Paolo Guinigi

politico italiano
Paolo Guinigi
Anonimo toscano, ritratto ideale di paolo guinigi, 1590 ca..JPG
Anonimo toscano, Ritratto ideale di Paolo Guinigi, 1590 circa
Signore di Lucca
Stemma
In carica 21 novembre 1400 - 15 agosto 1430
Nascita Lucca, 1376
Morte Pavia, 1432
Sepoltura Basilica di San Pietro in Ciel d'Oro, cappella di Sant'Agostino, Pavia
Dinastia Guinigi
Padre Francesco Guinigi
Madre Filippa di Arbore Serpenti
Coniugi Maria Caterina Antelminelli
Ilaria del Carretto
Piacentina da Varano
Jacopa Trinci
Figli
  • Ladislao, Ilaria Minor (da Ilaria)
  • Rinaldo, Agostino Filippo, Sveva, Vangelista (da Piacentina)
  • Filippa (da Jacopa)
  • Stefano (naturale, da una schiava)
Religione Cattolicesimo

Paolo Guinigi (Lucca, 1376Pavia, 1432) è stato un politico italiano.

Ascesa politicaModifica

Figlio di Francesco Guinigi e di Filippa di Arbore Serpenti e ultimo di cinque fratelli, Paolo, condizionato dalla concorrenza dei congiunti, non aveva alcuna probabilità di diventare signore di Lucca. Già dal 1370, infatti la famiglia Guinigi aveva acquistato un grande potere a Lucca prima con Francesco Guinigi, padre di Paolo, e poi con Lazzaro Guinigi, fratello di Paolo. Infatti i Guinigi unirono il loro patrimonio e potere con la fortuna economica del ramo della famiglia Antelminelli di Lucca, di cui Filippa era discendente, per ottenere una posizione di risalto nella signoria lucchese.[1]

Paolo fu inviato a Londra nel 1389, poi nelle Fiandre dal 1390 al 1392 dove sviluppò una grande esperienza. Successivamente rientrò in patria e coprì alcune importanti cariche politiche e militari quali membro del Consiglio generale nel 1392 e la carica di Anziano nel 1395.

Pur non essendo inizialmente il candidato della casata ad assumere il potere sulla città, una serie di tragici avvenimenti, come la morte dei fratelli, lo designò a pieno titolo. Vi fu infatti anche una guerra fratricida nella quale Paolo combatté contro il fratello Antonio Guinigi per vendicare la morte dell'altro fratello Lazzaro.

Nel 1400, Paolo assunse il potere facendosi nominare capitano e difensore del popolo, diventando Signore di Lucca il 21 novembre.

Le mogliModifica

 
Monumento funebre di Ilaria del Carretto, seconda moglie di Paolo Guinigi, ad opera di Jacopo della Quercia

Nel 1400 Paolo sposò Maria Caterina della famiglia lucchese degli Antelminelli legandosi ulteriormente alla prestigiosa e influente discendenza di Castruccio Castracani, già Signore di Lucca. Il matrimonio, pare mai consumato, fu celebrato quando Maria Caterina aveva appena 11 anni, e questa morì quasi subito dopo le nozze.

Dopo la morte della prima moglie nel 1403 Paolo sposò Ilaria del Carretto, della ligure famiglia Del Carretto, dalla quale ebbe il primo figlio Ladislao. La morte di Ilaria nel 1406, durante il parto della seconda figlia Ilaria minor, è legata alla realizzazione del famoso sarcofago di Jacopo della Quercia che si trova nella cattedrale di San Martino a Lucca.[2]

Paolo si sposò altre due volte, con Piacentina da Varano (da cui ebbe quattro figli sopravvissuti) e con Jacopa Trinci (da cui ebbe una figlia).

PoliticaModifica

Paolo all'inizio della sua signoria realizzò alcune opere pubbliche incrementando in particolare la fortificazione di Lucca e di conseguenza la sicurezza della città. Il 9 maggio 1401 iniziò la costruzione di un baluardo sui resti dell'antica fortezza Augusta realizzata da Castruccio Castracani nel 1322 e successivamente smantellata nel 1370. La nuova fortificazione fu chiamata la Cittadella e Paolo vi elesse la sede del suo potere.[3]

Dal punto di vista commerciale potenziò l'efficienza del commercio del marmo di Carrara, dell'attività bancaria e della produzione dei prodotti in seta, facilitando l'afflusso a Lucca dei maestri da ogni parte di Europa. Perché i commerci prosperassero, Paolo attuò una politica estera conciliante, cercando alleanze con tutti i principati italiani e soprattutto con il papato. Questa strategia teneva in considerazione la limitata capacità bellica lucchese, volta invece principalmente verso il commercio.[4]

ArteModifica

Paolo fu un buon mecenate secondo gli usi dell'epoca: oltre al famoso sarcofago di Ilaria del Carretto eseguito nel 1408 da Jacopo della Quercia e posto nel duomo di Lucca, Paolo Guinigi commissionò altre importanti opere, in particolare il polittico con la Madonna col Bambino e i santi Lorenzo, Girolamo e Frediano nella basilica di San Frediano, scolpita da Jacopo della Quercia tra 1412 e 1422.
Per suo volere venne eretta anche la villa Guinigi dentro le mura di Lucca, oggi sede del Museo nazionale, con una ricca biblioteca.[5]

La cadutaModifica

Nel 1429 Lucca fu attaccata dai fiorentini a causa dell'alleanza lucchese con il duca di Milano Filippo Maria Visconti. I fiorentini, guidati da Niccolò Piccinino, penetrarono facilmente nelle campagne lucchesi e cinsero d'assedio le mura della città. Solo l'aiuto di Francesco Sforza scongiurò la caduta di Lucca in mano a Firenze.
Ma nel disordine che seguì questa vicenda, una rivolta popolare capeggiata da Pietro Cenami e Lorenzo Buonvisi il 15 agosto 1430 depose Paolo Guinigi e la repubblica venne nuovamente restaurata. Paolo venne processato e condannato a morte, fu poi arrestato, e morì nel 1432 in carcere a Pavia prigioniero del duca di Milano.
I beni della sua famiglia furono confiscati e dispersi. Fu anche tentato di smembrare il sarcofago di Ilaria del Carretto, ma per la sacralità dell'opera si ritenne di non distruggerlo, limitandosi a asportarne solo alcune pareti laterali, più tardi ritrovate e ricollocate ai lati del sepolcro.[6]

NoteModifica

  1. ^ Altavista
  2. ^ De Giovanni
  3. ^ Bongi
  4. ^ Lazzareschi
  5. ^ Sabbatini
  6. ^ Altavista

BibliografiaModifica

  • Clara Altavista, Lucca e Paolo Guinigi: la costruzione di una corte rinascimentale, ETS, Lucca, 2005
  • Salvatore Bongi, Di Paolo Guinigi E Delle Sue Ricchezze, ristampa Nabu Press, 2013
  • Neria De Giovanni, Ilaria Del Carretto. La donna del Guinigi. Storie e leggende, Pacini Fazzi, Lucca, 1999
  • Eugenio Lazzareschi, Francesco Sforza e Paolo Guinigi, Baroni, 1916
  • Renzo Sabbatini, I Guinigi tra '500 e '600: il fallimento mercantile e il rifugio nei campi, Pacini Fazzi, Lucca, 1979

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN237759137 · ISNI (EN0000 0003 8579 581X · LCCN (ENn93030547 · GND (DE131986619 · BNF (FRcb150981854 (data) · CERL cnp01390568 · WorldCat Identities (ENlccn-n93030547
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie