I qanāt (in arabo: قنات‎ o persiano: كاريز‎, kārīz) sono un sistema di trasporto idrico usato per fornire una fonte affidabile d'approvvigionamento d'acqua per insediamenti umani e per l'irrigazione in ambienti caldi e aridi. La tecnologia su cui sono basati fu sviluppata inizialmente nell'antica Persia e quindi diffusa ad altre culture, in particolare lungo la via della seta: verso est, fino alla Cina; verso ovest, fino ad altri territori del mondo islamico come il Marocco e la penisola Iberica. Localmente sono noti come foggara (Libia ed Algeria), khettara (Marocco), kārīz o kārēz (Iran, Afghanistan, Pakistan, Asia centrale).

Galleria di un kārīz vicino a Turpan, Xinjiang, Cina.
Uscita di una foggara in Libia.

Indice

Tecnica costruttiva dei qanātModifica

I qanāt sono costituiti da una serie di cunicoli verticali simili a pozzi, collegati da un canale sotterraneo in lieve pendenza. Questa tecnica:

  • attinge a una falda acquifera in maniera da trasportare efficientemente l'acqua in superficie senza necessità di pompaggio. L'acqua fluisce per effetto della gravità, poiché la destinazione è più bassa rispetto all'origine, che usualmente è una falda acquifera.
  • Permette all'acqua di essere trasportata a grande distanza in zona dal clima caldo e secco senza perdere una grande quantità di acqua a causa dell'evaporazione.

CostruzioneModifica

Tradizionalmente i qanāt sono costruiti da un gruppo di lavoratori esperti, chiamati muqannī, con l'appoggio di forza lavoro semplice. Questa professione è ben pagata ed è tipicamente ereditata dai figli.

PreparativiModifica

Il primo passo, critico, nella costruzione di un qanāt è l'identificazione di una fonte acquifera adatta. La ricerca comincia nel punto dove una conoide alluvionale incontra le pendici di montagne o colline; l'acqua è più abbondante ad altitudini elevate per via del sollevamento orografico e le operazioni di scavo nella conoide sono relativamente facili. I muqannī seguono la traccia delle principali vie d'acqua provenienti dalle montagne per identificare prove di acqua sotterranea, ad esempio vegetazione con radici particolarmente profonde e filtrazioni stagionali. Un pozzo è scavato per determinare l'esatta posizione della fonte sotterranea e per verificare che il flusso d'acqua sia tale da giustificare la costruzione del qanāt. Se i prerequisiti sono raggiunti, la rotta viene tracciata sul terreno.

ScavoModifica

 
Schema per la costruzione di un qanāt.

La costruzione di un qanāt richiede usualmente la manodopera di almeno 3-4 muqannīs. Uno scava il qanāt, uno scava l'apertura orizzontale, uno trasporta il terreno scavato.

Altre tipologie di qanātModifica

Sistemi di distribuzioneModifica

I qanāt erano frequentemente suddivisi in una rete sotterranea di distribuzione di canali più piccoli denominati kārīz quando raggiungevano una città principale. Proprio come i qanāt, questi canali minori erano costruiti sottoterra per evitare qualsiasi tipo di contaminazione.

Applicazioni pratiche dei qanātModifica

AsiaModifica

OmanModifica

Sono diffusi i sistemi d'irrigazione Aflaj e cinque di essi sono anche patrimonio dell'umanità dell'Unesco dal 2006.

CinaModifica

Una delle oasi di Turpan nel deserto della Cina nord-occidentale usa dell'acqua fornita da un qanāt (chiamato kārīz). Turfan è stata a lungo il centro di una fertile oasi ed un importante crocevia lungo la rotta settentrionale della Via della Seta, a quel tempo vicina ai regni di sud-occidentali di Korla e Karashahr. Le testimonianze storiche del sistema dei kārīz risale fino all'epoca della dinastia Han. Il numero dei kārīz che fanno parte dell'area è di circa 1.000 canali per una lunghezza totale di circa 5.000 kilometri di estensione.[1]

EuropaModifica

SpagnaModifica

Ci sono ancora molti esempi di gallerie o sistemi qanāt in Spagna, costruiti in zona dai musulmani che avevano occupato la penisola Iberica nell'VIII secolo. Si possono visitare i qanāt di Turrillas in Andalusia.

ItaliaModifica

In Italia sono presenti diversi qanāt, concentrati in prevalenza in Sicilia, i più celebri dei quali sono i Qanat di Palermo del quale ancora oggi si conservano molte gallerie sotto l'antica città ancora oggi visitabili. Altre gallerie si trovano a Paternò (sotto la Collina storica), Francofonte, a Siracusa, a Licata (in queste ultime due località si tratta di canali di epoca greca riutilizzati in periodo islamico). La saja do' sarracinu nel territorio tra Paternò e Belpasso invece è un acquedotto interamente romano.

È possibile esplorare anche il qanāt di Roccarainola[2], composto da un gran numero di cunicoli e gallerie. Molte fontane qanāt si trovano nel territorio di Atri[3], esistenti già nell'epoca pre-romana; è stato scoperto un qanāt in Abruzzo a Bisenti.

GermaniaModifica

In Germania la tecnica del qanāt è stata utilizzata per la realizzazione del Tiergartentunnel (1468-1469) nel paese di Blankenheim.

LussemburgoModifica

Il qanat Raschpëtzer a Walferdange risale al periodo di occupazione romana della Gallia.

AmericaModifica

Il qanāt in America può essere trovato nella regione di Atacama del Cile ed a Pica, ed in Perù a Nazca.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica