Apri il menu principale
Rondella della Grotta
Sistema difensivo di Verona
Localizzazione
Stato attualeItalia
CittàVerona
Coordinate45°27′04″N 11°00′37″E / 45.451111°N 11.010278°E45.451111; 11.010278Coordinate: 45°27′04″N 11°00′37″E / 45.451111°N 11.010278°E45.451111; 11.010278
Informazioni generali
TipoCammino di ronda
Inizio costruzione1523
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Rondella della Grotta è un cammino di ronda della cinta muraria di Verona, ultimo baluardo del sistema difensivo austriaco.

Indice

StoriaModifica

La sua costruzione risale al 1523, voluto dalla Serenissima, con l'edificazione della rondella dove prima passava la cinta turrita scaligera.

Si tratta di un'opera di muratura e terra, originariamente a tracciato circolare con muro aderente in laterizio, a scarpa, ossia in pendenza, sino all'altezza della cordonatura di pietra, con postazione di artiglieria in casamatta e a cielo aperto. L'opera venne edificata al posto della preesistente scaligera Porta Oriela per adeguare la cinta scaligera alla difesa con artiglierie. La porta scaligera presidiava l'antica strada diretta verso Poiano e Montorio. Durante il restauro ottocentesco, la torre scaligera adiacente al fronte di gola della rondella, venne completamente cimata e trasformata in postazione di artiglieria a cielo aperto, per battere l'interno del corpo di piazza, d'infilata lungo la strada di circonvallazione.

Nel 1840 venne ristrutturata dagli austriaci con il miglioramento della casamatta e la ricostruzione della cortina tra la rondella e castel San Felice. La rondella, abbandonata e inaccessibile per molti anni, venne poi restaurata.

BibliografiaModifica

  • AA. VV., Il Quadrilatero: nella storia militare, politica, economica e sociale dell'Italia risorgimentale, Verona, Comune di Verona, 1967, ISBN non esistente.
  • Guido Barbetta, Le mura e le fortificazioni di Verona, Verona, Vita veronese, 1970, ISBN non esistente.
  • Gino Beltramini, Le strade di Verona entro la cinta muraria, Verona, Vita veronese, 1983, ISBN non esistente.
  • Pierpaolo Brugnoli e Sandrini Arturo, L'architettura a Verona nell'età della Serenissima, Verona, Edizioni B.P.V., 1988, ISBN non esistente.
  • Pierpaolo Brugnoli e Sandrini Arturo, Architettura a Verona dal periodo napoleonico all'età contemporanea, Verona, Edizioni B.P.V., 1994, ISBN non esistente.
  • Margherita Marvulli, Verona. La città e le fortificazioni, Roma, 2005, ISBN 978-8824011112.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Verona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Verona