Roccapalumba

comune italiano
Roccapalumba
comune
Roccapalumba – Stemma
Roccapalumba – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Palermo-Stemma.svg Palermo
Amministrazione
SindacoRosamaria Giordano (lista civica "Svolta comune - Il paese che vorrei - Roccapalumba") dal 10-6-2018
Territorio
Coordinate37°48′N 13°38′E / 37.8°N 13.633333°E37.8; 13.633333 (Roccapalumba)
Altitudine530 m s.l.m.
Superficie31,57 km²
Abitanti2 186[1] (30-11-2021)
Densità69,24 ab./km²
FrazioniRegalgioffoli
Comuni confinantiAlia, Caccamo, Castronovo di Sicilia, Lercara Friddi, Vicari
Altre informazioni
Cod. postale90020
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT082062
Cod. catastaleH428
TargaPA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Nome abitantiroccapalumbesi
Patronosantissimo Crocifisso
Giorno festivo13 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roccapalumba
Roccapalumba
Roccapalumba – Mappa
Posizione del comune di Roccapalumba all'interno della città metropolitana di Palermo
Sito istituzionale

Roccapalumba (Rrokkaplùmma in siciliano[3]) è un comune italiano di 2 186 abitanti della città metropolitana di Palermo in Sicilia.

CaratteristicheModifica

Dista dal capoluogo circa 60 km e sorge ai piedi della mole solenne della Rocca, massiccio calcareo che caratterizza il centro abitato. Nelle fenditure della Rocca, alta circa m 600, nidificano le colombe selvatiche (Columba livia). Per tale ragione qualche studioso locale ha ipotizzato l'esistenza nell'antichità del culto dedicato a Demetra a cui detti volatili erano sacri. Tale ipotesi viene sostenuta anche per la presenza, nella fenditura della Rocca, dei ruderi dell'antica chiesa di santissima Madonna della luce

, il cui culto, in epoca cristiana, sostituì probabilmente quello di epoca arcaica. A poca distanza alla fine degli anni Cinquanta, venne edificata una nuova chiesa dedicata alla Madonna della Luce. Il paese ha profuso negli ultimi anni impegno nella divulgazione dell'astronomia: in paese c'è un planetario e nel limitrofo borgo di Regalgioffoli, in contrada Pizzo Suaro, è sorto un osservatorio astronomico con un potente telescopio, inserito nella Rete degli Osservatori Popolari d'Italia. Presso la ex scuola elementare di Regalgioffoli è stato aperto un centro di divulgazione astronomica che conserva un elioplanetografo, l'antenato meccanico del planetario: usato a fini didattici, riproduce il moto reale dei pianeti, della Luna e del Sole. relativamente alle costellazioni. Visualizza anche l'alternarsi del giorno e della notte, il succedersi delle stagioni, le eclissi, le fasi della Luna e dei pianeti interni e la precessione degli equinozi.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

Il ficodindiaModifica

Frutto principe stagionale, di grande importanza a livello di economia agricola, ricopre grandi estensioni territoriali, con la nascita di molte microaziende sul territorio. La sagra annuale Opuntia ficus-indica, che si svolge nella prima decade di ottobre, è una festa ormai a rilevanza nazionale.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

  • la Rocca, imponente massiccio dolomitico.
  • lavatoio pubblico.
  • mulino idraulico Fiaccati, fatto realizzare da Emanuele Avellone (1880).
  • planetario.
  • osservatorio astronomico.

Elenco dei manufatti di interesse storico artistico del Centro Storico Urbano[5]:

  • Chiesa Madre (S. Croce), XVIII secolo (rimaneggiamenti del XX secolo).
  • Palazzo F. Platamone principe di Larderia (poi Avellone), XVIII secolo (rimaneggiamenti dei secoli successivi).
  • Palazzo Avellone, via Garibaldi angolo via F. Crispi, XIX secolo
  • Magazzini Avellone, via Garibaldi angolo via Crispi, XIX secolo
  • Palazzo Cannata, XIX secolo
  • Palazzo Avellone, via Regina Elena, prima metà XX secolo
  • Palazzo Avellone, via regina Elena angolo via Umberto I, XVIII secolo (rimaneggiamenti del XIX secolo)
  • Palazzo Fazio, XIX secolo
  • Palazzo Avellone, XIX secolo
  • Casa Saladino, XIX secolo
  • Ex chiesa della Madonna della luce (demolita e ricostruita)
  • Ex Palazzo L. Avellone, poi Municipio, XIX secolo (in parte demolito e ricostruito)
  • Palazzo A. Avellone, 1830
  • Palazzo L. Avellone, XIX secolo
  • Magazzini Avellone, XIX secolo
  • Palazzo P. Avellone, XIX secolo (rimaneggiamenti)
  • Palazzo Nicosia (poi Caserma Carabinieri), XIX secolo
  • Chiesa di S. Rosalia, XIX secolo (rimaneggiamenti XX secolo).

SportModifica

CalcioModifica

La principale squadra di calcio della città è l'U.S.D. Roccapalumba 1969 che milita nel girone B siciliano di 1ª Categoria. È nata il 29 settembre 1969.

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
4 giugno 1985 15 settembre 1989 Filippo Saladino Democrazia Cristiana Sindaco [6]
15 settembre 1989 6 giugno 1990 Giovanni Di Cara Comm. straordinario [6]
6 giugno 1990 10 febbraio 1994 Raffaele De Vincenzi Partito Comunista Italiano Sindaco [6]
13 giugno 1994 25 maggio 1998 Giacomo Balsano lista civica Sindaco [6]
25 maggio 1998 27 maggio 2003 Raffaele De Vincenzi lista civica Sindaco [6]
27 maggio 2003 17 giugno 2008 Giovanni Giordano lista civica Sindaco [6]
17 giugno 2008 11 giugno 2013 Giovanni Giordano Unione di Centro Sindaco [6]
11 giugno 2013 10 giugno 2018 Guglielmo Rosa lista civica Sindaco [6]

CuriositàModifica

Vi ha trovato ambientazione il celebre romanzo di Simonetta Agnello Hornby: La Mennulara.

NoteModifica

  1. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 546, ISBN 88-11-30500-4.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ G. Gangemi, in Provincia Regionale di Palermo, PPT-Piano Territoriale Provinciale, Dossier dei Comuni: Roccapalumba, ottobre 2009, p. 7
  6. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN242766327 · GND (DE7518330-4 · WorldCat Identities (ENviaf-242766327
  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia