Apri il menu principale

San Benedetto in Alpe

frazione del comune italiano di Portico e San Benedetto
San Benedetto in Alpe
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Forlì-Cesena-Stemma.png Forlì-Cesena
ComunePortico e San Benedetto-Stemma.png Portico e San Benedetto
Territorio
Coordinate44°02′00″N 11°47′00″E / 44.033333°N 11.783333°E44.033333; 11.783333 (San Benedetto in Alpe)Coordinate: 44°02′00″N 11°47′00″E / 44.033333°N 11.783333°E44.033333; 11.783333 (San Benedetto in Alpe)
Altitudine500 m s.l.m.
Abitanti143
Altre informazioni
Cod. postale47010
Prefisso0543
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Benedetto in Alpe
San Benedetto in Alpe

San Benedetto in Alpe (San Bandét in romagnolo) è, dopo il capoluogo di comune, la frazione più importante del comune di Portico e San Benedetto in provincia di Forlì-Cesena. È situato a pochi chilometri dal Passo del Muraglione, al confine della Romagna con la Toscana. Fa parte del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.

Il paese presenta diverse piccole zone sparse tra i monti e la vallata come Molino, Poggio e Rinuccioli, ed ha origini etrusche, mentre nel II secolo vi stazionarono truppe di legionari romani.

Geografia fisicaModifica

San Benedetto si trova nella valle del fiume Acquacheta tra le montagne dell'Appennino tosco-romagnolo e i boschi del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. È al confine con la provincia di Firenze. Sorge in un punto di confluenza tra l'Acquacheta, il Rio Destro e il Troncalosso,i tre fiumi che unendosi nel centro del paese formano il fiume Montone. Fa parte della Romagna toscana, fatto che si può riscontrare nella architettura civile e nella cucina tipica.

Architetture religioseModifica

San Benedetto vanta una antichissima chiesa, l'abbazia di San Benedetto, che sorge in località Il Poggio, a un chilometro sopra San Benedetto, lungo la strada per Marradi. Intorno all'anno mille fu fondata da San Romualdo. Diventò molto potente intorno al XI e XII secolo. Piccola di dimensioni ma di un certo pregio artistico la chiesa di Rinuccioli, sul lato destro dell'Acquacheta. Edificata in pietra, presenta un tetto di legno proprio per le sue origini antichissime. Dopo aver attraversato la porta ci si trova in un piccolo ambiente dove vi si trova un'acquasantiera imponente di pietra. Da qui si accede alla zona centrale della chiesa, suddivisa in due sezioni da un grande arco, quella delle panche e quella dell'altare, di ugual grandezza. Dietro l'altare si trova l'unica finestra con una colorata vetrata della Madonna con Bambino.

Di notevole interesse è anche la chiesa in centro del paese.

NaturaModifica

Senza dubbio la maggiore fonte attrattiva di San Benedetto sono i percorsi naturali lungo le zone dell'Acquacheta, Monte Gemelli, Colla del Bucine, Eremo di Gamogna. Tra le montagne si trova ad alta quota un altopiano erboso, la piana dei Romiti, proprio sopra la famosa cascata citata anche da Dante Alighieri.

Controllo di autoritàLCCN (ENn2007072666 · WorldCat Identities (ENn2007-072666
  Portale Romagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romagna