Apri il menu principale

Regola (rione di Roma)

VII rione di Roma
R. VII Regola
Stemma ufficiale
Piazza Farnese Rome.jpg
Piazza Farnese
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma I
Codice107
Superficie0,3189 km²
Abitanti3 238 ab.[1] (2016)
Densità10 153,65 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°53′41.79″N 12°28′14.52″E / 41.894942°N 12.4707°E41.894942; 12.4707

Regola è il settimo rione di Roma, indicato con R. VII.

Il nome deriva da Renula, ovvero da quella rena soffice che ancora oggi il fiume Tevere deposita durante le piene. Lo stemma del rione è un cervo rampante in campo turchino. Gli abitanti si dicevano (quando ancora i rioni avevano una identità sociale) Regolanti.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il rione confina con:

StoriaModifica

Durante il periodo dell'antica Roma, tale zona apparteneva al Campo Marzio. In particolare, nell'attuale Regola c'era il Trigarium, ovvero lo stadio dove si allenavano gli aurighi che montavano la triga, che era un carro trainato da tre cavalli.

Secondo la suddivisione politica che fece Augusto della Roma imperiale, l'attuale Regola faceva parte della IX regione detta Circus Flaminius. Nel Medioevo entrò a far parte della IV delle sette regioni ecclesiastiche, anche se a quel tempo i confini dei rioni non erano delimitati con grande chiarezza.

Anche a causa delle frequenti inondazioni del Tevere, gran parte della zona era paludosa, e fu bonificata verso la fine del Medioevo.

 
Via dei Giubbonari (2016)

Nel 1586, quando il rione Borgo fu creato, i rioni divennero 14 e Regola divenne il VII con il nome di Arenule et Chacabariorum (anche "Arenule" deriva da Renula); tale nome è ancora in parte sopravvissuto con la moderna via Arenula[2].

La costruzione dei muraglioni del Tevere del 1875 cambiò radicalmente il volto del rione, cancellando tutta quella realtà che si era costruita intorno al fiume nel corso dei secoli.

Nel ristretto spazio del rione ci sono costruzioni di ogni tipo: palazzi, ospedali, chiese, ambasciate, prigioni ed umili abitazioni.
Il quartiere dette i natali a Cola di Rienzo.

In questo rione è nato Carlo Verdone.

StemmaModifica

Cervo d'oro in campo azzurro.[3]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture civiliModifica

Sede dell'Ambasciata di Francia.
Progetto dell'architetto Pio Piacentini, sede del Ministero della giustizia.
Progetto dell'architetto Carlo Rainaldi.
Progetto dell'architetto Carlo Maderno.

Architetture religioseModifica

Sconsacrate
Scomparse

Geografia antropicaModifica

PiazzeModifica

StradeModifica

 
Via Arenula
  • Via Giulia
  • Vicolo dell'Arcaccio
  • Via dell'Arco del Monte
  • Via Arenula
  • Via dei Balestrari
  • Via dei Baullari
  • Via dei Cappellari
  • Vicolo dei Catinari
  • Via del Conservatorio
  • Vicolo del Giglio
  • Via de' Giubbonari
  • Vicolo delle Grotte
  • Via del Mascherone
  • Via del Melangolo
  • Via di Monserrato
  • Vicolo del Malpasso
  • Vicolo della Moretta (dall'insegna di una farmacia raffigurante una fanciulla nera)
  • Via dei Pettinari
  • Via della Pietà
  • Via del Polverone
  • Via dei Pompieri
  • Via della Seggiola
  • Via degli Specchi
  • Via degli Strengari
  • Vicolo de' Venti
  • Via delle Zoccolette (specie di calzari usati dalle orfanelle nell'orfanotrofio eretto da Clemente XII)


Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  2. ^ In realtà per buona parte del Medioevo con tale nome era identificato tutto il tragitto viario compreso oggi dalle vie che vanno da via S. Paolo alla Regola a tutta la via Monserrato. v. U. Gnoli, Topografia e toponomastica di Roma..., 1939.
  3. ^ Carlo Pietrangeli, p. 188.

BibliografiaModifica

  • Mauro Quercioli, RIONE VII. REGOLA, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 2, Roma, Newton Compton Editori, 1989.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Carlo Pietrangeli, Insegne e stemmi dei rioni di Roma (PDF), in Capitolium. Rassegna di attività municipali, anno XXVIII, nº 6, Roma, Tumminelli - Istituto Romano di Arti Grafiche, 1953.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma