Rüstem Pascià

generale e politico croato
Rustem Pascià Opuković
Ruestem presumably.jpg

XXXII Gran visir dell'Impero ottomano
Durata mandato 28 novembre 1544 –
6 ottobre 1553
Monarca Solimano il Magnifico
Predecessore Hadim Süleyman Pascià
Successore Kara Ahmed Pascià

Durata mandato 29 settembre 1555 –
10 luglio 1561
Monarca Solimano il Magnifico
Predecessore Kara Ahmed Pascià
Successore Semiz Ali Pascià (I mandato)

Dati generali
Università Enderûn

Rüstem Pascià in lingua turca ottomana رستم پاشا, in bosniaco e croato: Rustem-paša Opuković, (Skradin, 1500 circa – 10 luglio 1561) è stato un generale e politico ottomano di etnia croata o serba, gran visir di Solimano il Magnifico. Egli è anche noto come Damat Rüstem Pascià.

BiografiaModifica

 
La Moschea di Rüstem Pascià (al centro), con la Moschea di Solimano (in alto a destra) dedicata a Solimano il Magnifico.

Rüstem Pascià nacque a Skradin.[1] Giunse a Costantinopoli ancora bambino[2], dove si costruì una grande carriera militare. Il 26 novembre 1539 sposò la principessa Mihrimah Sultana, figlia di Solimano il Magnifico e di Roxelana; quest'ultima lo appoggiò sempre e a lei egli rimase sempre fedele. Divenne poi gran visir per due diversi periodi; il primo dal 1544–1553 e il secondo dal 1555 fino alla sua morte, nel 1561. Come Gran Visir raggiunse una grande ricchezza ed impiegò il suo patrimonio nella costruzione di edifici pubblici, moschee e fondazioni di beneficenza. Alla sua morte, i suoi beni personali comprendevano 815 terreni in Rumelia e Anatolia, 476 frantoi, 1.700 schiavi, 2.900 cavalli da guerra, 1.106 cammelli, 800 Corani ed altro ancora. A lui è dedicata la Moschea di Rüstem Pascià ad Istanbul.

NoteModifica

  1. ^ Fine (2006), p. 215.
  2. ^ Necdet Sakaoğlu (1993/94a): "İstanbul'un adları" ["The names of Istanbul"]. In: 'Dünden bugüne İstanbul ansiklopedisi', ed. Türkiye Kültür Bakanlığı, Istanbul.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN271983444 · ISNI (EN0000 0004 4719 6063 · GND (DE1088770762 · CERL cnp02140309 · WorldCat Identities (ENviaf-271983444