Apri il menu principale

Biografia e carrieraModifica

Sara Ramírez è nata a Mazatlán, Sinaloa, una popolare cittadina messicana nel Pacifico. All'età di otto anni si è trasferita nella città di Tierrasanta, San Diego, California. Dopo il diploma conseguito alla San Diego School of Creative and Performing Arts in San Diego, California, si è laureata alla Juilliard School in New York City, dove ha migliorato le sue abilità nella recitazione. Ha debuttato a Broadway recitando il ruolo di Wahzinak in The Capeman (1998) di Paul Simon.
Nel 1999, è apparsa in The Gershwins' Fascinating Rhythm (1999) e ha ricevuto una nomination per il premio Outer Critics Circle Award. È anche apparsa in A Class Act (2001), Dreamgirls (2006), e ha recitato in The Vagina Monologues con Tovah Feldshuh e Suzanne Bertish. La donna ha anche doppiato il personaggio principale del gioco per la PlayStation UmJammer Lammy nel 1999. Ha poi recitato in Grey's Anatomy nel ruolo della dottoressa Calliope Torres dalla seconda stagione. Dalla terza stagione è nel cast fisso e la parte le regala la notorietà globale. Vi rimane per 10 anni, annunciando, al termine della Dodicesima stagione, la sua volontà di prendersi una pausa dalla serie. In occasione del sesto Home for The Holidays Concert, ha definito la sua Callie Torres "in pausa".

Sara Ramírez si è fidanzata col il suo compagno storico Ryan Debolt nel giugno 2011; i due sono successivamente convolati a nozze il 4 luglio 2012 a New York. La donna ha dichiarato pubblicamente di essere bisessuale nell'ottobre 2016.

FilmografiaModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatriceModifica

TeatroModifica

DiscografiaModifica

Il 27 marzo 2011 pubblica il suo primo album che chiamerà "EP". I brani che ne fanno parte sono :

  • Break my heart
  • Waitin
  • Eye to eye
  • The story (esibita anche nell'episodio 7×18 della serie "Grey's Anatomy")

Doppiatrici italianeModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7123362 · ISNI (EN0000 0001 1946 3003 · LCCN (ENno2005052489 · GND (DE135502411 · WorldCat Identities (ENno2005-052489