Apri il menu principale
Un pattinatore di figura in-line

Il pattinaggio di figura in linea (Inline figure skating) è uno sport di recente diffusione, ultimo nato tra i vari tipi di pattinaggio di figura e che utilizza specifici pattini in linea. Si pratica sia a livello agonistico — sulle stesse piste idonee al pattinaggio artistico a rotelle, e con competizioni simili — ma anche come modalità di allenamento estivo su superfici di fortuna, nei periodi di inattività delle piste di ghiaccio.

L'attrezzoModifica

Pattino da artistico in linea a 3 ruote e tampone anteriore standard a vite

I pattini possono montare tre o quattro ruote in linea e includono un tampone anteriore.

Le ruote in poliuretano hanno spessore di 24mm, che è uniformato per tutti i tipi di pattini in linea. Il diametro esterno delle ruote è tipicamente di 68mm per i numeri di scarpa piccoli, di 70mm-72mm per pattini di taglia media muniti di quattro e tre ruote, di 76mm o al massimo 80mm per le misure più grandi. All'interno di ogni ruota sono situati due cuscinetti a sfere, come è d'uso sia nei pattini a rotelle che nei pattini in linea, per dare la migliore scorrevolezza.

Il tampone anteriore di gomma — più spesso regolabile in altezza con vite filettata, secondo lo standard dei pattini di artistico a rotelle, ma a volte realizzato in altre forme — permette l'esecuzione di salti ed elementi tipici del pattinaggio di figura su ghiaccio e del pattinaggio artistico a rotelle. Il tampone può anche essere utilizzato come freno, benché non sia questo l'uso principale a cui è destinato.

Le ruote e il tampone sono fissati a un telaio leggero in lega di Alluminio che a sua volta è avvitato saldamente alla suola di uno scarponcino usuale da pattinaggio di figura, ossia abbastanza alto da coprire e sostenere la caviglia e dotato di un tacco di qualche centimetro.

Storia ed evoluzione tecnicaModifica

Prototipi funzionanti di pattini con ruote in linea, e dotati di una sorta di tampone/freno anteriore per emulare una lama di figura da ghiaccio, sono testimoniati in Germania in videoclip storici del 1933[1][2] e del 1938[3][4] che dimostrano come elementi del pattinaggio di figura — quali trottole basse, angeli e cross-roll all'indietro — fossero già fattibili. Pattini in linea compaiono volutamente come surrogato dei pattini da ghiaccio anche in un film-commedia sovietico del 1963[5][6].

L'azienda tedesca Euba produce in serie tra il 1959 e il 1962 pattini in linea con cui allenarsi e sperimentare gli elementi "di figura" senza ghiaccio. Verranno chiamati dapprima Silberpfeil (Freccia d'argento) e poi Swingo[7][8]. Ne esistono versioni con tre e con quattro ruote di gomma montate su telai rockered in lega di alluminio, inclusivi di tampone anteriore[9]. I pattini Bi-Skates con due ruote in linea, inventati da Ralph Leftwich Smith nel 1967, vengono prodotti a Los Angeles a partire dal 1972 anche in versione da artistico con freno-tampone anteriore[10].

Lionel Louis Murry registra nel 1979 il marchio di fabbrica Triskate[11] e brevetta nel 1980[12] gli omonimi pattini che già produceva in serie in Inghilterra, dotati di tre ruote in linea e tampone/freno anteriore[13] che vengono esportati in diversi paesi europei. La data di prima realizzazione dei Triskate sembra essere anteriore alle registrazioni legali[8] mentre un qualche successo commerciale arriva nel 1980-81[14][15][16][17] ma durerà pochi anni a causa dei prezzi (altre aziende che si affacciano sul mercato utilizzano scarponcini di plastica, più economici di quelli in vera pelle e cuoio usati da Triskate) e dell'effetto delle campagne pubblicitarie messe in atto dalle altre marche. Restano comunque tra i primi pattini in linea di discreta diffusione, studiati per restituire le sensazioni di una lama di figura e per permetterne l'esecuzione degli elementi tecnici. Il marchio Tri-skate è registrato nel 1979 anche in Canada. Forse per questo si diffonderà erroneamente come prodotto americano in Olanda[18], poco prima dell'avvento dei Rollerblade.

I Triskate, e in qualche misura anche i precedenti Euba, incorporano soluzioni tecnologiche — utili per il pattinaggio di figura e non — che saranno riscoperte e utilizzate anni dopo da altri produttori: telaio metallico monolitico ma leggero; ruote in poliuretano provviste di mozzo interno; assi non sporgenti delle ruote (tutti espedienti che i Rollerblade del 1983 ancora non adottavano[19]); telaio già rockerato e con spaziatura diseguale tra le tre ruote (come negli attuali pattini Snow Whites e Pic Skates); inserti a protezione dello sfregamento tra telaio e pista (a tutt'oggi proposto da Off-Ice Skates come loro elemento distintivo[20]).

Dall'anno 1990 al 1996 il numero di praticanti di pattinaggio in linea (di ogni tipo, ma principalmente ricreativo) passa da 3,5 milioni a 25 milioni[21]. Tra gli utenti del nuovo pattino vi è anche chi ha tecniche già acquisite di artistico a rotelle o su ghiaccio. Questi scoprono — in modo casuale, improvvisato e indipendente — come si possano replicare sui pattini in linea alcuni salti ed elementi tipici dell'artistico. Vi è chi approfitta di quest'opportunità per allestire esibizioni senza ghiaccio che all'epoca destano stupore[22][23]. Alcuni modificano artigianalmente i pattini al tempo disponibili - concepiti solo per uso urbano o hockey - per renderli più adatti all'artistico[24][25].

Il rapido successo e l'ampia diffusione del pattinaggio in linea — soprattutto per uso fitness, velocità e hockey — porta ad un deciso sviluppo del settore con miglioramento tecnico delle ruote in termini di scorrevolezza, aderenza, resistenza ai salti e flessibilità utile all'esecuzione di traiettorie curve. Ne beneficiano in modo sostanziale anche i pattini in linea per le figurazioni artistiche coi quali, grazie sempre all'adozione di un elemento anteriore con lo stesso ruolo della seghettatura di una lama da ghiaccio o di un tampone dei pattini a rotelle, diventa più agevole l'esecuzione degli elementi caratteristici del pattinaggio di figura: trottole e salti singoli o doppi.
Dal 1995-96 alcune aziende produttrici di pattini - del tutto estranee al gruppo di quelle mainstream, focalizzate sul largo pubblico - rendono disponibili sul mercato modelli con ruote in linea pensati per l'artistico. Negli Stati Uniti dal 1998 si effettuano competizioni di artistico in linea[26][27].

I primi pattini in linea moderni di qualità pensati specificamente per questa disciplina e che riscuotono un indiscusso apprezzamento sono del 1995, anno in cui l'azienda statunitense Harmony Sports Inc. ― attualmente PIC Skates ― brevetta[28] una particolare forma e installazione del tampone. Adotta inoltre una disposizione delle ruote che segue la stessa curvatura di una lama da ghiaccio, espediente che migliora la manovrabilità (ma la cui paternità, oltre che di Murry, è di numerosi altri inventori precedenti). Va riconosciuto a Nicolas (Nick) Perna e alla Harmony Sports il merito di avere contestualmente reso disponibili video dimostrativi e didattici, rivolti principalmente a istruttori e praticanti di pattinaggio su ghiaccio[29].

L'azienda statunitense Seneca Sports aveva comunque già brevettato[30] nel 1994 e prodotto, in collaborazione con Kristi Yamaguchi campionessa olimpica su ghiaccio, un pattino simile al PIC skate, economico e pensato per una diffusione di massa. Verrà peraltro commercializzato senza evidenziarne il suo possibile uso per figurazioni artistiche[31]. Seneca nel suo brevetto cita l'esistenza nel 1993 dei pattini per artistico in linea italiani Risport Galaxie, dotati di un tampone anteriore standard (e perciò non brevettabile).

L'australiano Jayson Sutcliffe, campione mondiale di pattinaggio artistico a rotelle e in linea, (pseudonimo Rolaboi-Rolleboy) testimonia, fornendo così conferma, che stand promozionali e sessioni dimostrative di pattini di figura in linea tra cui i Risport appaiono nei mondiali a rotelle del 1993 a Bordeaux e nel 1994 a Salsomaggiore[32]. Il primato di aver realizzato i primi pattini di questo genere per uso agonistico pare quindi spettare all'azienda italiana Risport. Un ruolo chiave in tale sviluppo è svolto da Ruben Omar Genchi, pattinatore e allenatore italo-argentino che afferma "il pattino in linea [per artistico] l'ho inventato io: prima non esisteva a livello sportivo... ho convinto la Risport a investirci e la Federazione Internazionale a crederci"[33]. L'accoglienza iniziale è entusiastica, tant'è che "Ai tempi di Ruben l'artistico in line era largamente praticato, anche da chi non vi ricercava uno sbocco agonistico"[34]. Il pattino in linea Risport durerà poco. Nel novembre 1995 il gruppo francese Rossignol-Lange acquisisce l'azienda italiana[35][36]. La produzione di pattini in linea da artistico Risport viene interrotta per concentrare la produzione sui soli modelli in linea generici.

Nello stesso periodo altri produttori tra cui l'azienda tedesca TURNAX[37][38], l'italiana A.T.L.A.S.[39], la statunitense Snyder Skates Co. e l'australiana Custom Inlines realizzano pattini di questo genere, facendo crescere l'interesse per la disciplina[40]. Per completezza vanno elencati i pattini Snow White della taiwanese Double L's e i Butterfly, spin-off migliorato del prodotto Risport, della McRuben Pro italiana ribattezzata poi Prosk8.

Nel 2000 viene pubblicato il manuale specifico How to Jump and Spin on In-Line Skates (Come fare salti e trottole sui pattini in linea)[41]. Nel 2000 e 2001 aprono in Francia le prime due scuole di pattinaggio artistico che combinano addestramento su ghiaccio in inverno e su pattini in linea d'estate [42][43]. La federazione statunitense USA Roller Sports nel 2002 include tra i materiali didattico-formativi disponibili al pubblico anche un "In-line Technical Video"[44] della durata di un'ora, che illustra per il pattinaggio di figura in linea sia le tecniche di base che quelle avanzate di esecuzione di salti e trottole.

Da questi primi esordï risulta evidente l'importante coinvolgimento per la crescita della disciplina da parte di praticanti di pattinaggio di figura su ghiaccio, alcuni dei quali citati più avanti, come Perna, Farris, Bennis, Faugère, Yamaguchi, Marcastel, Sutcliffe, e altri, per lo più pattinatori e pattinatrici con un passato di agonismo su ghiaccio piuttosto che con esperienza di rotelle.

D'altro canto i principali produttori internazionali di pattini in linea hanno trascurato questo potenziale settore, considerandolo o marginale o non in sintonia con l'immagine da loro proposta delle attività sportivo-ricreative praticabili[45][46], una presa di posizione che ha portato all'indisponibilità sul mercato di pattini in linea da artistico di fascia media — prerequisito utile a favorire un primo approccio con questa disciplina — e ha contribuito a dilazionarne la crescita.

Con il tempo l'offerta di pattini di figura in linea si è stabilizzata a livello mondiale a poche aziende produttrici tra cui:

  • Double L's International Co. Ltd. a Taiwan, pattini Snow White[47]
  • Roll-line in Italia, pattini "Linea"[48][49]
  • PIC Skates negli Stati Uniti, pattini omonimi[50]
  • Off-Ice Skating in Inghilterra, pattino Off-Ice Skates[51]

Si tratta principalmente di telai — ossia la sola parte metallica con ruote e tampone — da accoppiare ad uno stivaletto da artistico che va procurato indipendentemente. In alternativa le stesse aziende forniscono anche i pattini completi.

Sviluppo sportivoModifica

Lo sviluppo di questa nuova disciplina del pattinaggio è sinora avvenuto a ritmi piuttosto lenti. La ragione di fondo è da ricercarsi nella dicotomia tra i suoi fondamenti tecnici – assai più simili a quelli del pattinaggio di figura su ghiaccio che a quelli del pattinaggio artistico a rotelle[52][53][54][55][56].

L'attività di promozione della disciplina è stata svolta nel corso degli anni da singoli o associazioni tra cui: Nick Perna, Cathy Galière-Marcastel, Jean-Pierre Faugère fondatore della scuola Glace et Roller Inline de Paris, la European Inline Figure Skating Association, Carlesa Williams, Jayson Sutcliffe, Jo Ann Schneider Farris, la International Inline Figure Skating Association, la World Inline Figure Skating Association, il movimento italiano Pattinaggio Creativo[57], le diverse troupe Beau Idéal[58], SK8 Troupe di Ice Theatre of GB[59], Virginia Ice Theatre of Fairfax[60], Le Patin Libre[61], Cirque du Soleil[62] con le loro performance "fuori ghiaccio".

Un ruolo di rilevo spetta alla World Inline Figure Skating Association (WIFSA)[63] costituitasi sotto l'impulso di Faugère a inizio 2010 e che conta tredici diverse nazioni tra i partecipanti. La finalità è quella di diffondere nel modo più ampio questo sport e moltiplicare il numero di competizioni ed eventi a tutti i livelli tecnici.

CompetizioniModifica

Dal 2002 la Fédération Internationale de Roller Sports (FIRS, oggidì World Skate) ha incluso il pattinaggio inline libero individuale maschile e femminile tra le specialità dei campionati mondiali di pattinaggio artistico a rotelle, che si tengono con cadenza annuale. Le esibizioni inizialmente riservate alla sola categoria senior in linea sono soggette ad apposito regolamento[64]. Dal 2016 è stata introdotta anche la categoria junior.

Dal 2006 si rinnova annualmente la competizione di artistico in linea — denominata dapprima Coppa di Parigi, poi Open di Parigi — organizzata dall'associazione-scuola Glace et Roller Inline de Paris (G.R.I.P.) e sostenuta dalla federazione regionale francese di pattinaggio su ghiaccio[65]. La G.R.I.P. promuove l'inline come naturale prosecuzione dell'attività su ghiaccio, alternando l'uno e l'altro in estate e in inverno con gli stessi istruttori e gli stessi praticanti.

Nel periodo tra il 2006 e il 2010 i campionati mondiali di pattinaggio mostrano un progressivo restringersi del numero di iscritti alla specialità in linea. Si passa da 23-24 atleti negli anni 2006 e 2007 (sommando per ogni anno le partecipazioni maschili e femminili) a 14 in tutto nel 2010. Le discipline del pattinaggio artistico tradizionale al contrario non registrano alcuna flessione. Tale differenza è un segnale di come le sole competizioni non siano in grado di stimolare la crescita di società sportive, allenatori e praticanti del pattinaggio di figura in linea. In quegli anni un responsabile di settore constata che "In Europa gran parte delle federazioni di artistico è molto conservatrice e non gradisce prendersi carico del pattino in linea"[66]. Anche in Francia — che in tale periodo vede già attive diverse scuole di pattinaggio artistico in linea — si riscontra un mancato interesse federale, poiché le società sportive francesi paiono "ferocemente attaccate ai pattini tradizionali"[67]. Tale atteggiamento proviene anche da tecnici e giudici dell'artistico tradizionale, che considerano spesso "errata" l'esecuzione di salti e trottole effettuate da pattinatori in linea[68].

A inizio 2010 alcuni dei partecipanti alla 5ª Open di G.R.I.P. decidono di fondare la World Inline Figure Skating Association (WIFSA)[63] che vuole affermarsi come entità internazionale indipendente per lo sviluppo dell'artistico in linea[69], dotandosi inoltre di regolamenti di gara più idonei a valutare le prestazioni dei pattinatori in linea.

Le competizioni internazionali open di WIFSA contemplano, oltre alle specialità riconosciute da World Skate, anche: coppia danza, coppia artistico, solo dance, gruppi e sincronizzato, come indicato nel regolamento generale[70] e da ulteriori regolamenti specifici alle singole discipline.

Dal 2016 le competizioni FIRS/World Skate e CERS hanno adottato un sistema di valutazione più simile a quello su ghiaccio dell'ISU.

Nel 2017 viene organizzato dalla CERS e FIRS per la prima volta un campionato europeo di pattinaggio artistico inline a Dijon[71] in Francia per le categorie novices, junior e senior. L'evento si ripete l'anno seguente a Cork[72] Irlanda.

La messa a punto e pubblicazione del regolamento 2019 per le competizioni di pattinaggio artistico in linea è avvenuta pressoché contemporaneamente sia da parte di FISR che World Skate[73][74] con identico contenuto a parte la lingua. Dettagli e chiarimenti corredati da foto vengono forniti per tutti gli elementi che possono presentarsi nelle competizioni. In particolare per una buona riuscita di salti e trottole sono ammessi alcuni accorgimenti pressoché inevitabili con questo tipo di pattino, ma in passato considerati come cattiva (o errata) pratica.

Storico competizioni artistico in lineaModifica

Competizione dal al Sede Promotori
Coupe de Paris d'Artistique et Danse sur Patins en Ligne 08/01/2006 08/01/2006   Parigi GRIP, FFSG, FFRS
Coupe de Paris d'Artistique et Danse sur Patins en Ligne 14/01/2007 14/01/2007   Parigi GRIP, FFSG, FFRS
Coupe de Paris d'Artistique et Danse sur Patins en Ligne 26/01/2008 27/01/2008   Parigi GRIP, FFSG, FFRS
1er Open international de roller en ligne 26/04/2009 26/04/2009   Montpellier FFSG, FFRS, Ice & Roller School Montpellier
Open International de Paris Artistique & Danse sur Patins en Ligne 30/01/2010 31/01/2010   Parigi GRIP, FFSG, FFRS
Open International de Paris Artistique & Danse sur Patins en Ligne 29/01/2011 30/01/2011   Parigi GRIP, FFSG, Comité Dép. Paris Roller Skating, WIFSA
Open International de Paris Artistique & Danse sur Patins en Ligne 28/01/2012 29/01/2012   Parigi FFSG, GRIP, Féd. Fr. Roller Sports, WIFSA
World Roller In-line Figure Skating Championship 2012 04/10/2012 05/10/2012   Aukland FIRS
Open International de Paris Artistique & Danse sur Patins en Ligne 09/02/2013 10/02/2013   Parigi GRIP, WIFSA, FFSG, FFRS
II Open Internacional de Panticosa de patinaje artístico en línea 23/02/2013 24/02/2013   Panticosa WIFSA, Roller Club Pirenaico
III World Open of Inline Figure Skating and Dance 12/07/2013 14/07/2013   Bucarest WIFSA, FRP
World Roller Figure Skating Championship 2013 08/11/2013 09/11/2013   Taipei FIRS
III Open Internacional de Panticosa de Patinaje Artístico en Línea 30/11/2013 01/12/2013   Panticosa Roller Club Pirenaico
Open International de Paris Artistique & Danse sur Patins en Ligne 25/01/2014 26/01/2014   Parigi GRIP, FFSG, FFRS
4th World Open Inline Figure Skating 16/05/2014 18/05/2014   Panticosa WIFSA, Roller Club Pirenaico
World Artistic Skating Championship 2014 01/10/2014 01/10/2014   Reus FIRS
lll Open Internacional Las Rozas de Patinaje Artístico en Línea 21/12/2014 21/12/2014   Las Rozas WIFSA, FMP, Patina Las Rozas
World Challenge 2015 Inline Figure Skating and Dance 07/02/2015 08/02/2015   Parigi FFSG, Comité Dép. Paris Roller Sports
5th World Open Inline Artistic Skating 27/06/2015 28/06/2015   Ginevra WIFSA, VG Skating
1º Trofeo Open Pattino "in line" 23/07/2015 23/07/2015   Roccaraso FIHP, Accademia Pattinaggio Pescara
Artistic Skating World Championships 2015 18/09/2015 18/09/2015   Calì FIRS
Challenge Mondial Paris 2016 – Patinage Artistique sur Patins en Ligne 13/02/2016 14/02/2016   Parigi FFSG, FFRS, GRIP
IV Open Internacional Las Rozas Patinaje Artistístico en Línea 30/04/2016 01/05/2016   Las Rozas WIFSA, FMP, Patina Las Rozas
6th WIFSA World Open 24/06/2016 26/06/2016   Milano WIFSA, FIRS, Sport Culture
2º Trofeo Open Pattino "in line" 29/07/2016 29/07/2016   Roana FIHP
Artistic Skating World Championships 2016 30/09/2016 30/09/2016   Novara FIRS
Open International de Paris 2017 11/02/2017 12/02/2017   Parigi FFSG, FFRS, GRIP
Open de France Roller inline figure skating and dance 17/03/2017 19/03/2017   Toulouse WIFSA, FFSG
Trofeo nazionale pattinaggio artistico inline 23/04/2017 23/04/2017   Montecatini WIFSA, ASD Pattinaggio Artistico Toscana
V Open Internacional Las Rozas Patinaje Artistístico Línea 29/04/2017 30/04/2017   Las Rozas WIFSA, FMP, Patina Las Rozas
Diamond Skate Trophy 20/05/2017 21/05/2017   Dolo FISR, CERS
7th World Open Inline 30/06/2017 02/07/2017   Dijon WIFSA, CDPR
World Roller Games 2017 – Artistic inline skating 01/09/2017 01/09/2017   Nanjing World Skate
Open International de Paris 2018 20/01/2018 21/01/2018   Parigi FFSG, FFRS, GRIP
Trofeo Internazionale Open artistico singolo, coppia, danza, solo dance, inline 10/02/2018 11/02/2018   Roma FISR
Open de France Roller inline figure skating and dance 31/03/2018 01/04/2018   Toulouse CERS, FFRS
I Copa de España & VI Open Internacional Patinaje Artístico en Línea Las Rozas 28/04/2018 29/04/2018   Las Rozas FMP, WIFSA
Diamond Skate Trophy 12/05/2018 13/05/2018   Dolo CERS, FISR, ASD Pattinaggio Artistico Inline San Marco
Circuito FISR Artistico Inline 10/06/2018 10/06/2018   Spinea FISR, Pol. Spinea
Circuito FISR Artistico Inline 23/06/2018 23/06/2018   Milano FISR, SportCulture
Campionato italiano "in line" 02/07/2018 03/07/2018   Folgaria FISR, ASD Roller Club Montebelluna Maser
8th World Open and European Championship Inline Figure Skating 05/07/2018 08/07/2018   Cork World Skate, CERS, Artistic Roller Skating Ireland
Artistic Skating World Championships 2018 03/10/2018 04/10/2018   La Vendée World Skate, FFRS
Open de Paris 09/02/2019 09/02/2019   Parigi WIFSA, FFSP, FFRS, GRIP
World Roller Games 04/07/2019 14/07/2019   Barcellona FISR, FFRS
9th World Open Inline Figure Skating 18/07/2019 21/07/2019   Fasano WIFSA, ASD Skating Fasano

Legenda:
CDPR = Club Dijonnais de Patinage à Roulettes
CERS = Confédération Européenne de Roller Skating, dal 2018 World Skate Europe
FFRS = Fédération Française de Roller Sports, dal 2018 Fédération Française de Roller et Skateboard (fr)
FFSG = Fédération Française des Sports de Glace (fr)
FIHP = Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio, dal 2017 Federazione Italiana Sport Rotellistici
FIRS = Fédération Internationale de Roller Skating, dal 2017 World Skate
FISR = Federazione Italiana Sport Rotellistici
FMP = Federación Madrileña Patinaje
FRP = Federația Română de Patinaj (Federazione Pattinaggio Romania)
GRIP = Glace et Roller Inline de Paris
WIFSA = World Inline Figure Skating Association

In ItaliaModifica

Il pattino in linea entra in scena nelle competizioni di velocità a partire dal 1992. Occorrerà invece attendere il 1994-1995 per la messa a punto e la commercializzazione dei pattini di figura a ruote allineate.

A seguito dell'inserimento dell'artistico in linea nei campionati mondiali 2002, la Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio (FIHP, oggidì Federazione Italiana Sport Rotellistici FISR) manifesta nel 2003 e 2004 l'intento di diffonderlo in ambito nazionale attraverso competizioni e attività di promozione[75][76] che inizialmente riscuotono scarse adesioni[77]. Tali iniziative verranno rinnovate nel 2007[78].

La specialità artistico singolo in linea viene inclusa a partire dal 2005 nella competizione internazionale "Giuseppe Filippini", con cadenza annuale a Misano Adriatico[79], così come è inserita nelle edizioni della Coppa Europa.

A fronte di questi impegni assunti della Federazione, negli anni a seguire resta esiguo il coinvolgimento delle società sportive e il numero di atleti, tanto da non arrivare a coprire i posti sui podï[80][81][82].

In campo internazionale spiccano invece i risultati conseguiti nel periodo 2002-2015 dall'italiana Silvia Marangoni, vincitrice di 11 ori ai campionati mondiali di pattinaggio artistico nella specialità in linea e insignita del Collare d'oro del CONI[83].

La Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio in occasione della Convention di inizio 2015 manifesta nuovamente la "impellente necessità di dare un riconoscimento federale all'attività del pattinaggio artistico inline"[84].

D'altro canto la WIFSA, attraverso la messa a punto di percorsi didattico-formativi, stage e numerose competizioni internazionali, approda anche in Italia ottenendo che la competizione FIHP di Roccaraso del 2015 (trofeo inline) a sia aperta anche ad altri enti di promozione sportiva non associati FIHP-FISR[85], e scegliendo Milano come sede dell'Open mondiale WIFSA del 2016.

L'accordo siglato a Roma nel giugno 2015 tra Fédération Internationale de Roller Sports (FIRS, oggidì World Skate) e WIFSA riconosce il ruolo chiave di quest'ultima a livello internazionale e la pone come interlocutore delle singole federazioni nazionali per quanto riguarda il pattinaggio di figura in linea[86].

I campionati italiani di pattinaggio artistico FIHP di Roana del 2016 bissano quindi la formula sperimentata con successo l'anno prima a Roccaraso, ossia includono un trofeo "in linea" open con regolamento FIRS-WIFSA[87].

La FISR emana con cadenza annuale le "norme artistico inline" di cui è disponibile la versione 2018[88], mentre per il 2019 si fa riferimento alle regole internazionali World Skate.

I risultati nell'inline ai mondiali di pattinaggio 2016 — chiusasi la stagione di predominio della Marangoni — mostrano nuovi atleti italiani di livello nazionale quali Antonio Panfili e Metka Kuk[89] capaci di scalare le vette del podio, mentre l'assenza italiana nella categoria junior dello stesso anno è indice di un tardivo impegno della FIHP-FISR nel potenziare questo settore e incanalarvi le giovani generazioni, operazione da attuarsi anche in relazione alle inclinazioni personali e alla predisposizione fisica dei singoli pattinatori ma soprattutto attraverso la formazione di allenatori specifici per questa disciplina e — non ultimo — di giudici di gara. Gli ori conquistati nel 2017-2018 da Chiara Censori in categoria junior dimostrano più l'affinità tra artistico inline e su ghiaccio (in cui quest'atleta pure eccelle) piuttosto che l'esito di una svolta attuata dalla Federazione rotellistica, che peraltro mostra un rinnovato impegno. Da metà 2017 la commissione di settore artistico "in linea" comprende sia Silvia Marangoni come coordinatrice che Marta Bravin.

A livello mediatico in Italia si constata una pressoché totale assenza del pattinaggio artistico a rotelle e tantomeno quello in linea. È quindi degna di nota l'esibizione di artistico in linea[90], apparsa nell'ottobre 2015 nel programma televisivo Tú Sí Que Vales di Canale 5, allestita da Pattinaggio Creativo[57] di Marta Bravin con la partecipazione di Roberta Panfili, Paola Amati, Antonio Panfili e Marco Viotto (già sul podio della Coppa Europa 2009 e dell'Open 2015).

Società sportiveModifica

Il numero di società sportive che includono tra le loro offerte il pattinaggio di figura in linea è limitato. Più spesso le società inseriscono una sezione "in linea" con istruttori e corsi appositi come costola delle più ampie e consolidate attività di pattinaggio su ghiaccio o pattinaggio a rotelle.

L'affiliazione delle società per eventuali sbocchi agonistici può essere allo stato attuale indifferentemente FIHP, UISP, AICS e/o WIFSA, senza che la scelta dell'una o dell'altra sia indice di diversa qualità o diverse opportunità per gli iscritti.

CompetizioniModifica

In Italia, le competizioni nazionali fanno capo e vengono programmate da FISR, AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) e Lega Pattinaggio di UISP. Quest'ultima ― almeno in un certo numero di Comitati Regionali e Territoriali ― già contempla il pattinaggio artistico in linea tra gli sport che vengono sostenuti. L'AICS d'altro canto nel proprio regolamento per le gare di pattinaggio artistico[91][92], prende atto della possibile esistenza, per le specialità singolo libero e solo dance, di partecipanti con pattini in linea per i quali sono previste classifiche separate da quelli a rotelle. La progressione delle difficoltà degli elementi tecnici ammessi in gara non viene rimodulata in relazione all'attrezzo utilizzato, anche se alquanto diverso dal pattino tradizionale.

In Italia una schiera di pattinatori provenienti da FISG e confluiti in FIHP-FISR s'è mossa per l'adozione di un sistema di giudizio simile a quello dell'ISU (basato su quello messo a punto da WIFSA) capace ad esempio di valorizzare varianti di trottole non attualmente contemplate del sistema di giudizio classico dell'artistico a rotelle. Tale istanza è stata recepita dalla direzione FIHP[93] e ha per ora portato all'adozione anche in alcune competizioni italiane del sistema di punteggio WIFSA. Nel 2018 per la prima volta viene inserita nel campionato italiano FISR di Folgaria[94] anche la disciplina artistico inline per le categorie novices, junior e senior.

Extra competizioniModifica

Una caratteristica peculiare del pattinaggio in linea nel suo complesso ― tra l'altro uno dei motivi che ne hanno favorito la diffusione amatoriale ― è quella di poter essere praticato anche all'aria aperta, in spazi non originariamente concepiti per tale attività sportiva. Ciò vale per tutto il gruppo delle specialità in linea, riconosciute o no dalla Federazione: hockey, slalom e freestyle, corsa, aggressive eccetera. Di riflesso si stempera lo stacco netto tra agonismo e puro dilettantismo, portando a una crescita spontanea di gruppi di pattinatori "all'aperto" di livelli tecnici assai variabili, talvolta anche buoni.

L'opportunità di praticare dovunque è stata sfruttata da Samantha Bennis del gruppo olandese EIFSA che nel 2003 ha costituito Holiday On Inlines[95] (evidente il richiamo a Holiday On Ice): un gruppo stabile pattinatori in linea ― in maggioranza con una precedente formazione su ghiaccio ― che porta esibizioni "di figura" in spazi pubblici. Analoghe iniziative verranno intraprese anni dopo da Le Patin Libre[61] e Pattinaggio Creativo[57].

Nel 2005 EIFSA ha lanciato l'Inline Dance Cup[96] che di fatto si discosta alquanto dai canoni di una competizione di pattinaggio danza in linea: la partecipazione può essere internazionale, anche in remoto inviando un video della propria esibizione; il regolamento è piuttosto lasco; non vi sono elementi tecnici obbligati; l'accento è sulle qualità interpretative e sulla pulizia di esecuzione; il luogo è a propria scelta; il punteggio è un mix di una giuria e preferenze espresse dai visitatori del sito.

In tempi successivi la stessa formula (competizione online, aperta a tutti, eseguita in luogo scenico, senza prescrizioni tecniche, con valutazione di giuria e del pubblico attraverso i social) è stata ripresa dal produttore di pattini di artistico in linea Pic Skate che indìce dal 2013 e con cadenza annuale la Urban Pic Skate Competition[97].

Denominazione nella lingua italianaModifica

Il pattinaggio di figura in linea, essendo la più giovane tra le specialità del pattinaggio artistico, non ha ancora trovato un nome univoco. Allo stato, per il pattinaggio a rotelle e su ghiaccio vengono usate nella lingua italiana le due diverse denominazioni di pattinaggio artistico e pattinaggio di figura ad indicare le corrispettive specialità a rotelle e su ghiaccio tra loro affini come elementi tecnici eseguiti, a prescindere dall'attrezzo e il fondo utilizzato.

La differenza linguistica è ereditata dalle due dizioni anglosassoni di artistic roller skating e figure skating che in italiano diventano appunto pattinaggio artistico (sottinteso a rotelle tradizionale) e pattinaggio di figura (sottinteso su ghiaccio), e così vengono indicati anche dagli organismi ufficiali italiani FISR e FISG. Anche il termine pattinaggio di figura per il ghiaccio è di introduzione recente: non se ne trova menzione in vocabolari e dizionari della lingua italiana[98].

Per il pattinaggio di figura in linea la FISR predilige l'utilizzo del termine pattinaggio artistico inline. AICS utilizza le dizioni artistico in line per la specialità e pattino in linea per l'attrezzo. Le società affiliate UISP appaiono registrate al CONI con disciplina artistico in linea. Quindi le tre varianti terminologiche inline, in line e in linea convivono (ma sempre precedute da artistico e mai di figura). Società sportive e praticanti usano più spesso la denominazione di pattinaggio artistico in linea. Assai raramente la specialità viene indicata come pattinaggio di figura in linea.
Nella lingua inglese al contrario la denominazione inline figure skating è quella preponderante, benché la FIRS lo chiami ufficialmente inline artistic skating.

Altre denominazioni come pattinaggio artistico coi roller o pattinaggio di figura sui roller o pattinaggio artistico su rollerblade sono da evitare: per quanto si stia diffondendo in italiano il termine roller come sinonimo di pattino in linea, il suo uso è fondamentalmente scorretto, giacché roller è preso dall'inglese che gli assegna il preciso significato di "rotella cilindrica"[99][100]. Quindi roller skates sono i tradizionali pattini a rotelle cilindriche e non quelli in linea, anche qualora in italiano li si chiamasse più brevemente roller. Anche il termine rollerblade è improprio poiché è marchio di fabbrica che identifica uno specifico produttore, e comunque richiama alla mente tipologie di pattini assai distanti da quelli sviluppati per l'artistico in linea.

Denominazione in altre lingueModifica

Lingua
cod. ISO 639
Denominazione Traduzione italiana più vicina
Inglese
(EN)
Inline figure skating
Figure skating on inline skates
Pattinaggio di figura in linea
Pattinaggio di figura su pattini in linea
Francese
(FR)
Patinage artistique en ligne
Patinage artistique sur patins en ligne
Pattinaggio artistico in linea
Pattinaggio artistico su pattini in linea
Tedesco
(DE)
Inlinekunstlauf Pattinaggio di figura in linea
Spagnolo
(ES)
Patinaje artístico en línea Pattinaggio artistico in linea
Portoghese
(PT)
Patinação artística inline
Patinação artística em linha
Pattinaggio artistico in linea
Greco
(GR)
Καλλιτεχνικό πατινάζ με πατίνια σε σειρά Pattinaggio di figura su pattini in linea
Olandese
(NL)
Kunstrijden op skeelers
Kunstschaatsen op skeelers
Pattinaggio di figura su pattini in linea
Polacco
(PL)
Łyżwiarstwo figurowe na rolkach
Jazda figurowa na rolkach
Pattinaggio di figura in linea
Bulgaro
(BG)
инлайн фигурно пързаляне Pattinaggio di figura in linea
Rumeno
(RO)
Patinaj artistic pe role inline Pattinaggio artistico su pattini in linea
Russo
(RU)
Фигурное катание на рядных коньках
Фигурное катание на роликовых коньках
Pattinaggio di figura su pattini in linea
Pattinaggio di figura su ruote (sottinteso in linea)
Slovacco
(SK)
krasokorčuľovanie na kolieskových korčuliach
Inline krasokorčuľovanie
Krasokorčuľovanie na inline korčuliach
Pattinaggio di figura con pattini in linea (denominazione ufficiale)
Pattinaggio di figura in linea
Pattinaggio di figura su pattini in linea

Medagliere storico ai mondiali nella specialità inlineModifica

In-line Senior maschileModifica

Anno Luogo Oro Argento Bronzo
2002   Wuppertal   Jayson Sutcliffe   Sean Arisco   Chien-Hao Wang
2003   Buenos Aires   Walter Iglesias   Jayson Sutcliffe   Lorenzo Ronci
2004   Fresno   Lorenzo Ronci   Gustavo Casado de Melo   Adrian Baturin
2005   Roma   Jayson Sutcliffe   Jordan Uriel Segovia   Gustavo Casado de Melo
2006   Murcia   Carlos Urquia   Gustavo Casado de Melo   Eric Traonouez
2007   Gold Coast   Gustavo Casado de Melo   Hwang Chin-Wei   Carlos Urquia
2008   Kaohsiung   Eric Traonouez   Carlos Urquia   Marco Viotto
2009   Friburgo   Gustavo Casado de Melo   Eric Traonouez   Carlos Urquia
2010   Portimão   Tsao Chih-I   Carlos Urquia   Lee Chun
2011   Brasilia   Carlos Urquia   Diego Dores   Lee Chun
2012   Auckland   Lee Chun   Anup Kumar Yama   Carlos Urquia
2013   Taipei City   Anup Kumar Yama   Carlos Urquia   Lee Chun
2014   Reus   Lee Chun   Carlos Urquia   Anup Kumar Yama
2015   Cali   Yi-Fan Chen   Carlos Urquia   Colin Motley
2016   Novara   Yi-Fan Chen   Carlos Urquia   Antonio Panfili
2017   Nanjing   Yi-Fan Chen   Antonio Panfili   Hung-Yu Chien
2018   La Vernée   Yi-Fan Chen   Antonio Panfili   Hung-Yu Chien
2019   Barcellona   Yi-Fan Chen   Hung-Yu Chien   Antonio Panfili

In-line Senior femminileModifica

Anno Luogo Oro Argento Bronzo
2002   Wuppertal   Silvia Marangoni   Aubrey Orcutt   Anna Iannucci
2003   Buenos Aires   Tammy Bryant   Silvia Marangoni   Daniela Rodas
2004   Fresno   Silvia Marangoni   Kristen Slade   Sarah-Jane Jones
2005   Roma   Tammy Bryant   Silvia Marangoni   Kristen Slade
2006   Murcia   Silvia Marangoni   Kristen Slade   Sarah-Jane Jones
2007   Gold Coast   Silvia Marangoni   Kristen Slade   Courtney Donovan
2008   Kaohsiung   Silvia Marangoni   Natalie Motley   Hsin Chia-Ling
2009   Friburgo   Silvia Marangoni   Natalie Motley   Hsin Chia-Ling
2010   Portimão   Silvia Marangoni   Natalie Motley   Kristen Slade
2011   Brasilia   Silvia Marangoni   Natalie Motley   Courtney Donovan
2012   Auckland   Silvia Marangoni   Natalie Motley   Kristen Slade
2013   Taipei City   Silvia Marangoni   Hsin Chin-Ling   Natalie Motley
2014   Reus   Natalie Motley   Silvia Marangoni   Hsin Chin-Ling
2015   Cali   Silvia Marangoni   Lucia Kindebaluc   Valentina Escobar
2016   Novara   Natalie Motley   Claudia Pfeifer   Serena Giraud
2017   Nanjing   Claudia Pfeifer   Serena Giraud   Metka Kuk
2018   La Vernée   Natalie Motley   Anastasia Nosova   Serena Giraud
2019   Barcellona   Chiara Censori   Anastasia Nosova   Metka Kuk

In-line Junior maschileModifica

Anno Luogo Oro Argento Bronzo
2016   Novara   Colin Motley   Abhijith Amal Raj   Ting-Yu Wan
2017   Nanchino   Colin Motley   Abhijith Amal Raj   Bo-Yu Chen
2018   La Vernée   Collin Motley   Xan Rols   Abhijith Amal Raj
2019   Barcellona   Abhijith Amal Raj   Yung-Cheng Fan   Yen-Wei Liao

In-line Junior femminileModifica

Anno Luogo Oro Argento Bronzo
2016   Novara   Anastasia Nosova   Valentina Escobar   Daria Volkova
2017   Nanchino   Chiara Censori   Anastasia Nosova   Hung-Yun Chien
2018   La Vernée   Chiara Censori   Anna Semisynova   Veronika Kimont
2019   Barcellona   Anna Semisynova   Josefina Delgado   Manuela Ruiz

NoteModifica

  1. ^   Road Skating! (FLV), Berlino, British Pathé, 3 luglio 1933. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  2. ^   British Pathé, Road Skating! (1933), su YouTube, British Pathé, 1933. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  3. ^   Giornale Luce B1401 (WMV), Vienna, Istituto Nazionale Luce, 3 novembre 1938, a 0:00:34. URL consultato il 6 febbraio 2017 (archiviato il 15 marzo 2016).
  4. ^   CinecittaLuce, Esibizioni con speciali pattini a rotelle a Vienna, su YouTube, Istituto Nazionale Luce, 3 novembre 1938, a 0:00:30. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  5. ^ (EN) Королева бензоколонки, su Internet Movie Database, IMDb.com. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  6. ^   Королева бензоколонки, su YouTube, a 0:29:40. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  7. ^ (EN) Rubber rollers instead of blades, in Mechanix Illustrated, giugno 1959. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  8. ^ a b (EN) Carlesa Williams, The History of Inline Skate Development - 1900 to 1980, su inlineskating.about.com, 25 febbraio 2016. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  9. ^ Giovanni Simiani, Orig. EUBA Silberpfeil 1962 Inline Roller Skate Made in Germany, su www.rollerquad.it, 12 aprile 2014. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  10. ^ (EN) Lowell Cohn, Now you can be the first person on your block to ice-skate on wheels, in Sports Illustrated, 2 maggio 1977, pp. 10-11. URL consultato il 14 aprile 2017.
  11. ^ (EN) TRISKATE, UK ID 1125354 - Lionel Louis Murry, su uk.trademarkdirect.co.uk, 7 dicembre 1979. URL consultato il 6 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016). Detailed trademark information from UK and EU Registries
  12. ^ (EN) Lionel Louis Murry, Skates, WO1982000009A1, EP0043250A1, CA1150743A, World Intellectual Property Organization, [26 giugno 1980], . Brevetto scaricabile in formato pdf con figure
  13. ^ (EN) Picture: 14136109, in Bournemouth Daily Echo, UK, aprile 1981. URL consultato il 6 febbraio 2017; didascalia figura: la quattordicenne Amanda Murry indossa i pattini a tre ruote — inventati da suo padre — presso una popolare pista a Bournemouth.
  14. ^ (EN) Total Thorpe Park - Archive - 1981 - 2000, su totalthorpepark.co.uk. URL consultato il 6 febbraio 2017, vedi la pag. "Book of the Park: Waterbuses & Triskates". Nella pista di pattinaggio di questo parco divertimenti inglese nel 1981 si affittano i Triskate che, si afferma, permettono salti e movimenti del pattinaggio di figura.
  15. ^ (EN) Roller Skating - 'tri Skates' - Thorpe Park Stock Photo, su alamy.com, 6 aprile 1981. URL consultato il 6 febbraio 2017; didascalia: Helen Brocklesbury, istruttrice di pattinaggio su ghiaccio, indossa i "Tri Skates" al Thorpe Park nel Surrey
  16. ^ (EN) Triskates - the roller revolution?, in Street Machine, Vol. 3, No. 4 (London, Business Publications Ltd.), agosto 1981, pp. 50-51.
  17. ^ (EN) Gallery | Getty Images: Bucks Fizz, pop group, pictured wearing roller blades, circa 1981, su gettyimages.co.uk, gennaio 1981. URL consultato il 6 febbraio 2017. Erronea affermazione nella didascalia della figura: il gruppo pop indossa i Triskate; il marchio Rollerblade verrà creato solo nel marzo 1983.
  18. ^ (NL) Anrie Broere, De geschiedenis van de skeeler - Opmaat naar de nieuwe tijd (PDF), in Krouwe Drukte, vol. 6, nº 17, aprile 2003, pp. 11-12.
  19. ^ Vintage Rollerblade Blade Runner in Rollerblade Skates at SkateSetup, su skatesetup.com, 12 dicembre 2007. URL consultato il 6 febbraio 2017. Nota: il telaio in più parti, le ruote prive di mozzo, gli assi di rotazione rudimentali sono tutte soluzioni meno progredite e meno stabili rispetto ai Triskate coevi.
  20. ^ (EN) Off-Ice Skating | Pack of 4 Side Skids, su off-iceskates.com.
  21. ^ (EN) James W. Taylor e Marjolein Towler, The Marketing Strategy & Planning Workbook for the Successful Business: A Business Tool for the 21st Century, 2013, ISBN 978-0-9727914-5-8. I dati ivi citati sul pattinaggio in linea provengono dalla National Sporting Goods Association.
  22. ^   Harry22233, Axel Jump on rollerblades / in-line skates - Harry Wing, su YouTube, 1995. Un video storico che mostra la fattibilità di salti (qui valzer+loop e Axel) con pattini in linea convenzionali.
  23. ^ (FR) Sarah L., Interview de Cathy Galière-Marcastel lors du 1er Open international de roller en ligne de Montpellier, su passion-patinage.com, 8 maggio 2009. Sunto: Cathy Galière-Marcastel sperimenta l'artistico in linea dal 1994. Dal 1996 si esibisce in Francia e all'estero in performances "senza ghiaccio" in coppia con Andreï Berezintsev.
  24. ^ (EN) Jo Ann Schneider Farris, Jumping and Spinning on Inline skates? : IceTalent Inc., su icetalentinc.com, 17 aprile 2013. L'autrice afferma: "I pattini a rotelle tradizionali sono difficoltosi per chi fa ghiaccio [mentre] coi pattini in linea ci si sente come sul ghiaccio. Ma [con i Rollerblede di fine '80 inizio '90] era precluso l'intero repertorio artistico per l'assenza di puntale anteriore. A inizio 1990 l'azienda "Roller Stop" di John Petell mise in commercio un accessorio montabile sui Rollerblade dell'epoca che suppliva a questa carenza.
  25. ^ Il puntale anteriore "Roller Stop" di Petell si poteva montare solo sui Rollerblade anteriori al 1993 (Original, Ultimate, Blade Runner), grazie alla loro possibilità di ricollocare le ruote in diverse posizioni longitudinali ed eventualmente eliminarne una per far spazio all'accessorio. I modelli dal 1993 in avanti hanno ruote in posizioni fisse precludendo il buon successo della modifica.
  26. ^ (EN) Aubrey Orcutt, su geocities.org, 2002 (archiviato dall'url originale). Intervista a Aubrey Orcutt, oro in categoria inline nel trofeo Gold Skate Classic 1998 e nel campionato federale statunitense 1998.
  27. ^ USA Inline Results, su geocities.com. URL consultato l'11 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2004). Competizioni statunitensi di artistico in linea e risultati, anni 2000-2002
  28. ^ (EN) John J. Petell, Harmony Sports, Inc., Toe pick and skate frame for in-line skates, [29 agosto 1995], 14 aprile 1998. URL consultato il 8 giugno 2018.
  29. ^   Pic Skate, su YouTube.
  30. ^ (EN) Michael K. Pratt, Seneca Sports, Inc., In-line wheeled skate and toe stop, [10 gennaio 1994], 6 aprile 1994.
  31. ^ (EN) In-line skating become safer (PDF), in The Westfield Record, 25 maggio 1995. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  32. ^ (EN) Rolaboi, Inline Plates Made in Italy, 15 marzo 2007. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  33. ^ Giacinto Bevilacqua, Genchi, il mago dell'inline che ha scoperto Silvia, in la Tribuna di Treviso, 11 novembre 2013. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  34. ^ Rollerforum » Art Cafè: Pattino in linea, si riparte?, 6 ottobre 2008. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  35. ^ Mariangela Guidolin, Progetto FIRB 2003 - Analisi delle dinamiche di cambiamento del distretto di Asolo e Montebelluna e approfondimento dei nuovi modelli di business sviluppati dalle imprese distrettuali più dinamiche (PDF), su aleasrv.cs.unitn.it, agosto 2008, p. 38.
  36. ^ Aldo Durante, Le ditte [del distretto produttivo di Montebelluna], su aldodurante.weebly.com. Nel novembre 1995 l'azienda [Risport] viene rilevata dal gruppo Rossignol/Lange che così facendo entra nel business dell'in line skate.
  37. ^ (FR) Alexandre Chartier, Histoire du patinage artistique en ligne, su rollerenligne.com, 20 febbraio 2019. Pagina con foto telai TURNAX a tre ruote e tampone regolabile in altezza e inclinazione.
  38. ^ (EN) Kathleen A. Martin, Junior North American Roller Skating Championships, su groups.google.com, 18 maggio 1994. L'autrice segnala l'esordio dei pattini in linea da artistico TURNAX ai campionati mondiali del 1993 in Francia (Bordeaux).
  39. ^ (EN) Mark Warren, Just like new – The Zen Of Roller Skating, su thezenofrollerskating.com, 3 agosto 2018. Descrizione e foto di pattini da artistico in linea con telai italiani ATLAS acquistati dall'autore nel 1998.
  40. ^ (EN) Formal inline figure-skating?, 17 maggio 1995. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  41. ^ (EN) Jo Ann Schneider Farris, How to Jump and Spin on In-Line Skates, AutorHouse, 2000, ISBN 1-58721-052-5.
  42. ^ (FR) Rencontre avec Cathy Marcastel - patineuse artistique en ligne, 7 aprile 2015. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  43. ^ (FR) Trasmissione TV "ID Rencontre" su emittente Île-De-France-1, 125ª puntata, 13 marzo 2015. URL consultato il 6 febbraio 2017: Jean-Pierre Faugère e Régis Patine presentano e mostrano il pattinaggio artistico in linea
  44. ^ (EN) USA Roller Sports Videos, su usarollersports.com (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2002).
  45. ^ È tempo di pattinaggio di figura in linea, 6 giugno 2015. La sezione "Come nasce e quando?" afferma: Nick Perna suggerì a fine anni '80 a Rollerblade di realizzare pattini [in linea per artistico] con freno anteriore; la ditta però non volle seguire i suoi consigli per motivi di immagine commerciale.
  46. ^ (EN) Jo Ann Schneider Farris, Skating Inventor Nick Perna Talks About His Inventions (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2016). Citazione e traduzione: L'azienda Rollerblade [...] mi invitò [...] ad un meeting con vari istruttori e pattinatori. Proposi ai suoi membri direttivi di guardare al mercato dell'artistico [in linea] e sviluppare un pattino con tampone anteriore [...]. Mi fissarono come fossi un alieno. Sospetto che tale ferma opposizione fosse in relazione con l'"immagine" da loro voluta sul mercato.
  47. ^ (EN) Snow White, su inlinefigure.com. Pattini omonimi a tre ruote e tampone a vite standard.
  48. ^ Roll-Line – Inline Artistic Skating, su inlineartistic.roll-line.it. Pattini "Linea" a tre ruote, rockering regolabile, assetto ruota posteriore modificabile, tampone a vite standard.
  49. ^ Prototipi del pattino Roll-Line hanno esordito al campionato europeo e World open inline di Dijon (Francia) (FR) 7ème World Open Inline Artistique 30.06-02.07.2017 (PDF), su wifsa.net. URL consultato il 6 febbraio 2017 e (FR) Championnat d'Europe Inline Artistique 30.06-02.07.2017 (PDF), su inlinedijon2017.com (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2017). Immagine del pattino in prima pagina delle locandine.
  50. ^ (EN) The PIC®Skate Company, su picskate.com. Pattini a tre e quattro ruote con puntale non standard.
  51. ^ (EN) Off-Ice Skating | Online Shop, su off-iceskates.com. Pattini a quattro ruote (tre ruote per taglie piccole, 5 per taglie grandi) con puntale non standard.
  52. ^ (EN) Carlesa Williams, Discover the Most Popular Inline Figure Skate Manufacturers, su thoughtco.com, 17 marzo 2017. Vi si legge (traduzione e sunto): i pattini di figura in linea sono a volte chiamati "dry land ice skates" (alla lettera pattini da ghiaccio a secco) perché danno la stessa esperienza del pattinaggio su ghiaccio senza richiedere una superficie ghiacciata
  53. ^ (FR) Artistique sur Rollers Inline/Glace | SkateParis.org, su skateparis.org. Citazione con traduzione: perché fare pattinaggio artistico in linea? Perché "libero" e danza in linea, e "libero" e danza su ghiaccio sono due discipline identiche... I pattinatori si ghiaccio si troveranno ben presto a loro agio sui pattini da artistico in linea.
  54. ^ (EN) Joe Kaplenk, Inline Skating Program And Equipment Fundamentals, su slideshare.net, 5 dicembre 2008. Alla diapositiva n. 8 si afferma (traduzione e sunto): molti istruttori trovano che allenare per il pattinaggio artistico in linea sia molto simile a quello su ghiaccio; pattinatori su ghiaccio di alto livello trovano facilità nel passaggio al pattino in linea. Tra questi gli olimpici Michael Weiss e Brian Boitano.
  55. ^ (EN) Cork Figure Skating Association, su corkfigureskating.com. Traduzione e sunto: il nostro scopo è di promuovere [...] il pattinaggio di figura, sia su ghiaccio [...] che su pattini in linea [...]. La tecnica è la stessa, quindi ci si può allenare con entrambi gli attrezzi...
  56. ^ (EN) Cork Independent - Get your championship skates on, su corkindependent.com. Traduzione e sunto: "potete letteralmente eseguire le stesse cose — salti, trottole, passaggi di piede, passi di danza che si vedono fare su ghiaccio" afferma Sabrina Vassia, presidente della Cork Figure Skating Association. "Se non si vedesse il fondo [e le ruote] si potrebbe credere di stare sul ghiaccio.
  57. ^ a b c Pattinaggio Creativo, su pattinaggiocreativo.com.
  58. ^ (EN) Beau Idéal Productions: live theatrical and ice preformances, su beauideal.biz. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  59. ^ (EN) Ice Theater of GB, su icetheatre.co.uk. URL consultato il 6 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2016).
  60. ^   Virginia Ice Theatre of Fairfax - Boogie Shoes, su YouTube. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  61. ^ a b   Le Patin Libre - Jamming @ Maurpark/Berlin, su YouTube. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  62. ^   Workshop: off-ice skating | C:Lab by Cirque du Soleil, su YouTube. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  63. ^ a b (EN) World Inline Figure Skating Association, su wifsa.net. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  64. ^ (EN) New regulation for inline artistic skating 2016 (PDF), su cbhp.com.br, 22 febbraio 2016.
  65. ^ (FR) Coupe de Paris d'Artistique et de Danse sur Patins en ligne, 8 gennaio 2006 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2012).
  66. ^ (EN) jaysonsutcliffe.com [EIFSA - Samantha Bennis], su jaysonsutcliffe.com:80, 7 agosto 2003. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2003). Intervista a Samantha Bennis, al tempo responsabile dell'European Inline Skating Association, a firma di Jayson Sutcliffe campione del mondo in linea 2003.
  67. ^ (FR) Artistique en ligne: Coupe de paris 2007, su rollerenligne.com, 2 febbraio 2007. Nell'articolo si legge: "Les clubs de roller Français restent farouchement attachés aux patins traditionnels".
  68. ^ Metka Kuk, La grande storia di Antonio Panfili e le difficoltà del passaggio alle rotelle, su skatingidea.org, 10 dicembre 2016. Nell'intervista Panfili, pluricampione ai mondiali in linea 2016-2018, afferma "veniamo sottovalutati perché [rispetto all'artistico tradizionale] abbiamo una tecnica diversa che [...] viene considerata errata".
  69. ^ (EN) The World Inline Figure Skating Association, Goals of the WIFSA Inline Figure Governing Body, su inlineskating.about.com, 4 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2016).
  70. ^ (EN) Special regulations & technical rules for single & pair skating and inline dance 2015-2016 (PDF), su wifsa.net.
  71. ^ Wifsa World Open 2017 a Dijon - Artistico Inline San Marco, in Artistico Inline San Marco, 11 luglio 2017. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  72. ^ 8th WORLD OPEN Inline Figure Skating, su isujs.so.free.fr. URL consultato il 6 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2018).
  73. ^ Comitato Tecnico Artistico World Skate, Regolamenti per le gare di pattinaggio artistico in linea (PDF), su fisr.it, 30 novembre 2018. Chiamato Rollart sul sito FISR
  74. ^ (EN) World Skate Artistic Technical Commission, Rules for artistic skating competitions - In line skating (PDF), su worldskate.org, 10 agosto 2018.
  75. ^ 1º trofeo nazionale pattino in linea, agosto 2003.
  76. ^ Pattino in linea (settore artistico) e progetto giovani, 19 gennaio 2004.
  77. ^ Annullato il trofeo di pattinaggio in linea, su fisr.it, 27 settembre 2003.
  78. ^ Artistico: stage nazionale con pattino in linea, 16-17 giugno 2007, maggio 2007.
  79. ^ (FR) Rubrica di pattinaggio su QS Quotidiano Sportivo: il Memorial Filippini, 8 giugno 2005.
  80. ^ 10º Memorial "Giuseppe Filippini" Trofeo Internazionale AICS - CEPA di Pattinaggio Artistico In Line - Classifiche finali, su webalice.it, 9 giugno 2007. URL consultato il 6 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2016). Nell'edizione 2007 risultano due partecipanti in linea senior femminile e uno in quella maschile.
  81. ^ Trofeo Memorial Filippini 2008, su skatingidea.org, 17 maggio 2008. Nel 2008 i partecipanti alla specialità in linea sono nove, ma includendo in questo numero tutte le fasce di età, dai giovanissimi ai senior.
  82. ^ 12° Memorial Filippini – giugno 2009, su skatingidea.org, 20 maggio 2009. Un'unica atleta categoria cadet nel pattinaggio in linea.
  83. ^ A Silvia Marangoni il Collare d'Oro del CONI, 16 dicembre 2014. URL consultato l'11 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2017).
  84. ^ Convention "Pattinaggio Artistico: quale futuro?" - Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio, su FIHP, 25 gennaio 2015.
  85. ^ A Roccaraso trofeo inline, 31 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2016).
  86. ^ (EN) Agreement between WIFSA (World International Figure Skating Association) and FIRS (PDF), su cbhp.com.br, 11 giugno 2015.
  87. ^ 2º Trofeo open pattino "in line" specialità singolo libero, Roana (VI) (PDF), su fisr.it, 27 aprile 2016. Trofeo in line — aperto ad atleti FIHP, WIFSA e altri enti di promozione sportiva, inserito nel quadro dei campionati italiani. Il regolamento internazionale FIRS allegato, con relativi punteggi di valutazione degli elementi tecnici, è a firma di Fernand Fedronic presidente di WIFSA.
  88. ^ Artistico inline - Norme per l'attività generale 2018 (PDF), su Federazione Italiana Sport Rotellistici.
  89. ^   Metka Kuk | Short Program | In-Line | World Championship Novara 2016, su YouTube, 29 settembre 2016.
  90. ^   Tú Sí Que Vales - Pattinaggio creativo - 10 ottobre 2015, 10 ottobre 2015.
  91. ^ Regolamento gare pattinaggio, anno 2016 (PDF), su aics.it.
  92. ^ Regolamento gare pattinaggio artistico anno 2018 (PDF), su aics.it.
  93. ^ Intervista al CT Hollan in vista delle nuove competizioni del pattinaggio artistico in linea, su skatingidea.org, 12 maggio 2016.
  94. ^ Calendario (PDF), su fisr.it, 2 luglio 2018.
  95. ^ (EN) Welcome to Holiday On Inlines, su geocities.com (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2004).
  96. ^ (EN) Easter Inline Dance 2005 - Inline Dance Cup, su geocities.com (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2005).
  97. ^ (EN) The PIC®Skate Company, su picskate.com (archiviato il 17 settembre 2013). Versione archiviata con annuncio Urban Competition
  98. ^ Il vocabolario Treccani in relazione al pattinaggio su ghiaccio usa sempre e solo il termine artistico e non di figura. Analogamente il dizionario De Mauro che contempla il pattinaggio artistico su ghiaccio e a rotelle ma non prevede il termine pattinaggio di figura.
  99. ^ roller - definition of roller in English from the Oxford dictionary, su oxforddictionaries.com. traduzione: un cilindro che ruota attorno all'asse centrale
  100. ^ Roller: Definition of Roller by Merriam-Webster, su merriam-webster.com. traduzione: un cilindro che ruota su sé stesso

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport