Pat Carroll (attrice)

attrice statunitense (1927-2022)

Patricia Ann Carrol (Shreveport, 5 maggio 1927Capo Cod, 30 luglio 2022[1]) è stata un'attrice statunitense.

Pat Carroll nel 1972

È apparsa in numerose serie televisive, ma è principalmente conosciuta per il ruolo di casalinga nella serie The Danny Thomas Show (1960) e per aver dato la voce alla strega del mare Ursula in La sirenetta (1989) e negli adattamenti successivi dello stesso film.

BiografiaModifica

Nata a Shreveport, in Louisiana, figlia di Kathryn Angela e Maurice Clifton Carroll, si trasferì poi a Los Angeles, dove si laureò successivamente all'Immaculate Heart High School. Nel 1956 vinse un Emmy Award per le fiction Caesar's Hour e Make Room for Daddy. Molto più tardi, nel 1980, prese parte al doppiaggio di numerosi cartoni animati come A Pup Named Scooby Doo, Galaxy High e In viaggio con Pippo.

Il ruolo di Ursula ne La sirenetta era da lei stessa considerato il suo preferito e più volte l'attrice dichiarò che sarebbe stata ricordata principalmente grazie a questo personaggio (al punto di firmare autografi con entrambi i nomi, scrivendo quello del personaggio con caratteri molto più grandi).

Nel 2005 interpretò un ruolo nella serie televisiva E.R. - Medici in prima linea. Nel 2007 divenne la prima direttrice dell'Intercontinental Television a Houston, Texas.

Filmografia parzialeModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatriceModifica

Doppiatrici italianeModifica

Da doppiatrice è sostituita da:

  • Cristina Grado in La sirenetta - Le nuove avventure marine di Ariel, House of Mouse - Il Topoclub, Il bianco Natale di Topolino - È festa in casa Dinsey, Topolino & i cattivi Disney
  • Sonia Scotti in La sirenetta, La sirenetta II - Ritorno agli abissi
  • Caterina Rochira in Gli Amici Cercafamiglia
  • Graziella Polesinanti in Le avventure di Sammy
  • Ludovica Modugno in Il meraviglioso mondo di Topolino

NoteModifica

  1. ^ (EN) Pat Carroll, TV Mainstay Turned Stage Star, Dies at 95, su nytimes.com. URL consultato il 1º agosto 2022.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN265864000 · ISNI (EN0000 0000 7399 3382 · LCCN (ENn94051801 · J9U (ENHE987007322047005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n94051801