Siccità nordamericana del 1988-1990

La siccità nordamericana del 1988-1990 è stata uno dei peggiori episodi di siccità negli Stati Uniti d'America. Si è trattato di un periodo di prolungata mancanza di pioggia che ha colpito diverse zone del Canada e degli Stati Uniti a partire dalla primavera del 1988 e che si è conclusa solo fra il 1989 e il 1990 a seconda delle zone. I danni causati dalla siccità sono stati di quasi 60 miliardi di dollari sia negli Stati Uniti che in Canada. Ciò equivale a una cifra compresa tra 134 e 137 miliardi di dollari in dollari americani del 2022.[1]

Le condizioni dovute alla siccità hanno scatenato alcune delle peggiori tempeste di polvere dal Dust Bowl degli anni 1930 in molte aree; in altre, tempeste di polvere tali non si vedevano dal 1977. Le peggiori tempeste di polvere sono avvenute nelle Grandi Pianure e nel Midwest. In particolare, una prolungata tempesta di polvere nei mesi di febbraio e marzo 1988 ha portato alla chiusura di scuole e aziende in tutte le regioni colpite. Nella primavera del 1988, diverse stazioni meteorologiche registrarono minimi storici di precipitazioni, con assenza di neve, grandine o pioggia in numerose località. Un esempio sono i quasi 55 giorni senza precipitazioni che iniziarono nel febbraio 1988 e durarono fino a marzo nella regione di Milwaukee, nel Wisconsin.

Il fenomeno ha preso inizio a seguito di una minore secchezza che aveva attraversato gli Stati Uniti sud-orientali il precedente inverno (1986-1987, anche se un El Niño era in corso durante quel periodo). Una fortissima La Niña ha iniziato a svilupparsi a fine inverno/inizio primavera 1988, portando un clima arido.

Durante l'estate si sono sviluppate diverse forti ondate di calore, simili a quelle della tarda primavera del 1934, della metà della primavera del 1936 e della primavera del 1983. Il bilancio delle continue e costanti ondate di calore è stato di circa 4000 morti, anche se molte stime parlano di poco meno di 17.000 decessi.[2] Inoltre, la siccità portò a numerosi incendi selvaggi nel parco nazionale di Yellowstone proprio in quella stessa estate del 1988 e in altre aree del Nord America settentrionale e occidentale.[3] Oltre al nord negli Stati Uniti centro-occidentali, la zona nord-orientale, i Grandi Laghi, le Grandi Pianure e le Montagne Rocciose, anche diverse pianure meridionali erano state colpite da siccità e caldo.

La siccità ha distrutto le coltivazioni su scala nazionale (o, nella migliore delle ipotesi, causato coltivazioni al di sotto degli standard). Inoltre, un numero enorme di città e contee hanno imposto, durante tutto il periodo di secchezza, restrizioni sull'accesso alle risorse idriche.

Al suo apice, la siccità del 1988-1990 ha toccato circa il 45% degli Stati Uniti. Si tratta di una percentuale di gran lunga inferiore alla siccità del Dust Bowl, che colpì il 70% del territorio statunitense. La siccità del 1988-1990, tuttavia, non solo ha rappresentato il più costoso evento di questo tipo nella storia degli Stati Uniti, ma è stato il disastro naturale più costoso della storia, prima dell'uragano Katrina del 2005.

Per diverse ragioni, la catastrofica siccità continuò negli stati di Midwest settentrionale e delle Grandi Pianure settentrionali durante il 1989, e non terminò ufficialmente fino al 1990.[4][5] Le condizioni di aridità sono continuate durante tutto il 1989, interessando Iowa, Illinois, Missouri, parti del Nebraska,[6] Minnesota, Kansas e grandi porzioni del Colorado.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Felix Kogan e Wei Guo, Early twenty-first-century droughts during the warmest climate, in Geomatics, Natural Hazards and Risk, vol. 7, n. 1, 2 gennaio 2016, pp. 127–137, DOI:10.1080/19475705.2013.878399. URL consultato il 4 giugno 2022.
  2. ^ (EN) Stanley A. Changnon, Kenneth E. Kun Kel e David Changnon, Impacts of recent climate anomalies: losers and winners (PDF), in Illinois State Water Survey, Dipartimento di risorse naturali e Università dell'llinois, giugno 2007.
  3. ^ (EN) Yellowstone National Park, 1988: A 25th Anniversary Retrospective (U.S. National Park Service), su nps.gov. URL consultato il 4 giugno 2022.
  4. ^ (EN) Billion Dollar Disasters: A Chronology of U.S. Events, su livescience.com, 31 gennaio 2004. URL consultato il 4 giugno 2022.
  5. ^ (EN) William Rubinetti, Ddrought stricken areas find relief after rains, in New York Times, 16 settembre 1989. URL consultato il 13 aprile 2009.
  6. ^ The September 1990 Droght Nebraska, in The Palmer Modified Droght Index. URL consultato il 6 gennaio 2022.

Voci correlateModifica