Apri il menu principale
Biblioteca comunale Ariostea
Paradiso Palace.JPG
Palazzo Paradiso
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
CittàFerrara
IndirizzoVia delle Scienze, 17 - 44121
Caratteristiche
TipoPubblica
ISILIT-FE0017
StileRinascimentale
Costruzione1391
Sito web

Coordinate: 44°49′58.15″N 11°37′17.54″E / 44.832819°N 11.621539°E44.832819; 11.621539

La Biblioteca comunale Ariostea si trova nel Palazzo Paradiso di Ferrara in via delle Scienze 17, all'angolo con via Giuoco del Pallone.

Indice

Palazzo ParadisoModifica

Il palazzo Paradiso fu costruito nel 1391 come palazzo di delizia estense su incarico di Alberto V d'Este e venne decorato con affreschi della vita di corte. Divenne sede concilare tra il 1437 ed il 1438 durante il Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze.

 
Mausoleo dell'Ariosto nella sala al primo piano di palazzo Paradiso

Nel Seicento a seguito di un intervento di Giovan Battista Aleotti venne costruita la torre dell'orologio e il portale marmoreo e il palazzo assunse il suo aspetto attuale. Lo scalone d'onore del palazzo è monumentale, in marmo, adorno di epigrafi ed affeschi.

Il cortileModifica

Il palazzo in origine aveva quattro corpi di fabbrica che si affacciavano su una corte rettangolare, con tre logge. Di queste oggi ne resta una solamente, ma il cortile conserva molto dell'atmosfera mediavela di quel primo periodo.

Biblioteca AriosteaModifica

Nel 1753 il palazzo divenne sede della biblioteca civica e la sala più importante della biblioteca, al primo piano, conserva la tomba di Ludovico Ariosto alla cui memoria la biblioteca è intitolata. Il mausoleo dell'Ariosto (opera di Giovan Battista Aleotti) vi fu trasferito con le ceneri del poeta nel 1801 per ordine del generale francese Miollis. In precedenza si trovava nella chiesa di San Benedetto.[1]

Dal 1892 direttore della biblioteca fu Giuseppe Agnelli, personalità molto attiva sul piano culturale a Ferrara e fondatore, nel 1906, della Ferrariae Decus.[2]

La biblioteca contiene diversi volumi e manoscritti antichi, incunaboli, codici miniati, cimeli dell'Ariosto e di altri scrittori. Contiene circa 650 edizioni diverse delle opere di Ariosto tra le quali alcune dell'epoca.

Nel corso degli anni le sue sale storiche e gli archivi sono stati frequentati da molti esponenti della cultura non solo cittadina come Giorgio Bassani, Flavio Bertelli, Adriano Franceschini, Marco Antonio Guarini e Gianna Vancini.

 
Lapide nello scalone d'onore di palazzo Paradiso a ricordo di Ludovico Ariosto

Sede Università degli Studi di FerraraModifica

Nel 1567 l'edificio venne dato in affitto dal cardinale Ippolito II d'Este al magistrato dei Savi, affinché vi trasferisse tutte le facoltà universitarie, quindi il palazzo fu sede dell'Università degli Studi di Ferrara da quel momento sino al 1963. Dopo quella data nel palazzo rimase solo la biblioteca comunale Ariostea.

Nello scalone d'onore varie lapidi ricordano ad esempio Niccolò Copernico, che si laureò a Ferrara nel 1503 in diritto canonico, Paracelso, che in questo stesso edificio divenne dottore in medicina, e Ludovico Ariosto, che gli studenti dell'università vollero ricordare nel 1875.

Teatro anatomicoModifica

Nell'edificio è presente un teatro anatomico ricostruito nel 1731 dall'architetto Mazzarelli in sostituzione di una sala precedente risalente al XVI secolo e non più sufficiente per le necessità universitarie del periodo.[3]

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Gerolamo Melchiorri, Nomenclatura ed etimologia delle piazze e strade di Ferrara e Ampliamenti, a cura di Carlo Bassi, Ferrara, 2G Editrice, 2009, ISBN 978-8889248218.
  • Alessandra Chiappini (a cura di), Palazzo Paradiso e la Biblioteca Ariostea, Loredana Olivato (testi), Luigi Balsamo (introduzione), Roma/Ferrara, Editalia/Fondazione Cassa di risparmio, 1993, SBN IT\ICCU\FER\0094772.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN133491721 · ISNI (EN0000 0001 2287 4591 · BNF (FRcb12259521b (data)