Apri il menu principale
Sappanico
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFlag of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Ancona-Stemma.png Ancona
ComuneAncona-Stemma.png Ancona
Territorio
Coordinate43°37′N 13°31′E / 43.616667°N 13.516667°E43.616667; 13.516667 (Sappanico)Coordinate: 43°37′N 13°31′E / 43.616667°N 13.516667°E43.616667; 13.516667 (Sappanico)
Altitudine300 m s.l.m.
Abitanti215[1] (2001)
Altre informazioni
Cod. postale60131
Prefisso071
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sappanico
Sappanico

Sappànico (Sapànigo o Sapànighe in dialetto anconetano[2]), è una località italiana frazione del comune di Ancona, situata da 200 a 300 metri sopra il livello del mare.

Indice

DescrizioneModifica

Sappanico fa parte del cosiddetto "sistema delle frazioni" di Ancona, una cintura periurbana al capoluogo che include, tra le altre, Gallignano, Montesicuro, Montacuto, Paterno, il Poggio.

La frazione, a 10 km dal centro di Ancona, è divisa sostanzialmente in due parti: il borgo, a valle, ed il castello arroccato sulla collina. È uno dei castelli di Ancona, del sistema di difesa, costruito a guardia dei confini della repubblica di Ancona.

Luoghi d'interesseModifica

  • Il castello di Sappanico, collocato a quota 301 m s.l.m., dimora storica della famiglia Bonarelli, sembra possa essere stato edificato nel XII secolo[3]. Ha avuto un ruolo storico per la difesa di Ancona[4].Nel 1323 il castello, baluardo di parte guelfa, veniva assediato e saccheggiato dal terribile avventuriero soprannominato Lo Schiavo. Successivamente più volte danneggiato e ricostruito. Di esso oggi si conservano i resti trasformati in abitazioni residenziali.
  • La chiesa parrocchiale, dedicata a Sant'Ippolito, originariamente collocata a fianco del castello ed edificata intorno alla metà del '500 a cura del conte Leonardo Bonarelli, è stata ricostruita a valle dopo il terremoto del 1930 presso la strada provinciale; è ad una sola navata, con presbiterio, altare maggiore e due cappelle laterali. Nella sacrestia esiste un quadro rappresentante Cristo e la Samaritana di pregevole fattura, ma di ignoto autore.

NoteModifica

  1. ^ Dati ISTAT, 2016
  2. ^ Mario Panzini Dizionario del vernacolo anconetano
  3. ^ Mario Natalucci 1960
  4. ^ Storia d'Ancona dalla sua fondazione all'anno MDXXXII. 1835

Voci correlateModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche