Sergej Vostrikov

giocatore di hockey su ghiaccio russo
Sergej Vostrikov
Nazionalità Unione Sovietica Unione Sovietica
Russia Russia (dal 1991)
Altezza 181 cm
Peso 80 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Ala destra
Tiro Sinistro
Ritirato 2004
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Squadre di club0
1980-1987 Torpedo Togliatti 331 147 78 225
1987-1990 Chimik Voskresensk 132 40 29 69
1990-1992 CSKA Mosca 88 30 19 49
1992-1999 Bolzano 266 269 293 562
1999-2003 Augsburger Panther 205 87 109 196
2003-2004 Molot-Prikam'e Perm' 35 6 11 17
Nazionale
1982 Unione Sovietica Unione Sovietica U-18 5 2 1 3
1983-1984 Unione Sovietica Unione Sovietica U-20 7 0 1 1
1984-1985 Unione Sovietica Unione Sovietica universitaria 4 2 5 7
1988 Unione Sovietica Unione Sovietica 4 0 0 0
Allenatore
2007-2008 Lada Togliatti Asst. coach
2010-2011 Lada Togliatti Asst. coach
2016-2018 Molot-Prikam'e Perm' Head coach
2018- PSK Sachalin Head coach
Palmarès
Campionato mondiale U20 1 0 0
Campionato europeo U18 0 0 1
Universiadi invernali 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 maggio 2020

Sergej Leont'evič Vostrikov (cirillico Сергей Леонтьевич Востриков; Samara, 16 gennaio 1961) è un allenatore di hockey su ghiaccio ed ex hockeista su ghiaccio sovietico, che nel 1992 ha assunto la cittadinanza russa. È stato un'ala destra di stecca sinistra.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Ha iniziato la sua carriera nel Torpedo Togliatti (oggi HC Lada Togliatti) di Togliattigrad nella Vysšaja Liga russa (l'equivalente dell'italiana Serie A2) nella stagione 1980-81. Indosserà anche la maglia della nazionale giovanile ai campionati del mondo U-20 giocati in Svezia vinti proprio dall'URSS.

Resta al Torpedo fino alla stagione 1987-88, quando passa al Chimik Voskresensk, nella massima serie del campionato sovietico. Dopo tre stagioni passa al CSKA Mosca, autentico dominatore in quegli anni dell'hockey non solo sovietico, ma anche europeo, ma che vedeva la propria stella al tramonto. Riesce comunque ad aggiudicarsi la Coppa Spengler del 1991.

Nella stagione 1992-93 Vostrikov si trasferisce a giocare in Italia, all'Hockey Club Bolzano.[1][2] Nei sette anni a Bolzano, Vostrikov vince quattro scudetti (1994-95, 1995-96, 1996-97 e 1997-98) un'Alpenliga e un Torneo 6 nazioni (rispettivamente, 1993-94 e 1994-95), oltre ad un titolo di capocannoniere (1996-97).[3]

Nel 1999-00, nel pieno della crisi dell'hockey italiano, Vostrikov si trasferisce in Germania, nella Deutsche Eishockey-Liga (DEL), con gli Augsburger Panthers. Nel suo primo anno in Germania vince il titolo di miglior attaccante, insieme ai compagni di linea Maslennikov e Larsson.

Ha chiuso la carriera in Russia, nella Vysšaja Liga, con il Molot-Prikamie Perm nella stagione 2003-04. In 1136 partite disputate in carriera, Vostrikov ha messo a segno ben 1248 punti (640 reti e 608 assist).

Igor Masslennikov, compagno di lineaModifica

Il suo nome è indissolubilmente legato a quello dell'eterno compagno di linea, il centro Igor Maslennikov. I due hanno iniziato a giocare assieme nella stagione 1981-82 al Torpedo Togliatti per tre stagioni. Poi di nuovo assieme ininterrottamente nei due anni al CSKA Mosca (1990-92), nei sette all'Hockey Club Bolzano (1992-1999) e nei primi tre con gli Augsburger Panthers (1999-2002).

NazionaleModifica

Vostrikov ha vestito la maglia della nazionale sovietica sia a livello giovanile (ha preso parte a un'edizione degli Europei U18, chiusi con un bronzo, ad una dei Mondiali U20, vinti, e alle Universiadi di Belluno 1985, vinte) che a livello di nazionale di nazionale maggiore (ha disputato l'edizione 1988 dell'Izvestija Trophy).

AllenatoreModifica

Nella stagione 2007-2008 e nella stagione 2010-2011 è stato assistant coach del Lada Togliatti (nel primo caso in Superliga, nel secondo in Vysšaja Chokkejnaja Liga).

Nella stagione 2016-2017 è invece stato assunto come head coach nel mese di dicembre dal Molot-Prikamie Perm (Vysšaja Chokkejnaja Liga) al posto dell'esonerato Marat Askarov. Venne confermato anche per la stagione successiva.

Per la stagione 2018-2019 passò al PSK Sakhalin, squadra russa militante nell'Asia League Ice Hockey. Con lui alla guida, la squadra vinse il campionato, e Vostrikov venne confermato. La squadra raggiunse la finale anche nella stagione 2019-2020, ma questa venne cancellata a causa della pandemia di COVID-19 del 2019-2020, e le due finaliste (Sakhalin e Anyang Halla) vennero entrambe incoronate campioni.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

AllenatoreModifica

PSK Sakhalin: 2018-2019, 2019-2020

NoteModifica

  1. ^ Anni '90, hockeytime.net. URL consultato il 30 agosto 2013.
  2. ^ (RU) Кататься на лыжах мне запрещено контрактом, sport-express.ru, 23 maggio 1996. URL consultato il 30 agosto 2013.
  3. ^ Campionato italiano dal 1996 al 2000, batsweb.org. URL consultato il 30 agosto 2013.

Collegamenti esterniModifica