il bastione di Saint Remy), a cui seguirono anche critiche e contestazioni, in particolare nel 1906, quando a Cagliari ci furono diversi scioperi di protesta contro il carovita.

Bacaredda scrisse diverse opere di vario genere, tra cui romanzi, poesie e saggi giuridici. Morì nel 1921 e venne sepolto nel cimitero di Bonaria.

A Cagliari gli è dedicata una via nel centro cittadino.

OpereModifica

Romanzi e raccontiModifica

  • Roccaspinosa. Genova, 1874
  • Casa Corniola. (A. Sommaruga, Roma, 1894)
  • Bozzetti sardi. Cagliari, 1881

Opere teatraliModifica

  • Amico d'infanzia (commedia in tre atti). Cagliari, 1879

SaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ Per esempio nella lastra tombale, sopra la quale si legge appunto "OTTONE BACCAREDDA", come osserva Gian Paolo Caredda alla pagina 100 de Il camposanto cagliaritano di Bonaria: un abbandono monumentale, saggio pubblicato a Cagliari nel 2007

BibliografiaModifica

  • Ottone Bacaredda. Opere. Scritti letterari. Comune di Cagliari-Janus, Cagliari, 1997-1998: vol. I, Le novelle e le poesie, a cura di Cristina Lavinio; vol. II, tomo 1, I romanzi (Cuor di donna; Un uomo d'onore), a cura di C. Lavinio; vol. II, tomo 2, I romanzi (Roccaspinosa), a cura di Giovanni Pirodda; vol. II, tomo 3, I romanzi-La commedia (Casa Corniola, L'amico d'infanzia), a cura di C. Lavinio; vol. III, Le traduzioni (Colomba, Il marito di due mogli), a cura di Giovanni Pirodda; vol. IV, Gli scritti giornalistici, a cura di Luciano Marrocu.
  • Ottone Bacaredda. Casa Corniola. Ilisso, Nuoro, 2003. ISBN 8887825580
  • Gian Giacomo Ortu. Cagliari tra passato e futuro. CUEC, Cagliari, 2004. ISBN 8884671779

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29388061 · ISNI (EN0000 0000 6127 7004 · SBN IT\ICCU\CAGV\015168 · LCCN (ENnr91011819 · GND (DE173722180 · BAV ADV10149241