Apri il menu principale

Punta Elena

vetta delle Grandes Jorasses nel Massiccio del Monte Bianco
Punta Elena
GrandesJorasses0001a.jpg
Le Grandes Jorasses dal versante italiano, con al centro la Punta Elena.
StatiItalia Italia
Francia Francia
RegioneValle d'Aosta Valle d'Aosta
Rodano-Alpi
ProvinciaValle d'Aosta Valle d'Aosta
Alta Savoia
Altezza4 045 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate45°52′10.39″N 6°58′56.35″E / 45.869552°N 6.982319°E45.869552; 6.982319Coordinate: 45°52′10.39″N 6°58′56.35″E / 45.869552°N 6.982319°E45.869552; 6.982319
Data prima ascensione22 agosto 1898
Autore/i prima ascensioneLuigi Amedeo di Savoia-Aosta con Joseph Petigax, Laurent Croux e Félix Ollier
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Punta Elena
Punta Elena
Mappa di localizzazione: Alpi
Punta Elena
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezioneAlpi Graie
SottosezioneAlpi del Monte Bianco
SupergruppoMassiccio del Monte Bianco
GruppoCatena Rochefort-Grandes Jorasses-Leschaux
SottogruppoGruppo delle Grandes Jorasses
CodiceI/B-7.V-B.4.b

La Punta Elena (4.045[1] m s.l.m.) è una vetta delle Grandes Jorasses nel Massiccio del Monte Bianco.

CaratteristicheModifica

 
Versante nord (francese) delle Grandes Jorasses con indicata la Punta Elena.

La vetta si trova lungo la frontiera tra l'Italia e la Francia tra la Punta Croz (ad est) e la Punta Margherita (ad ovest).

Prende il nome da Elena d'Orléans, alla quale fu dedicata da Luigi Amedeo di Savoia-Aosta.

Salita alla vettaModifica

La prima ascensione fu compiuta il 22 agosto 1898, insieme a quella della vicina Punta Margherita, da Luigi Amedeo di Savoia-Aosta con le guide Joseph Petigax, Laurent Croux e Félix Ollier.[2]

La parete nord della montagna fu vinta il 24 e 25 luglio 1970 dai polacchi Eugeniusz Chrobak, Jacek Poreba e Wojtek Wroz; la prima di due vie polacche (la seconda, del '75 ha tra i protagonisti Kukuzka) sale stando a destra della verticale della cima, su terreno con difficoltà di VI e roccia in genere friabile ed esposta alle cadute di pietre e ghiaccio.

NoteModifica

  1. ^ L'altezza della montagna viene indicata talvolta in 4.045 oppure in 4.042 m. Cfr: la lista ufficiale UIAA dei Quattromila delle Alpi.
  2. ^ Chabod, Grivel, Saglio e Buscaini, pp. 124-125.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica