Apri il menu principale

Paolo Orsini

Condottiero italiano
Paolo Orsini
Paolo Orsini.jpg
Signore di Gallese
Stemma
Trattamento Signore
Altri titoli Signore di Canino, Fiano Romano, Olevano Romano, Orvieto, Marta, Montalto di Castro, Narni e Tuscania
Capitano generale della Chiesa
Nascita 1369
Morte Colfiorito, 5 agosto 1416
Dinastia Orsini
Padre Francesco Orsini
Madre ?
Consorte Rita Sanguigni
Figli Francesco (illegittimo)
Giampaolo
Calvinia
Religione Cattolicesimo
Paolo Orsini
Nascita1369
MorteColfiorito, 1416
Cause della morteAssassinio
Dati militari
Paese servitoFlag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio
FlorenceCoA.svg Repubblica di Firenze
Bandera de Nápoles - Trastámara.svg Regno di Napoli
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
BattaglieLiberazione di Roma (1409-1410) ed altre
voci di militari presenti su Wikipedia

Paolo Orsini (1369Colfiorito, 5 agosto 1416) è stato un condottiero italiano.

Fu signore di Canino, Fiano Romano, Gallese, Olevano Romano, Orvieto, Marta, Montalto di Castro, Narni e Tuscania e Capitano generale della Chiesa.

BiografiaModifica

Nato nel 1369 da Francesco Orsini, venne avviato alla carriera militare. Sin da giovane diede ampia dimostrazione del suo valore bellico e diplomatico. Nelle lotte tra il Re del Regno di Napoli Ladislao d'Angiò-Durazzo e Papa Innocenzo VII Paolo Orsini ristabilì l'autorità del pontefice sulla città di Roma (1406); contro i Colonna, alleati di Re Ladislao, difese Papa Gregorio XII e divenne Capitano generale della Chiesa (1407); durante la lontananza del Papa si schierò con Luigi II d'Angiò combattendo di nuovo contro il sovrano napoletano e riuscendolo a sconfiggere a Roccasecca (1411). In marcia verso la battaglia di Sant'Egidio contro Braccio da Montone, il 5 agosto 1416, a Colfiorito, venne ucciso a tradimento dai nemici Angelo Tartaglia, Cristoforo da Lavello e Ludovico Colonna ed il suo esercito fu sopraffatto da quello braccesco.

«Colui, ch'i Re domò, la Patria vinse
Pien di valor, d'ingegno, e di potenza;
Braccio crudel, con l'altrui braccio, estinse.
»

(Sonetto anonimo riportato da Giulio Roscio, Agostino Mascardi, Fabio Leonida, Ottavio Tronsarelli et al., in Ritratti et elogii di capitani illvstri, Roma, 1646, p. 82.)

DiscendenzaModifica

Paolo Orsini si sposò con Rita Sanguigni, da cui ebbe due figli, Giampaolo e Calvinia, di cui si hanno scarse notizie. Ebbe inoltre un figlio naturale di nome Francesco che fu un condottiero.

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Giulio Roscio, Agostino Mascardi, Fabio Leonida, Ottavio Tronsarelli et al., Ritratti et elogii di capitani illvstri, Roma, 1646.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica