Apri il menu principale
Stagno nativo
Tin-160365.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10)1.AC.10
Formula chimicaSn[1]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinodimetrico
Sistema cristallinotetragonale[1]
Classe di simmetriaditetragonale-bipiramidale
Parametri di cellaa=5,831, c=3,182, Z=4[1]
Gruppo puntuale4/m 2/m 2/m
Gruppo spazialeI 41/amd[1]
Proprietà fisiche
Densità7,31 (misurata), 7,26 (calcolata)[1] g/cm³
Durezza (Mohs)2[1]
Fratturaindistinta, malleabile[1]
Colorebianco stagno[1]
Lucentezzametallica[1]
Opacitàopaco[1]
Strisciogrigio biancastro
Diffusionediffuso
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

Lo stagno nativo è un minerale composto esclusivamente da stagno praticamente puro.[1]

Indice

MorfologiaModifica

Lo stagno nativo si presenta in granuli informi arrotondati o in aggregati, non sono conosciuti cristalli.[1]

Origine e giacituraModifica

Lo stagno nativo si trova nelle sabbie alluvionali e in granuli nella calcite, nella kimberlite e nelle dorsali oceaniche associato con cassiterite, iridosmina, oro nativo, platino nativo, rame nativo e sorosite.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols, Handbook of Mineralogy (PDF), Chantilly, VA 20151-1110, Mineralogical Society of America.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia