Premio Nobel per l'economia

onoreficenza gestita dalla Fondazione Nobel
Premio Nobel
Nobel prize medal.svg
Alfred Nobel
Pace vincitori
Letteratura vincitori
Medicina vincitori
Fisica vincitori
Chimica vincitori
Economia vincitori

1leftarrow blue.svgVoce principale: Premio Nobel.

Il premio Nobel per l'economia, ufficialmente premio della Banca di Svezia per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel (in svedese Sveriges Riksbanks pris i ekonomisk vetenskap till Alfred Nobels minne), viene assegnato dal 1969, in seguito all'istituzione da parte della Sveriges Riksbank (che in quell'anno festeggiò i 300 anni dalla sua fondazione), di uno speciale fondo di dotazione per il conferimento del premio.

Questo premio non era previsto dal testamento di Alfred Nobel, ma viene gestito dalla Fondazione Nobel e consegnato assieme agli altri premi. Il processo di nomina inizia circa un anno prima della consegna del premio, con l'invito da parte dell'Accademia reale delle Scienze svedese ad individui e organizzazioni qualificate di suggerire candidati meritevoli. Una commissione di 5-8 studiosi invita esperti, sia svedesi che stranieri, a stilare uno studio sui candidati ritenuti più meritevoli. La commissione poi stila un rapporto all'Accademia reale delle scienze che decide con voto inappellabile agli inizi di ottobre di ogni anno.

L'annuncio viene dato dopo aver informato il candidato vincente. La cerimonia di consegna del premio viene svolta in dicembre. Informazioni sulle candidature ed il processo di selezione vengono mantenute segrete per 50 anni.

OrigineModifica

L'idea per un nuovo “Premio Nobel” viene da Per Åsbrink, governatore della c, una delle banche centrali più antiche del mondo. Come parte dei preparativi per il tricentenario della Banca, ha creato una fondazione di ricerca, la Jubilee Fondazione Banca di Svezia, e ha offerto al suo consulente economico, Assar Lindbeck, nonché agli economisti Erik Lundberg e Gunnar Myrdal, pensare allo sviluppo di un prezzo.[1].

La banca ha quindi contattato la Fondazione Nobel e l'Accademia reale svedese delle scienze, che era già responsabile dell'assegnazione dei premi in fisica e chimica. Alcuni membri dell'Accademia hanno delle riserve sull'aspetto sufficientemente scientifico dell'economia, ma Lundberg e soprattutto Myrdal (che sono anche membri) finiscono per convincere l'intera Accademia. Nel maggio 1968, la banca centrale, la Fondazione Nobel e l'Accademia concordano le regole per l'assegnazione del premio e l'ufficio della banca centrale decide quindi di fondarlo ufficialmente. Queste regole sono codificate dal governo svedese nel gennaio 1969.

Il primo comitato è composto da Bertil Ohlin (presidente del comitato, Scuola di economia di Stoccolma),Erik Lundberg della Scuola di economia di Stoccolma, Ingvar Svennilson dell'Università di Stoccolma, Herman Wold dell'Università di Uppsala e dell'Università di Göteborg e Assar Lindbeck dell'Università di Stoccolma.

Da allora, il premio è comunemente soprannominato "Premio Nobel per l'economia", sebbene Alfred Nobel abbia detto di non avere "alcuna formazione in economia e [odio] dal profondo del suo cuore" [2].

Per Avner Offer e Gabriel Söderberg, storici economici, Per Åsbrink, sostenuto dalla comunità imprenditoriale, si è opposto al governo socialdemocratico che intendeva utilizzare il credito per promuovere l'occupazione e l'alloggio, e ha invece sostenuto andare verso la lotta contro l'inflazione. Secondo questi autori, la creazione del premio ha permesso di generare interesse da parte dei media e quindi di aumentare la sua influenza a scapito delle idee socialdemocratiche[3].

CriticheModifica

Il prestigio del premio deriva in larga parte dall'associazione ai premi creati dalla volontà di Alfred Nobel, una scelta che è stata spesso causa di critiche. Fra le più rilevanti c'è la posizione dell'avvocato svedese ed attivista per i diritti umani Peter Nobel, pronipote di Alfred Nobel, che considera il premio un mero «colpo di pubbliche relazioni fra economisti per migliorare la loro reputazione».[4][5][6]

L'economista svedese Gunnar Myrdal, e l'ex ministro delle finanze svedese Kjell-Olof Feldt, si sono pronunciati a favore dell'abolizione del premio. Nel caso di Feldt, tuttavia, l'obiezione si fondava sull'opinione che il premio consegnato agli economisti liberisti Milton Friedman e Friedrich von Hayek fosse immeritato, non sul fatto che l'economia, in quanto tale, non sarebbe classificabile come scienza. Lo stesso Friedrich von Hayek ha dichiarato che «si sarebbe espresso decisamente contro», nel caso fosse stato consultato per l'istituzione del premio.[7] L'economista e scrittrice futurista Hazel Henderson sostiene che il "Premio per le scienze economiche in memoria di Nobel" è fonte di un costante imbarazzo che sta facendo diminuire il prestigio di tutti gli altri premi. Sostiene, inoltre, che le teorie degli economisti sono ipotesi in gran parte non verificabili e non possono essere paragonate alle teorie delle scienze dure, quali la fisica o la chimica.[8][9]

Gli economisti Robert Merton e Myron Scholes, co-vincitori del premio nel 1997, furono fra i gestori del Long Term Capital Management, un hedge fund che sfruttava i presupposti teorici del loro modello matematico e che fallì in pochi anni a seguito della crisi finanziaria russa del 1998. Per scongiurare una crisi finanziaria internazionale, si rese necessario l'intervento diretto della Federal Reserve e delle principali banche d'investimento, che erano fra gli stessi clienti del LTCM.

Per un lungo lasso di tempo è stato conferito solo ad economisti maschi. La prima donna a esserne insignita è stata Elinor Ostrom, vincitrice nel 2009.

Assegnazione del premioModifica

Scelta dei vincitoriModifica

Il processo per la selezione del vincitore e l'importo del premio assegnato è lo stesso dei premi Nobel[10].

Ogni anno, l'Accademia reale svedese delle scienze invita personalità qualificate a presentare le loro candidature. Queste persone includono membri dell'Accademia delle scienze, membri del comitato di selezione dei premi, ex vincitori, professori di ruolo in materie pertinenti, in Svezia, così come in Danimarca, Finlandia, Islanda e Norvegia, professori titolari di cattedre corrispondenti in almeno sei università scelte ogni anno dall'Accademia, nonché altri ricercatori invitati dall'Accademia[11].

Vengono inviate da due a trecento candidature, che corrispondono a cento candidati distinti[12]. Le candidature vengono quindi valutate da un comitato composto da cinque a otto membri (inclusi due non economisti), che sottopone la propria scelta al dipartimento di scienze sociali dell'Accademia per l'approvazione. L'intera Accademia adotta la lista finale all'inizio di ottobre dopo aver scelto i vincitori a maggioranza, il cui risultato viene annunciato lo stesso giorno[13].

Come con altri premi "Nobel", un massimo di tre persone possono condividere il premio e devono essere in vita al momento dell'annuncio[14].

DotazioneModifica

La dotazione monetaria del premio è la stessa di quella dei premi Nobel. A differenza di quest'ultimo, la cui dotazione proviene dai rendimenti sul capitale lasciato a tal fine da Alfred Nobel, la dotazione del premio in economia è finanziata dalla Banca Centrale di Svezia. L'importo della dotazione cambia regolarmente in base all'andamento degli investimenti e ammonta a nove milioni di corone svedesi nel 2018, ovvero circa novecentomila euro[15][16].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Assar Lindbeck, The Prize in Economic Science in Memory of Alfred Nobel, Journal of Economic Literature, 23:1, mars 1985, Template:P., lire en ligne sur JSTOR.
  2. ^ (anglais) Karen Ilse Horn, Roads to Wisdom, Edward Elgar Publishing, 2009, p. 20. Lingua sconosciuta: anglais (aiuto).
  3. ^ Le prix Nobel d'économie, instrument de propagande du néolibéralisme, in Bibliobs, 10 ottobre 2016. .
  4. ^ (EN) Nobel descendant slams Economics prize, in The Local, 28 Sept 2005. URL consultato il 31 agosto 2007.
  5. ^ (EN) Cloud hovers over Nobel economics prize, in Econophysics, Université de Fribourg, 2000. URL consultato il 31 agosto 2007 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  6. ^ (EN) Hazel Henderson, The Cuckoo's Egg in the Nobel Prize Nest, in Inter Press Service, ottobre 2006. URL consultato il 31 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  7. ^ (EN) Samuel Brittan, The not so noble Nobel Prize, The Financial Times, 19 dicembre 2003. URL consultato il 31 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2009).
  8. ^ (EN) Hazel Henderson, Abolish the Nobel in Economics, Many Scientists Agree, in IPS, 2004. URL consultato il 31 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  9. ^ (EN) Hazel Henderson, The ‘Nobel prize’ that isn't, in Le Monde diplomatique, febbraio 2005. URL consultato il 31 agosto 2007.
  10. ^ François Gauvin, Faut-il se méfier du prix Nobel d'économie ?, su lepoint.fr, 2 marzo 2016. URL consultato il 24 marzo 2016..
  11. ^ (EN) Paul Walker, Sveriges Riksbank (Bank of Sweden) Prize in Economic Sciences in Memory of Alfred Nobel, lire en ligne.
  12. ^ (EN) Assar Lindbeck, The Sveriges Riksbank (Bank of Sweden) Prize in Economic Sciences in Memory of Alfred Nobel 1969-2004, lire en ligne.
  13. ^ (EN) Nomination and Selection of the Laureates in Economics, nobelprize.org.
  14. ^ Nel 1996, William Vickrey morì tre giorni dopo l'annuncio del suo premio, che fu assegnato postumo.
  15. ^ La fondation Nobel relève la dotation de ses prix.
  16. ^ Montant des récompenses.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale (contiene informazioni dettagliate sul processo di selezione, l'elenco dei vincitori ed informazioni sui loro meriti scientifici)