Apri il menu principale

DescrizioneModifica

Questi animali erano lucertole di piccole/medie dimensioni, ed erano caratterizzati da una sorta di corazza di piastre ossee dorsali (osteodermi) di forma rettangolare, simili a quelle degli odierni coccodrilli. L'aspetto, infatti, doveva ricordare quello di minuscoli coccodrilli. Le fauci erano munite di denti a forma di piolo, che suggeriscono una dieta a base di insetti.

TassonomiaModifica

I paramacellodidi sono un gruppo di lucertole estinte, considerate attualmente vicine all'origine degli scincidi e dei cordilidi. Si svilupparono nel corso del Giurassico medio ma si diffusero nel corso del Giurassico superiore per proseguire la loro evoluzione nel Cretaceo inferiore: il ben noto genere Paramacellodus è un genere particolarmente longevo, vissuto tra il Bathoniano e l'Aptiano. Altri generi sono Mimobecklesisaurus e Saurillodon.

NoteModifica

  1. ^ Estes, R., Sauria terrestria, Amphisbaenia, in Handbuch der Paläoherpetologie, 10A, 1983, pp. 1-249.
  2. ^ Paramacellodidae, in Fossilworks. URL consultato il 1º marzo 2014.

BibliografiaModifica

  • R. Estes. 1983. Sauria terrestria, Amphisbaenia. Handbuch der Paläoherpetologie 10A:1-249
  • Evans, S.E. 2003, At the feet of the dinosaurs: the early history and radiation of lizards. Biol. Rev. (2003), 78, pp. 513–551.

Collegamenti esterniModifica