Scrittura corsiva

tipo di scrittura
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'uso tipografico del termine, vedi Corsivo.

Scrittura corsiva o semplicemente corsivo è il nome che si dà a un tipo di scrittura dal tracciato rapido che nasce dalla semplificazione delle scritture a lettere staccate («stampatello»). La scrittura corsiva può interessare tanto le lettere maiuscole (inserite dunque in un sistema bilineare) quanto le minuscole (inserite in un sistema quadrilineare)[1].

Lettera scritta in corsivo (lingua inglese).

StoriaModifica

Numerosi tipi di scritture e di alfabeti hanno forme di scrittura semplificata. Per esempio, la scrittura ieratica e demotica rappresentano un'evoluzione corsiva della scrittura geroglifica egizia.

Nel mondo semitico nordoccidentale la scrittura semitica monumentale si "corsivizzò" quando venne utilizzata da scribi che usavano pennelli su papiro o pergamena. L'alfabeto arabo nacque da una versione «corsiva» di tale alfabeto, elaborata per l'aramaico nabateo, ed è perciò priva di una vera scrittura in «stampatello».

Altri corsivi vennero usati per il greco dei papiri.

Sebbene sia un fenomeno poco noto, già in età romana si svilupparono delle forme di corsivo, del quale molti esempi sono giunti fino a noi grazie ai graffiti sui muri di Pompei. Il corsivo di quell'epoca è praticamente illeggibile per chi conosce solamente la versione moderna, nonostante si tratti dello stesso alfabeto; inoltre, variava lievemente da città a città[2].

L'attuale scrittura corsiva per l'alfabeto latino nacque nel tardo Medioevo per opera degli Umanisti ed ebbe una rapida e duratura espansione in tutta Europa. È caratterizzata da una sobria eleganza, da una chiara leggibilità e dalla rapidità. Agli albori del XVI secolo il tipografo bolognese Francesco Griffo se ne servì per creare lo stile di carattere noto come corsivo, chiamato all'estero italico (tranne che in Spagna, dov'è noto come letra grifa).

Fino al XX secolo la scrittura corsiva è stata usata sia per la letteratura sia per i rapporti commerciali; oggi è usata prevalentemente per la scrittura personale.

La scrittura corsiva viene appresa durante il primo percorso scolastico.

Il corsivo è uno stile di calligrafia in cui i simboli della lingua sono scritti in modo congiunto e / o scorrevole, generalmente allo scopo di rendere la scrittura più veloce. Questo stile di scrittura è distinto dalla "scrittura stampata" che utilizza caratteri in stampatello, in cui le lettere di una parola sono disconnesse e sono in forma di lettera romana / gotica piuttosto che con caratteri uniti. Non tutti i quaderni corsivi uniscono tutte le lettere: il corsivo formale è generalmente unito, ma il corsivo casuale è una combinazione di unioni e alzate di penna. In arabo, siriaco, latino e alfabeti cirillici, molte o tutte le lettere di una parola sono collegate (mentre altre no), a volte facendo di una parola un unico tratto complesso. In corsivo ebraico e corsivo romano, le lettere non sono collegate. In Maharashtra esiste una versione del corsivo chiamata "Modi".

SottoclassiModifica

LegaturaModifica

La legatura prevede che le lettere delle parole con linee che collegano le lettere in modo che non sia necessario prendere la penna o la matita tra le lettere. Comunemente alcune delle lettere sono scritte in modo loop per facilitare i collegamenti. Nei testi greci stampati comuni, i moderni caratteri minuscoli sono chiamati "corsivi" (al contrario di onciali) sebbene le lettere non si colleghino.

CorsivoModifica

La calligrafia italica divenne popolare nel Rinascimento italiano del XV secolo. Il termine "corsivo" in quanto si riferisce alla scrittura a mano non deve essere confuso con le lettere digitate in corsivo. Molte, ma non tutte, le lettere nella grafia del Rinascimento furono unite, poiché la maggior parte è oggi in corsivo corsivo.

OrigineModifica

Le origini del metodo corsivo sono associate ai vantaggi pratici della velocità di scrittura e del raro sollevamento della penna per adattarsi ai limiti della penna. Le penne sono fragili, si rompono facilmente e schizzeranno se non vengono usate correttamente. Inoltre, esauriscono l'inchiostro più velocemente della maggior parte degli strumenti di scrittura contemporanei. Penne a immersione in acciaio seguirono le penne; erano più robusti, ma avevano ancora alcune limitazioni. Anche l'individualità della provenienza di un documento era un fattore, al contrario del carattere della macchina[3]. corsivo era preferito perché lo strumento di scrittura veniva raramente tolto dal foglio. Il termine corsivo deriva dal francese medio cursif dal latino medievale Corsivus, che letteralmente significa correre. Questo termine a sua volta deriva dal latino currere ("correre, affrettarsi"). Anche se l'uso del corsivo sembrava essere in declino, ora sembra tornare in uso[4].

RomanoModifica

Il corsivo romano è una forma di scrittura a mano (o scrittura) usata nell'antica Roma e in una certa misura nel Medioevo. È abitualmente diviso in corsivo vecchio (o antico) e corsivo nuovo. Il corsivo romano antico, chiamato anche corsivo maiuscolo e corsivo maiuscolo, era la forma quotidiana di scrittura a mano usata per scrivere lettere, dai commercianti che scrivevano conti di affari, dagli scolari che imparavano l' alfabeto latino e persino dagli imperatori che impartivano comandi. New Roman, chiamato anche minuscolo corsivo o più tardi corsivo, sviluppato dal vecchio corsivo. È stato utilizzato approssimativamente dal III secolo al VII secolo e utilizza forme di lettere che sono più riconoscibili agli occhi moderni; "a", "b", "d" ed "e" hanno assunto una forma più familiare, e le altre lettere sono proporzionate l'una all'altra piuttosto che variare selvaggiamente in dimensione e disposizione su una linea.

GrecoModifica

L' alfabeto greco ha avuto diverse forme corsive nel corso del suo sviluppo. Nell'antichità, una forma corsiva di scrittura a mano era usata per scrivere su papiro. Impiegava forme di lettere inclinate e parzialmente collegate, nonché molte legature. Alcune caratteristiche di questa calligrafia furono successivamente adottate nella minuscola greca, la forma dominante di scrittura a mano nel medioevo e all'inizio dell'era moderna. Nel diciannovesimo e ventesimo secolo, fu sviluppata una forma completamente nuova di greco corsivo, più simile alle scritture corsive dell'Europa occidentale contemporanea.

Europa occidentaleModifica

IngleseModifica

La scrittura corsiva era usata in inglese prima della conquista normanna. Le carte anglosassoni in genere includono una clausola limite scritta in inglese antico in uno script corsivo. Uno stile di scrittura corsivo - mano da segretario - era ampiamente utilizzato sia per la corrispondenza personale che per i documenti ufficiali in Inghilterra dall'inizio del XVI secolo.

La grafia corsiva si è sviluppata in qualcosa che si avvicina alla sua forma attuale dal 17° secolo, ma il suo uso non era né uniforme, né standardizzato né in Inghilterra né altrove nell'impero britannico. Nelle colonie inglesi dell'inizio del XVII secolo, la maggior parte delle lettere sono chiaramente separate nella grafia di William Bradford, sebbene alcune fossero unite come in una mano corsiva. Nella stessa Inghilterra, Edward Cocker aveva iniziato a introdurre una versione dello stile ronde francese, che fu poi ulteriormente sviluppato e reso popolare in tutto l' impero britannico nel XVII e XVIII secolo come mano tonda da John Ayers e William Banson.

Nelle colonie americane, alla vigilia della loro indipendenza dal Regno di Gran Bretagna, è degno di nota che Thomas Jefferson si unì alla maggior parte, ma non a tutte, le lettere durante la stesura della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti. Tuttavia, pochi giorni dopo, Timothy Matlack ha riscritto professionalmente la copia di presentazione della Dichiarazione in una mano corsiva completamente unita. Ottantasette anni dopo, a metà del XIX secolo, Abraham Lincoln redasse il discorso di Gettysburg in una mano corsiva che oggi non sarebbe fuori luogo.

Non tutti questi corsivi, allora o adesso, univano tutte le lettere all'interno di una parola.

Sia nell'impero britannico che negli Stati Uniti nel XVIII e XIX secolo, prima della macchina da scrivere, i professionisti usavano il corsivo per la loro corrispondenza. Questo è stato chiamato "mano leale", il che significa che sembrava buono, e le aziende hanno addestrato i loro impiegati a scrivere esattamente nello stesso copione[5].

Dopo gli anni '60, è riemerso un movimento originariamente iniziato da Paul Standard negli anni '30 per sostituire il corsivo in loop con la calligrafia corsiva in corsivo. Era motivato dall'affermazione che l'istruzione corsiva era più difficile del necessario: che il corsivo convenzionale (in loop) non era necessario ed era più facile scrivere in corsivo corsivo. Per questo motivo, sono apparse diverse nuove forme di corsivo corsivo, tra cui Getty-Dubay e Barchowsky Fluent Handwriting. Nel 21° secolo, alcuni degli stili di scrittura corsivi sopravvissuti sono Spencerian, Palmer Method, D'Nealian e Zaner-Bloser[6].

TedescoModifica

Fino al XIX secolo, il Kurrent (noto anche come corsivo tedesco) era usato in lingua tedesca a mano lunga. Kurrent non è stato utilizzato esclusivamente, ma piuttosto in parallelo al corsivo moderno (che è lo stesso del corsivo inglese). Gli scrittori usavano entrambi gli stili corsivo: posizione, contenuto e contesto del testo determinavano quale stile usare. Un successore di Kurrent, Sütterlin, fu ampiamente utilizzato nel periodo 1911-1941 fino a quando il partito nazista lo bandì e il suo equivalente stampato Fraktur. I madrelingua tedeschi cresciuti con Sütterlin continuarono a usarlo anche nel dopoguerra.

Oggi, tre diversi stili di scrittura corsiva vengono insegnati nelle scuole tedesche, la Lateinische Ausgangsschrift (introdotta nel 1953), la Schulausgangsschrift (1968) e la Vereinfachte Ausgangsschrift (1969)[7]. L'Unione nazionale tedesca degli insegnanti della scuola primaria ha proposto di sostituire tutti e tre con Grundschrift, una forma semplificata di scrittura a mano non corsiva adottata dalle scuole di Amburgo[8].

Stati UnitiModifica

Una delle prime forme di nuova tecnologia che ha causato il declino della scrittura a mano è stata l'invenzione della penna a sfera, brevettata nel 1888 da John Loud. Due fratelli, László e György Bíró, hanno ulteriormente sviluppato la penna modificando il design e utilizzando inchiostro diverso che si asciugava rapidamente. Con il loro design, era garantito che l'inchiostro non avrebbe sbavato, come sarebbe accaduto con il precedente design della penna, e non era più necessaria l'accurata calligrafia che si sarebbe usata con il vecchio design della penna. Dopo la seconda guerra mondiale, la penna a sfera fu prodotta in serie e venduta a un prezzo basso, cambiando il modo in cui le persone scrivevano. Il corsivo è stato successivamente influenzato da altre tecnologie come il telefono, il computer e la tastiera.

Il corsivo è stato in declino durante il 21° secolo a causa della sua percepita mancanza di necessità. La Fairfax Education Association, il più grande sindacato degli insegnanti della contea di Fairfax, in Virginia, ha definito il corsivo "arte morente". Molti considerano il corsivo troppo noioso da imparare e credono che non sia un'abilità utile.

Al SAT 2006, un esame di ammissione all'istruzione post-secondaria degli Stati Uniti, solo il 15% degli studenti ha scritto le risposte al saggio in corsivo. Tuttavia, gli studenti potrebbero essere scoraggiati dall'usare il corsivo nei test standardizzati a causa degli esami scritti con una grafia difficile da leggere che ricevono meno voti, e alcuni alunni potrebbero avere difficoltà a leggere il corsivo.

Nel 2007, un sondaggio su 200 insegnanti di prima e terza elementare in tutti i 50 stati americani, il 90% degli intervistati ha affermato che le loro scuole richiedevano l'insegnamento del corsivo.

Un'indagine a livello nazionale nel 2008 ha rilevato che gli insegnanti delle scuole elementari non avevano una formazione formale nell'insegnamento della scrittura a mano agli studenti. Solo il 12% degli insegnanti ha riferito di aver seguito un corso su come insegnarlo.

Nel 2012, gli stati americani dell'Indiana e delle Hawaii hanno annunciato che alle loro scuole non sarà più richiesto di insegnare in corsivo (ma sarà ancora autorizzato a farlo), e invece sarà richiesto di insegnare "competenza con la tastiera". Dalla proposta a livello nazionale dei Common Core State Standards nel 2009, che non includono l'istruzione in corsivo, gli standard sono stati adottati da 44 stati a partire da luglio 2011, i quali hanno discusso se aumentarli con il corsivo.

Sforzi di conservazione e benefici cognitiviModifica

Molti documenti storici, come la Costituzione degli Stati Uniti, sono scritti in corsivo: l'incapacità di leggere il corsivo impedisce quindi di essere in grado di apprezzare appieno tali documenti nel loro formato originale[9]. Nonostante il declino nell'uso quotidiano del corsivo, viene reintrodotto nel curriculum delle scuole negli Stati Uniti. Stati come California, Idaho, Kansas, Massachusetts, North Carolina, South Carolina, New Jersey e Tennessee hanno già imposto il corsivo nelle scuole come parte del programma Back to Basics progettato per mantenere l'integrità della scrittura corsiva[10]. istruzione corsiva è richiesta dalla quinta elementare dell'Illinois, a partire dall'anno scolastico 2018-2019[11]. Hawaii e Indiana hanno sostituito l'istruzione corsiva con" competenza con la tastiera "e altri 44 stati stanno attualmente[quando?] valutando misure simili"[12].

Con l'uso diffuso dei computer, i ricercatori hanno deciso di testare l'efficacia di entrambi i mezzi. In uno studio condotto da Pam Mueller che ha confrontato decine di studenti che hanno preso appunti a mano e tramite computer portatile ha mostrato che gli studenti che hanno preso appunti a mano (sebbene il documento non specifichi che stavano usando il corsivo) hanno mostrato vantaggi sia nell'apprendimento fattuale che concettuale[13]. Un altro studio condotto da Anne Mangen ha mostrato che i bambini hanno mostrato un'accelerazione nell'apprendimento di nuove parole quando le scrivevano a mano piuttosto che sullo schermo di un computer[14]. Imparare a scrivere in corsivo è ritenuto (dai suoi professionisti) un trampolino di lancio per lo sviluppo di una scrittura a mano pulita e, in un terzo studio condotto dalla Florida International University, la professoressa Laura Dinehart ha concluso che gli studenti con una calligrafia più ordinata tendono a sviluppare una migliore lettura e scrittura abilità, anche se è difficile concludere il nesso di causalità da tale associazione[15]. A parte questi benefici cognitivi, gli studenti con dislessia, che hanno difficoltà ad imparare a leggere perché il loro cervello ha difficoltà ad associare suoni e combinazioni di lettere in modo efficiente, hanno scoperto che il corsivo può aiutarli con il processo di decodifica perché integra la coordinazione occhio-mano, abilità motorie fini e altre funzioni cerebrali e di memoria[16]. Tuttavia, gli studenti con disgrafia possono essere mal serviti, o addirittura sostanzialmente ostacolati, dalle richieste di corsivo.

CineseModifica

Le forme corsive dei caratteri cinesi sono usate nella calligrafia; "scrittura in esecuzione" è la forma semi-corsiva e "scrittura grezza" (erroneamente chiamata "scrittura erbosa" a causa di un'errata interpretazione) è il corsivo. L'aspetto corrente di questa scrittura ha più a che fare con la formazione e la connessione dei tratti all'interno di un carattere individuale che con le connessioni tra i caratteri come nel corsivo connesso occidentale. Questi ultimi sono rari nell'hanzi e nei caratteri kanji giapponesi derivati che di solito sono ben separati dallo scrittore.

GalleriaModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Florence Bara e Marie-France Morin, DOES THE HANDWRITING STYLE LEARNED IN FIRST GRADE DETERMINE THE STYLE USED IN THE FOURTH AND FIFTH GRADES AND INFLUENCE HANDWRITING SPEED AND QUALITY? A COMPARISON BETWEEN FRENCH AND QUEBEC CHILDREN: Does the Handwriting Style Learned in First Grade Determine, in Psychology in the Schools, vol. 50, n. 6, giugno 2013, pp. 601–617, DOI:10.1002/pits.21691.
  2. ^ I graffiti di Pompei Archiviato il 5 luglio 2010 in Internet Archive., dal programma Rai Superquark
  3. ^ Georges Jean, Writing: The Story of Alphabets and Scripts, 'New Horizons' series, London, Thames and Hudson Ltd, 1997.
  4. ^ Emily S. Rueb, Cursive Seemed to Go the Way of Quills and Parchment. Now It's Coming Back., in The New York Times, 13 aprile 2019. URL consultato il 1º Sep 2019.
  5. ^ Ira Livingston, The Romantic Double-Cross: Keats's Letters, in Arrow of Chaos: Romanticism and Postmodernity, University of Minnesota Press, 1997, pp. 143, ISBN 978-0816627950.
  6. ^ Karen Heller, From punishing to pleasurable, how cursive writing is looping back into our hearts, in The Washington Post, 2 settembre 2018. URL consultato l'8 settembre 2018.
  7. ^ Grundschrift-Schreibschrift, in grundschrift-schreibschrift.de.
  8. ^ Helen Pidd, German teachers campaign to simplify handwriting in schools, in The Guardian, 29 giugno 2011.
  9. ^ Katy Steinmetz, Five Reasons Kids Should Still Learn Cursive Writing, su TIME.com, 4 giugno 2014. URL consultato il 30 ottobre 2015.
  10. ^ Is cursive handwriting slowly dying out in America?, in PBS NewsHour. URL consultato il 30 ottobre 2015.
  11. ^ An act concerning education, su ILGA.gov. URL consultato il 30 agosto 2018.
  12. ^ Angela Serratore, Is Cursive Handwriting Going Extinct?, in Smithsonian, 6 marzo 2013. URL consultato il 30 ottobre 2015.
  13. ^ Pam Mueller, The Pen Is Mightier Than the Keyboard: Advantages of Longhand Over Laptop Note Taking, in Psychological Science, vol. 25, n. 6, 2014, pp. 1159–1168, DOI:10.1177/0956797614524581, PMID 24760141.
  14. ^ A. Mangen, L. G. Anda, G. H. Oxborough e K. Brønnick, Handwriting versus Keyboard Writing: Effect on Word Recall, in Journal of Writing Research, vol. 7, n. 2, 2015, pp. 227–247, DOI:10.17239/jowr-2015.07.02.1.
  15. ^ T. Rees Shapiro, Cursive handwriting is disappearing from public schools, in The Washington Post, 4 aprile 2013, ISSN 0190-8286 (WC · ACNP). URL consultato il 30 ottobre 2015.
  16. ^ How cursive can help students with dyslexia connect the dots, in PBS NewsHour, 6 maggio 2014. URL consultato il 30 ottobre 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 8643 · GND (DE4179986-0
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura