Santuario di Sant'Antonio di Padova (Torino)

Santuario di Sant'Antonio di Padova
Santuario di Sant'Antonio di Padova a Torino.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàTorino
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Arcidiocesi Torino
Consacrazione1887
ArchitettoAlberto Porta
Stile architettoniconeogotico-neoromanico
Inizio costruzione1884
Completamento1887
Sito webwww.pgvpiemonte.it/santuario/

Coordinate: 45°04′06.42″N 7°39′56.84″E / 45.06845°N 7.66579°E45.06845; 7.66579

Il santuario di Sant'Antonio di Padova di Torino è un edificio storico religioso cattolico situato nella parte meridionale del centro di Torino, in Piemonte. Si trova nella piccola via omonima, non lontano dalla Stazione di Torino Porta Susa, quasi al confine con il quartiere Crocetta.
Ad esso è annesso anche un convento, gestito dai Frati Minori, un Centro Carità e una mensa per i poveri, anch'essa gestita dai Frati stessi.

Storia e descrizioneModifica

L'edificio fu fortemente voluto nel 1883 per ospitare gli allora Frati Minori, estromessi da Torino a causa della legge Siccardi. I cantieri procedettero relativamente in fretta, su disegni e progetto dell'ing. Alberto Porta, che ne disegnò anche l'elegante facciata, con elementi di stile neogotico, molto utilizzato in quel periodo, misti a elementi di neoromanico (archi a tutto sesto) per richiamare lo stile della basilica di Padova.

L'intera struttura fu terminata nel 1885, ma si dovettero attendere ancora due anni per trovare i fondi per gli arredi e le decorazioni interne, arrivando così alla consacrazione il 13 giugno 1887, giorno della ricorrenza del santo al quale è dedicato[1].

L'affresco frontale esterno fu opera di Luigi Morgari, e rappresenta il santo con la Vergine e gli angeli. Qualche anno dopo fu ultimato il campanile, furono aggiunte le statue esterne dei due leoni, a "guardia" del santuario e furono ultimate le due cappelle laterali, dedicate a Maria Santissima Immacolata e al Sacro Cuore di Gesù. Nel 1912 poi, in occasione del cinquantenario del riconoscimento delle apparizioni mariane di Lourdes, fu aggiunta una piccola copia della Grotta di Massabielle, ricavata da una nicchia dell’ingresso laterale sinistro.

Durante la seconda guerra mondiale il convento fu parzialmente colpito dai bombardamenti, e vi fu un primo intervento di restauro nel 1949, quindi nel 1987. L'ultimo imponente restauro dell'intera struttura avvenne nel periodo 2007-2009. Sia il santuario che il convento è da sempre un punto di riferimento per le opere di carità ai poveri.

L'organo a canneModifica

 
Vista dell'organo Vegezzi-Bossi sulla tribuna in controfacciata.

Tra il 1928 e il 1929 venne costruito dalla ditta Francesco Vegezzi-Bossi il maestoso organo a canne, situato sulla cantoria in controfacciata entro la cassa lignea disegnata dal Porta, su progetto fonico di padre Roberto Rosso o.f.m. A trasmissione pneumatico-tubolare, lo strumento è dotato di una consolle a tre manuali di 58 note e pedaliera concavo-radiale di 30 tasti, per un totale di 41 registri e 2075 canne.[2] La raffinata, corposa timbrica ne fa un organo tra i più significativi del panorama organario della città di Torino regolarmente utilizzato per le funzioni liturgiche festive, molto adatto peraltro per l'esecuzione della letteratura organistica sinfonica romantica. È stato restaurato dai Fratelli Marin di Genova nel 1998.

EcumenismoModifica

 
Consolle dell'organo

Il Santuario, oltre alle consuete celebrazioni liturgiche cattoliche affidate ai Frati Minori, ospita da alcuni anni anche i culti della Comunità Evangelica Luterana di Torino celebrati ogni due domeniche al mese secondo una formula bilingue italiano/tedesco.[3] L'ecumenismo vissuto nell'ambito di questa specifica realtà religiosa torinese si pone in fecondo dialogo con l'accogliente spiritualità della comunità francescana che gestisce il complesso.

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su pgvpiemonte.it. URL consultato il 15 giugno 2017 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2018).
  2. ^ Convento S. Antonio da Padova, su fratellimarin.it. URL consultato il 10 giugno 2018.
  3. ^ Comunità Evangelica Luterana di Torino, su celitos Webseite!. URL consultato il 24 maggio 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica