Apri il menu principale

BiografiaModifica

Esistono molte incertezze riguardo a questo poeta dell'età alessandrina. Secondo Suda, l'enciclopedia storica bizantina del X secolo, Sosifane sarebbe nato a Siracusa, avrebbe vissuto ad Atene sotto il dominio Filippo di Macedonia e di Alessandro Magno, avrebbe composto settantatré tragedie, riportando sette vittorie[1]. Di lui ci sono pervenuti pochi frammenti, fra cui uno molto breve sulla fugacità della felicità umana, appartenenti al dramma "Meleagro", peraltro l'unico titolo rimasto[2].

Sosifane è elencato fra i sette poeti tragici poeti tragici del Canone alessandrino (Pleiade), assieme ad Alessandro Etolo, Filico di Corcira, Licofrone, Omero di Bisanzio, Sositeo ed Eantide. In un'altra lista, i nomi di Eantide e di Sosifane sono sostituiti da quelli di Dionisiade Mallote e di Eufronio Cherronesite, due poeti vissuti nel secolo successivo, all'epoca di Tolomeo IV Filopatore (221-204 a.C.)[3]. Secondo alcuni studiosi, inoltre, sarebbero esistiti due poeti tragici a nome Sosifane, uno dei quali, di poco posteriore al Sosifane siracusano vissuto ad Atene, sarebbe stato il Sosifane incluso fra i poeti tragici della Pleiade[2]. Augusto Rostagni aveva sostenuto che Sosifane di Siracusa sarebbe stato confuso con Sositeo, incluso sempre fra i poeti della Pleide[4].

NoteModifica

  1. ^ August Immanuel Bekker (a cura di), Suidae Lexicon: ex recoginitione Immanuelis Bekkeri, vol. II, Berolini, Typis et impensis G. Reimeri, 1854, p. 1003.
  2. '^ a b Voce dellEnciclopedia Biografica Universale, citata.
  3. ^ Augusto Rostagni, Sosifane, in Enciclopedia Italiana, vol. XXVII, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1935.
  4. ^ Augusto Rostagni, Poeti alessandrini (TXT), Torino, F.lli Bocca, 1916, p. 343.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2858400 · ISNI (EN0000 0004 4885 7695 · GND (DE102406391 · CERL cnp00285841 · WorldCat Identities (EN2858400