Apri il menu principale
Padre Pedro Arrupe SJ

Pedro Arrupe (Bilbao, 14 novembre 1907Roma, 5 febbraio 1991) è stato un gesuita spagnolo, Preposito Generale della Compagnia di Gesù dal 1965 al 1983. Nel 2019 è stato proclamato Servo di Dio dalla Chiesa Cattolica.

Indice

BiografiaModifica

Missionario a Hiroshima durante e dopo l'esplosione della bomba nucleare nel 1945, teologo, divenne Superiore Generale della Compagnia di Gesù nel 1965, all'indomani del Concilio Vaticano II, sviluppando l'opzione preferenziale per i poveri, l'impegno per la giustizia sociale e una certa simpatia (ma in seguito anche una presa di distanza) dalla teologia della liberazione.

Nel 1974 chiese invano a papa Paolo VI di estendere il quarto voto di obbedienza al Papa, proprio dei gesuiti, a tutti i sacerdoti. In seguito, durante i primi anni del pontificato di papa Giovanni Paolo II, i rapporti con la Santa Sede si fecero più distanti.

Nel 1980 presentò al papa le sue dimissioni - primo caso nella storia della Compagnia - dalla carica di Superiore. Queste vennero rifiutate da Giovanni Paolo II, che tuttavia l'anno successivo, di fronte all'ictus che nel frattempo aveva colpito Arrupe, decise di inviare ai vertici della Compagnia un proprio "delegato personale" nella persona di Paolo Dezza. Dopo lo svolgimento di tale incarico transitorio, venne eletto Peter Hans Kolvenbach.

CultoModifica

Il 3 dicembre 2018 la Diocesi di Roma ha pubblicato l'Editto in cui si annuncia l'apertura della causa di beatificazione e canonizzazione di Padre Pedro Arrupe, che pertanto è diventato Servo di Dio. Il postulatore della causa è il padre gesuita Pascual Cebollada.[1]

Il 5 febbraio 2019 si è aperta ufficialmente la causa di beatificazione, dando inizio al processo, che è stato presieduto dal cardinale vicario di Roma Angelo De Donatis nell'Aula della Conciliazione costituita per il Tribunale nel Palazzo Apostolico Lateranense.[2]

NoteModifica

  1. ^ Profeta del Concilio. Arrupe: si apre la fase diocesana per la causa di beatificazione, su www.avvenire.it, 5 febbraio 2019. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  2. ^ Giulia Rocchi, Si apre la causa di beatificazione di padre Pedro Arrupe | DIOCESI DI ROMA, su diocesidiroma.it. URL consultato il 5 febbraio 2019.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN104691246 · ISNI (EN0000 0001 1080 2945 · LCCN (ENn80037932 · GND (DE118650483 · BNF (FRcb11889228f (data) · NLA (EN35008596 · BAV ADV10280684 · NDL (ENJA00431775 · WorldCat Identities (ENn80-037932