Disambiguazione – "Short" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Short (disambigua).
Disambiguazione – "Shorts" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Shorts (disambigua).

I pantaloncini (chiamati anche pantaloni corti, short o shorts[1]) sono un tipo di pantalone unisex, che copre le gambe dal bacino fino all'altezza delle ginocchia.

Una ragazza indossa un paio di short di jeans.

Storia modifica

Gli short cominciano ad essere utilizzati principalmente negli Stati Uniti fra il XIX e il XX secolo dai bambini maschi fino all'età dell'adolescenza. In alcune scuole i pantaloncini facevano parte della divisa, associati con calzini lunghi fino alle ginocchia.[2] Quando i ragazzi arrivavano all'adolescenza, i pantaloncini venivano sostituiti dai pantaloni normali, relegando nella mentalità collettiva i pantaloncini ad indumento per l'infanzia, nonostante i soldati che operavano in zone tropicali, utilizzassero una divisa con pantaloncini.

Dalla metà del XX secolo gli short sono entrati a far parte dell'abbigliamento, sia maschile che femminile, di tutte le età, benché siano comunemente considerati capi da indossare in situazioni piuttosto informali[3][4]. In ambienti e situazioni formali o lavorative, gli short sono spesso sconsigliati, laddove non siano espressamente proibiti. Nei paesi del Medio oriente i pantaloncini hanno molto meno diffusione fra gli uomini, e sono quasi del tutto impensabili per una donna. Questo costume è principalmente dovuto ai tabù sociali e religiosi, secondo cui è immorale che una donna mostri le proprie gambe.

Modelli modifica

Attualmente i pantaloncini variano per design, lunghezza e materiale. Fra i modelli più diffusi sicuramente vanno ricordati i bermuda, dotati di tasche e passanti per la cintura. Dagli anni ottanta in avanti sono diventati molto popolari gli short realizzati in jeans lunghi fino al ginocchio per gli uomini, e fino a metà della coscia per le donne. Gli short sono anche ampiamente utilizzati nello sport, e spesso realizzati in materiale tecnico per favorire le performance dell'indossatore.

Gli short che si estendono fino oltre la metà del polpaccio vengono chiamati pinocchietti.

Stili modifica

Immagine Nome Descrizione
  Baggies Pantaloncini larghi che arrivano al ginocchio. Questo particolare stile è stato associato alle divise da calcio e a sport simili dal 1904, quando la Federcalcio inglese abbandonò la regola che imponeva ai giocatori di coprirsi le ginocchia.[5] I pantaloncini lunghi e larghi sostituirono rapidamente i precedenti pantaloni alla zuava.[5] Fino agli anni '60, i calciatori chiamavano questi indumenti "mutandine" ("knickers"), ma dopo gli anni '60 il termine "pantaloncini" è entrato nell'uso standard.[5] Durante gli anni '70 e '80, i pantaloncini molto più corti divennero l'abbigliamento standard per i calciatori, ma in seguito all'adozione di pantaloncini più lunghi da parte del Tottenham Hotspur FC per una partita del 18 maggio 1991, nonostante la presa in giro iniziale, la lunghezza più lunga divenne di nuovo più ampiamente indossata.[6] Un soprannome popolare per la squadra di calcio del West Bromwich Albion dall'inizio del 1900 è stato "Baggies". A volte si presume che questo sia in riferimento ai pantaloncini dei giocatori, sebbene ci siano più spiegazioni alternative.[7][8]

"Baggies" è anche un termine alternativo per i boardshorts.[9][10]

  Bermuda
 
Uomo in bermuda
 
Donna in bermuda, 1952
Pantaloni corti, che terminano da tre a quattro pollici sopra il ginocchio, comunemente indossati dagli uomini in bermuda (con calze al ginocchio, giacca e cravatta) per abiti da lavoro e anche ai cocktail party.[11][12] Sono disponibili in un'ampia gamma di colori, che vanno dal classico grigio e blu marino, a tonalità più luminose come l'arancione, il verde e il rosa.[12] Nonostante il loro nome, non sono di origine bermudiana, ma furono originariamente progettati intorno al 1900 per l'abbigliamento militare delle forze armate britanniche nei climi tropicali.[12] Dagli anni '20 in poi questi pantaloncini dell'uniforme militare iniziarono ad essere copiati da sarti e civili delle Bermuda, e successivamente furono ripresi dai turisti che ne diffusero lo stile in tutto il mondo.[12] I turisti che si sono appropriati dello stile indossavano bermuda quasi esclusivamente come abbigliamento casual.[12]

All'inizio degli anni '90 i bermuda furono accettati in Francia come un'opzione alla moda per le donne, sebbene dagli anni '30 si fossero affermati sempre più come un'opzione per l'abbigliamento sportivo alla moda delle donne americane.[13][14] In America, nonostante le critiche diffuse, i bermuda furono adottati da studenti e studentesse nei campus universitari dagli anni '20 e '30 in poi, e negli anni '50 furono ampiamente indossati.[14] All'inizio del 21º secolo in America, i bermuda da donna sono conosciuti come "pantaloncini da città" e di solito sono lunghi fino al ginocchio, assomigliando a una gonna a tubino (una gonna attillata con un taglio dritto e stretto. Generalmente l'orlo cade o è appena sotto il ginocchio[15]).[12]

  Boardshorts I boardshorts sono una forma di pantaloncini lunghi e larghi specificamente progettati per l'abbigliamento da spiaggia e gli sport acquatici. Possono anche essere descritti come "baggies" o "jams".[9][10] Come "costumi da bagno per surf" emersero per la prima volta alle Hawaii negli anni '50, distinguendosi per la loro costruzione che includeva cerniere e tasche sicure e sigillabili.[16] Questi primi costumi erano realizzati in cotone, anche se i sintetici ad asciugatura rapida come il nylon e il neoprene trovarono rapidamente il favore di chi li indossava.[16] Sono fatti per arrivare al ginocchio per proteggere le gambe del surfista dall'attaccarsi alla cera sulla loro tavola da surf.[16]

Nel 1970 l'azienda Quiksilver offrì un design di boardshort di grande successo che si guadagnò rapidamente una reputazione tra i surfisti come il meglio che si potesse avere.[17] In seguito sarebbero stati i pionieri di una linea di pantaloncini da surf appositamente progettati per le donne che li indossavano.[10] Altri produttori leader di boardshort includono Billabong e Rip Curl.[10]

Nel 2010, il boardshort era ampiamente indossato come indumento alla moda oltre la spiaggia, anche come abbigliamento da club e nelle scuole.[16] All'inizio del 21º secolo, il poliestere è sempre più utilizzato, spesso mescolato con altre fibre come Lycra, elastan o spandex, creando un effetto ultrasuede.[18]

  Boxer
 
Il wrestler John Quinlan in boxer (2010)
Pantaloncini in tessuto morbido con elastico in vita solitamente indossati come biancheria intima, ma originariamente progettati per essere indossati dai partecipanti alla boxe. Nella loro forma attuale i "pugili" furono introdotti nel 1925 da Jacob Golomb (fondatore dell'azienda di attrezzature sportive e abbigliamento Everlast) come alternativa ai pantaloncini con cintura di pelle che indossavano tipicamente i pugili.[19] Successivamente sono diventati anche un'alternativa alla biancheria intima lunga.[20] I boxer da uomo come indumenti intimi iniziarono ad essere presentati con stampe e modelli innovativi dalla fine degli anni '50 in poi.[21] Durante gli anni '80 e '90 le donne iniziarono a indossare boxer abbinati a magliette come abbigliamento da casa o da notte.[22] I boxer briefs (a volte detti boxer-slip, boxer attillati o A-Fronts), emersi negli anni '90, sono una variazione specifica della biancheria intima sui boxer, ma realizzati in tessuto a maglia elastica per una vestibilità aderente.[23]
  Boyshorts Boyshorts (o boy shorts) sono una forma di biancheria intima femminile emersa per la prima volta negli anni '90, somigliando molto a hotpants abbreviati.[24] Sono tagliati con lati larghi e vita bassa, riducendo il rischio di biancheria visibile sotto i vestiti ("panty line"[25]).[26] Questo tipo di pantaloncini sono sempre più indossati come abbigliamento esterno in contesti sportivi, come da Serena Williams sul campo da tennis,[24] o da atlete e corridori come alternativa ai "bun-huggers".[27]
  Bun huggers Bun-huggers è un nome popolare per pantaloncini sportivi unisex molto corti e attillati, noti anche come "slip da corsa". Sono stati paragonati agli slip dei bikini.[27][28] Nel 2008 è stato notato che la Federazione internazionale di pallavolo richiedeva che le giocatrici indossassero tali indumenti durante il gioco.[28] Sebbene si sostenga e si affermi che i bun-hugger consentono a chi li indossa di muoversi senza ostacoli e godere di un'ampia gamma di movimenti, i portatori e gli osservatori hanno espresso disagio per la loro crescente scarsità.[27][28] Uno studio realizzato dalla Women's Sports Foundation ha commentato che rendere obbligatori tali indumenti per le atlete significava "avventurarsi nell'arena dello sfruttamento degli atleti". Dalla metà degli anni 2000 tali indumenti vengono sempre più sostituiti da boyshorts che offrono maggiore copertura e sicurezza a chi li indossa.[27]
  Cargo shorts (pantaloncini cargo) I pantaloncini cargo sono una versione abbreviata dei cargo pants (anche detti pantaloni da combattimento dopo il loro scopo originale come abbigliamento da lavoro militare, sono pantaloni dal taglio ampio originariamente progettati per ambienti di lavoro difficili e attività all'aperto, contraddistinti da numerose ampie tasche[29]), tipicamente intorno al ginocchio, con tasche multiple che sono tipicamente cucite ai lati esterni delle gambe. Nel 1980 i pantaloncini cargo furono commercializzati come ideali per lo sportivo o il pescatore, con le alette delle tasche che assicuravano che il contenuto delle tasche fosse al sicuro ed era improbabile che cadesse.[30] Dalla metà alla fine degli anni '90 i pantaloncini cargo hanno trovato popolarità nella moda maschile tradizionale.[31] Nel 2012, Tim Gunn ha osservato che mentre le tasche erano innegabilmente utili per trasportare oggetti per il lavoro o altri strumenti quotidiani, i pantaloncini cargo erano più pratici che eleganti.[32]
  Culotte Le culotte furono introdotte a metà del XX secolo come versione abbreviata della gonna divisa della fine del XIX secolo destinata all'equitazione e alla bicicletta. Sebbene chiamate gonne culotte, sono fondamentalmente pantaloncini interi costruiti per nascondere la loro divisione.[33] Dalla metà del XX secolo le culotte sono state sempre più offerte come alternativa alle gonne nelle uniformi femminili, ad esempio durante la guerra del Vietnam, quando le lavoratrici della Croce Rossa trovarono le loro gonne uniformi poco pratiche intorno agli elicotteri.[34]
  Cut-offs Chiamato anche "cutoffs". Un termine generico per i pantaloni in cui le gambe sono state tagliate a metà. Il concetto esiste dagli anni '30, quando i pantaloncini iniziarono ad essere indossati in modo accettabile al di fuori del campo sportivo.[14] Durante gli anni '60 e '70 il concetto di tagliare deliberatamente le gambe dei jeans, lasciando sfilacciare il bordo grezzo, insieme ad altri mezzi per personalizzarli, prese piede come parte della cultura giovanile occidentale.[35] Mentre i tagli possono essere fatti in casa da jeans esistenti, anche i tagli già pronti vengono venduti al dettaglio.[36] I cut-offs estremamente corti sono noti come "Daisy Dukes".[37]
  Cycling shorts (pantaloncini da ciclismo)
 
Bib shorts
I pantaloncini da ciclismo sono pantaloncini lunghi attillati specificamente progettati per essere indossati dai ciclisti per ridurre gli sfregamenti. Sebbene spesso dotati di elastico in vita, uno stile alternativo popolare con bretelle integrali, più comodo a lungo termine per i ciclisti seri, è chiamato pantaloncini con bretelle (bib shorts).[38] Sono progettati per adattarsi alla postura di un ciclista piegato in posizione di gara, tagliati più lunghi nella parte posteriore che nella parte anteriore per garantire una copertura completa[39]. Dagli anni '80, tali indumenti sono sempre più progettati per tenere conto della differenza tra corpi maschili e femminili, poiché i pantaloncini da donna richiedono una misura più lunga dalla vita al cavallo[39].

Dagli anni '80, i "pantaloncini da bici" (bike shorts) sono stati indossati anche come capi di moda, sebbene queste versioni spesso manchino dell'imbottitura interna e della costruzione richieste dai ciclisti.[40][41]

  Daisy Dukes Una versione estremamente corta di jeans tagliati, popolarmente conosciuta come "Daisy Dukes" in riferimento al personaggio di Catherine Bach con quel nome dal programma televisivo americano The Dukes of Hazzard.[37] Sono una forma di hot pants o pantaloncini corti, tipicamente indossati dalle donne.
  Denim shorts o Jorts (pantaloncini di jeans) I pantaloncini di jeans sono indossati da tutti i sessi. Possono anche essere chiamati "jorts", una combinazione di "jeans" e "shorts", sebbene questo termine sia probabilmente applicato agli stili larghi al ginocchio.[42][43]

Tuttavia, il termine può descrivere molti stili di pantaloncini realizzati in denim,[42] come i cut-off o i Daisy Dukes.[37] Il termine "jorts", definito semplicemente come pantaloncini di jeans, è stato aggiunto all'Oxford English Dictionary nel 2013.[44]

  Dolphin shorts ("pantaloncini da delfino") Uno stile specifico di pantaloncini da ginnastica, molto corti, originariamente realizzati in nylon con bordo a contrasto, spacchi laterali e angoli arrotondati, in voga negli anni '80.[45][46] Il nome è una storpiatura di Dolfin, la società americana che per prima ha prodotto i pantaloncini da corsa originali negli anni '80.[46] Un portatore di alto profilo di "pantaloncini da delfino" è il guru del fitness Richard Simmons, che nel 2012 si vantava di possedere 400 paia di Dolfin vintage.[47] Nel 2012, è stato riferito che i pantaloncini Dolfin arancioni sono specificati come parte dell'uniforme per le cameriere di Hooters.[48]
  Gym shorts (pantaloncini da ginnastica) Un termine generico per pantaloncini specificamente progettati per l'abbigliamento sportivo.
  Hotpants o Hot pants Il termine "hot pants" è apparso intorno al 1970 come descrizione di pantaloncini estremamente corti, realizzati in tessuti di lusso come velluto e seta, sottolineando il loro ruolo di capi di moda piuttosto che di abbigliamento pratico.[49][50] Nel 1976, Eleanor Lambert notò che il termine "hot pants" era stato coniato da Women's Wear Daily per descrivere le mode innovate dall'azienda francese di prêt-à-porter Dorothée Bis.[51] Lambert attribuisce anche a Mariuccia Mandelli del marchio di moda italiano Krizia il merito di aver disegnato i primi "hot pants" nel 1970.[51] Anche gli hotpants sono sempre più accreditati a Mary Quant.[52][53]

Mentre il termine "hotpants" è usato genericamente per descrivere pantaloncini corti realizzati in qualsiasi materiale, indumenti simili erano stati indossati sin dagli anni '30.[54] I pantaloncini da uomo molto corti possono anche essere occasionalmente chiamati hotpants.[54]

  Lederhosen Pantaloncini di pelle, spesso indossati con bretelle abbinate collegate da una fascia sul petto, tradizionalmente associati alla Baviera, in Germania e paesi precedentemente parte della regione del Tirolo e dell'Impero austro-ungarico.[55]
  Running shorts (pantaloncini da corsa)
 
Running shorts indossati da un corridore
Una forma di pantaloncini da ginnastica progettati specificamente per la corsa. Sono in genere leggeri, molto corti e divisi lateralmente (per consentire la libertà di movimento delle gambe), con una fodera interna per slip.[56] Il nylon è un tessuto popolare per i pantaloncini da corsa in quanto è leggero, ad asciugatura rapida e resistente.[57] I pantaloncini da corsa in nylon sono apparsi per la prima volta negli anni '70 e, nonostante l'iniziale resistenza tra gli uomini a indossare indumenti così morbidi e leggeri che sembravano lingerie, i pantaloncini in nylon sono diventati rapidamente popolari[39]. Una versione ancora più corta del pantaloncino da corsa, tipicamente indossata dai partecipanti al triathlon, è chiamata tri-short[39]. I "pantaloncini di delfino" sono una variante popolare dei pantaloncini da corsa.[45]

I pantaloncini da trail running sono in genere realizzati più lunghi e in tessuto più resistente che ha meno probabilità di impigliarsi e strapparsi sui rami sporgenti.[58]

  School shorts (pantaloncini scolastici) Pantaloncini progettati specificamente per essere indossati come parte di un'uniforme scolastica. Questi sono tradizionalmente realizzati nello stesso modo dei pantaloni completamente su misura, con passanti per cintura, tasche, chiusure con patta e fodera, ma tagliati alla lunghezza dei pantaloncini.[59] Originariamente veniva utilizzata la flanella di lana, come nei pantaloni lunghi, ma oggigiorno questi pantaloni corti sono più comunemente realizzati con tessuti misti sintetici.[59]

I tradizionali pantaloncini di flanella grigia associati all'uniforme scolastica britannica si erano affermati negli anni '20, quando erano lunghi fino al ginocchio o appena sopra di esso.[60][61] Fino agli anni '50 i pantaloncini scolastici venivano anche descritti come "knickers" nei cataloghi e nel gergo sartoriale.[62] Questo termine probabilmente ha avuto origine come abbreviazione di pantaloni alla zuava, che iniziarono ad essere indossati dagli scolari per lo sport negli anni ottanta dell'Ottocento.[63] Poiché il termine "knickers" era diventato sinonimo di "mutandine" nel 20º secolo, era usato raramente per i pantaloncini. Nel 2004, uno studio sulle scuole private britanniche ha notato che i tradizionali pantaloncini scolastici grigi erano diventati denotatori di uniformi scolastiche private o pubbliche, poiché non erano più richiesti dalle scuole statali.[64] Pantaloncini su misura simili fanno parte dell'uniforme scolastica in un certo numero di paesi, tra cui Australia, Singapore, Sud Africa e Nuova Zelanda,[59] e fanno anche parte dell'uniforme indossata dai bambini in organizzazioni come i Cub Scouts.

  Short shorts (pantaloncini corti)
 
Posa in short shorts, 1945
I pantaloncini corti, come suggerisce il nome, sono più corti della media. Tali indumenti erano noti sin dagli anni '30, quando le star femminili di Hollywood li indossavano per le fotografie pubblicitarie,[54] e a New York City fu approvata un'ordinanza (abrogata nel 1942) che vietava alle donne di indossarli.[65] Erano principalmente indossati per scopi sportivi e attivi, come il ciclismo.[66] I pantaloncini che terminavano nella parte superiore della coscia divennero sempre più popolari come abbigliamento informale per il tempo libero e abbigliamento sportivo negli anni '40, '50 e '60 sia per uomini che per donne.[67] All'inizio degli anni '70 iniziarono a essere realizzati pantaloncini corti con tessuti alla moda, nella cui forma divennero noti come hotpants, un termine reso popolare da Women's Wear Daily.[49][51][54] Da allora i termini hotpants e pantaloncini corti sono diventati intercambiabili.[54]
  Skort
 
Skort (una combinazione delle parole "skirt" e "shorts") sono realizzati con un lembo di tessuto davanti che crea l'illusione di essere una gonna dalla parte frontale.[68] Sono spesso indossati per lo sport e le attività attive.[68] Quando lo skort fu introdotto per la prima volta in America alla fine degli anni '50, descriveva un paio di pantaloncini con una sopragonna a pieghe attaccata.[69]
  Pantaloncini sartoriali I pantaloncini sartoriali sono più strutturati e aderenti. Di solito per ottenere un aspetto più sofisticato. Dal 2020 sono diventati popolari tra le donne e spesso fanno parte di set di pantaloncini da 2 pezzi.
  Zip-offs o Pantaloncini convertibili Pantaloni lunghi che si chiudono con zip al ginocchio, permettendo a chi li indossa di variare a piacere la lunghezza della gamba del pantalone. Spesso consigliate per le escursioni o le passeggiate, le zip-off esistono dagli anni '80.[70] Sono adatti anche ai pescatori, poiché i pantaloni più lunghi possono essere facilmente convertiti in pantaloncini lunghi.[71]

Note modifica

  1. ^ shorts, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ school uniform schoolwear : United States - individual schools chronology 1890s
  3. ^ (EN) History of Shorts, su Old Bull Lee. URL consultato il 18 marzo 2023.
  4. ^ (EN) A (not so) brief history of shorts, su Luca Faloni. URL consultato il 18 marzo 2023.
  5. ^ a b c Hunter Davies, Chapter 3. Equipment: Bring on the Balls, in Boots, Balls and Haircuts: An Illustrated History of Football from Then to Now, p. 51.
  6. ^ English FA Cup Finalists 1990–1999, su historicalkits.co.uk, HistoricalFootballKits.co.uk. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  7. ^ Why are we called The Baggies?, su baggies.com, BOING. URL consultato l'11 novembre 2007.
  8. ^ Gavin McOwan, The Essential History of West Bromwich Albion, Headline, 2002, pp. 38–40, ISBN 0-7553-1146-9.
  9. ^ a b Tracy Nelson Maurer, Surfing, Vero Beach, Fla., Rourke Pub., 2003, p. 21, ISBN 9781589522800.
  10. ^ a b c d Christine Schmidt, The swimsuit : fashion from poolside to catwalk, London, Berg, 2012, pp. 159–160, ISBN 9780857851253.
  11. ^ Carl Purcell e Ann Purcell, Bermuda: Volume 217 of the Insight Guides, a cura di Martha Ellen Zenfell, Apa Publications, 1991, p. 190.
  12. ^ a b c d e f Keith Archibald Forbes, Bermuda Shorts, su Bermuda Online. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  13. ^ Nancy L. Green, Bermuda Shorts in Comparative Perspective, in Ready-to-wear and ready-to-work : a century of industry and immigrants in Paris and New York, Durham, Duke University Press, 1997, pp. 105–135, ISBN 9780822318743.
  14. ^ a b c Deirdre Clemente, In the Gym, in Dress casual : how college students redefined American style, UNC Press Books, 2014, pp. 116–121, ISBN 9781469614076.
  15. ^ Fall Fashions (washingtonpost.com), su washingtonpost.com. URL consultato il 18 marzo 2023.
  16. ^ a b c d Malie Moran, Attila Pohlmann e Andrew Reilly, Honolulu street style, Bristol, Intellect, 2014, pp. 61–62, ISBN 9781783203079.
  17. ^ Richard Everist, The complete guide to the Great Ocean Road : walks, beaches, heritage, ecology, towns and sustainable tourism through southwest Victoria, Torquay, Vic., Best Shot!, 2009, p. 99, ISBN 9780975602348.
  18. ^ Staff writer, The best boardshorts for surfers in the world, su SurferToday.com. URL consultato l'8 aprile 2016.
  19. ^ Jeffrey A. Kroessler, The greater New York sports chronology, New York, Columbia University Press, 2010, p. 100, ISBN 9780231518277.
  20. ^ Steven A. Riess, Sports in America from Colonial Times to the Twenty-First Century: An Encyclopedia, Routledge, 2015, p. 257, ISBN 9781317459477.
  21. ^ Katy Werlin, Men's Dress and Fashion 1946-1960, in José Blanco F., Patricia Kay Hunt-Hurst, Heather Vaughan Lee e Mary Doering (a cura di), Clothing and Fashion: American Fashion from Head to Toe, ABC-CLIO, 2015, p. 199, ISBN 9781610693103.
  22. ^ José Blanco F., Patricia Kay Hunt-Hurst, Heather Vaughan Lee e Mary Doering (a cura di), Underwear, 1980-Present, in Clothing and Fashion: American Fashion from Head to Toe, ABC-CLIO, 2015, p. 199, ISBN 9781610693103.
  23. ^ Shaun Cole, The Story of Men's Underwear, New York, Parkstone International, 2012, p. 118, ISBN 9781780428826.
  24. ^ a b Erika Stalder, Fashion 101 a crash course in clothing, San Francisco, CA, Zest Books, 2008, p. 110, ISBN 9780547946931.
  25. ^ dictionary.cambridge.org.
  26. ^ Rebecca Apsan e Sarah Stark, Lessons in lingerie finding your perfect shade of seduction, New York, Workman Publishing, 2012, p. 87, ISBN 9780761175018.
  27. ^ a b c d Jim Gerweck, Going Any Length: The Long & Short of Running Shorts, in Running Times, maggio 2007, pp. 46–48.
  28. ^ a b c Patrice A. Oppliger, Girls Gone Skank: The Sexualization of Girls in American Culture, McFarland, 2008, p. 183, ISBN 9780786486502.
  29. ^ (EN) Ingrid Loschek, When Clothes Become Fashion: Design and Innovation Systems, Berg Publishers, 2009-08, ISBN 978-1-84788-366-7. URL consultato il 18 marzo 2023.
  30. ^ F. M. Paulson, Boating: What's New on the Waterfront, in Field & Stream, marzo 1980, p. 90.
  31. ^ Hong, Nicole Nice Cargo Shorts! You’re Sleeping on the Sofa Wall Street Journal. 3 August 2016
  32. ^ Tim Gunn e Ada Calhoun, Tim Gunn's fashion bible : the fascinating history of everything in your closet, New York, Gallery Books, 2012, p. 96, ISBN 9781451643862.
  33. ^ Doreen Yarwood, Illustrated encyclopedia of world costume, Mineola, N.Y., Dover Publications, Inc., 2011, p. 376, ISBN 9780486433806.
  34. ^ Gabriel Koureas, Militarization, Sexuality, and Red Cross Donut Dollies in the Vietnam War, in Ana Carden-Coyne (a cura di), Gender and Conflict Since 1914: Historical and Interdisciplinary Perspectives[collegamento interrotto], Palgrave Macmillan, 2012, p. 145, ISBN 9781137030276.
  35. ^ C. Regan, Role of denim and jeans in the fashion industry, in Roshan Paul (a cura di), Denim: Manufacture, Finishing and Applications, Elsevier, 2015, pp. 203–204, ISBN 9780857098498.
  36. ^ Kelly Aiglon, The long and short of cutoff jeans, in The Chicago Tribune, Tribune Publishing, 5 luglio 2007. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  37. ^ a b c Catherine Bach Defends the Dukes, in Beaver County Times, Beaver, PA, UPI, 11 ottobre 1981. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  38. ^ Kim Cross, How to Buy Bib Shorts, in Bicycling, 24 luglio 2013. URL consultato il 28 dicembre 2015.
  39. ^ a b c d (EN) New York Media LLC, New York Magazine, New York Media, LLC, 24 aprile 1989. URL consultato il 18 marzo 2023.
  40. ^ Tim Gunn e Ada Calhoun, Tim Gunn's fashion bible : the fascinating history of everything in your closet, 1st Gallery Books hardcover, New York, Gallery Books, 2012, p. 209, ISBN 9781451643862.
  41. ^ Vic Armijo, The complete idiot's guide to cycling, 1st, New York, N.Y., Alpha Books, 1999, ISBN 9781101198728.
  42. ^ a b Anna Lefler, The chicktionary from A-line to Z-snap, the words every woman should know[collegamento interrotto], Avon, Mass., Adams Media, 2011, p. 106, ISBN 9781440531231.
  43. ^ Georgea Kovanis, On Style: Jorts: Tacky, or trendy or both?, in Detroit Free Press, 27 maggio 2015. URL consultato il 1º gennaio 2016.
  44. ^ Leslie Price, Oxford English Dictionary Adds Flatforms, Jorts, Double Denim., su racked.com, Vox Media. URL consultato il 1º gennaio 2016.
  45. ^ a b David Mansour, From Abba to Zoom a pop culture encyclopedia of the late 20th century, Kansas City, MO, Andrews McMeel Pub., 2005, p. 126, ISBN 9780740793073.
  46. ^ a b Erin Negley, Which 'Wet Hot American Summer' outfit is made in Pennsylvania Dutch country?, in Lancaster Online, LNP Media Group, 8 settembre 2015. URL consultato il 1º gennaio 2016.
  47. ^ Sara McGinnis, Richard Simmons' new life as Dickie Jukebox, in SheKnows.com, 27 aprile 2012. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  48. ^ David Finkel, At Hooters, Men are Men and the Women are Girls. Anbody got a problem with that?, in The Washington Post, 2 ottobre 2012. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  49. ^ a b Valerie Cumming, C.W. Cunnington e P.E. Cunnington, The dictionary of fashion history, Oxford, Berg, 2010, ISBN 9781847887382.
  50. ^ Valerie Steele, Fifty years of fashion : new look to now, English, New Haven, Yale University Press, 2000, p. 87, ISBN 9780300087383.
  51. ^ a b c Eleanor Lambert, World of fashion: people, places, resources, New York, R.R. Bowker Co., 1976, pp. 53, 132, ISBN 9780835206273.
  52. ^ Katy Werlin, Hot Pants, in José Blanco F., Patricia Kay Hunt-Hurst, Heather Vaughan Lee e Mary Doering (a cura di), Clothing and Fashion: American Fashion from Head to Toe, ABC-CLIO, 2015, p. 160, ISBN 9781610693103.
  53. ^ Louise Hamer e Stella Blum, Fabulous Fashion 1907-67: Exhibition from the Costume Institute, the Metropolitan Museum of Art, New York, a cura di Rowena Clark, International Cultural Corporation of Australia, 1º gennaio 1981.
  54. ^ a b c d e I. Willis Russell e Mary Gray Porter, Among The New Words, in John Algeo e Adele S. Algeo (a cura di), Fifty Years Among the New Words: A Dictionary of Neologisms 1941-1991, Cambridge University Press, 1993, pp. 167–8, ISBN 9780521449717.
  55. ^ Adam Geczy, Lederhosen, in Annette Lynch e Mitchell D. Strauss (a cura di), Ethnic Dress in the United States: A Cultural Encyclopedia, Rowman & Littlefield, 2014, pp. 185–6, ISBN 9780759121508.
  56. ^ Michael Spilling e Sean Fishpool, Long distance running for beginners, New York, Rosen Pub., 2012, p. 16, ISBN 978-1448848140.
  57. ^ Chris Hayhurst, Ultra marathon running, 1st, New York, NY, Rosen Pub. Group, 2002, p. 34, ISBN 9780823935574.
  58. ^ Dagny Scott Barrios, Runner's world complete guide to trail running, Emmaus, PA., Rodale, 2003, p. 31, ISBN 1579547206.
  59. ^ a b c Christopher Wagner, School Shorts:England, su Historical Boy's Clothing. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  60. ^ Jayne Shrimpton, Tracing your ancestors through family photographs : a complete guide for family and local historians, Barnsley, Pen & Sword Family History, 2014, p. 88, ISBN 9781781592809.
  61. ^ Avril Lansdell, Everyday fashions of the twentieth century[collegamento interrotto], Princes Risborough, Shire, 1999, pp. 57–58, ISBN 0747804281.
  62. ^ Alexander Davidson, Blazers, badges and boaters : a pictorial history of school uniform, Horndean, Hants, Scope Books, 1990, pp. 166–167, ISBN 9780906619254.
  63. ^ Alexander Davidson, Blazers, badges and boaters : a pictorial history of school uniform, Horndean, Hants, Scope Books, 1990, p. 126, ISBN 9780906619254.
  64. ^ Geoffrey Walford, British Private Schools: Research on Policy and Practice, Routledge, 2004, p. 128, ISBN 9781135783259.
  65. ^ Marilyn E. Weigold, She Wears Short Shorts!, in Yonkers in the Twentieth Century, Yonkers Historical Society, SUNY Press, 30 ottobre 2014, pp. 96–99, ISBN 978-1438453941.
  66. ^ June Machover Reinisch, Ideal Images and Kinsey's Women, in Betsy Stirratt e Catherine Johnson (a cura di), Feminine persuasion : art and essays on sexuality, Bloomington, Indiana University Press, 2003, p. 16, ISBN 0253215897.
  67. ^ Katy Werlin, Women's Dress and Fashion 1946-1960, in José Blanco F., Patricia Kay Hunt-Hurst, Heather Vaughan Lee e Mary Doering (a cura di), Clothing and Fashion: American Fashion from Head to Toe, ABC-CLIO, 2015, p. 316, ISBN 9781610693103.
  68. ^ a b Anna Lefler, The chicktionary from A-line to Z-snap, the words every woman should know[collegamento interrotto], Avon, Mass., Adams Media, 2011, p. 179, ISBN 9781440531231.
  69. ^ (EN) Time Inc, LIFE, Time Inc, 10 giugno 1957. URL consultato il 18 marzo 2023.
  70. ^ Bob Woodward, Short Cuts: How to dress as cool as Gurkha in hot weather, in Backpacker, maggio 1985, pp. 37–39.
  71. ^ Barry Beck e Cathy Beck, Fly-fishing the flats, 1st, Mechanicsburg, Pa., Stackpole Books, 1999, p. 91, ISBN 0811706265.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  • Short, su dellamoda.it. URL consultato il 16 novembre 2022 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2009).
Controllo di autoritàLCCN (ENsh99004572 · J9U (ENHE987007539776905171
  Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda