Apri il menu principale

Stazione di Cansano

stazione ferroviaria italiana
Cansano
stazione ferroviaria
Stazione Cansano.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCansano
Coordinate41°59′51.72″N 14°01′21″E / 41.9977°N 14.0225°E41.9977; 14.0225Coordinate: 41°59′51.72″N 14°01′21″E / 41.9977°N 14.0225°E41.9977; 14.0225
LineeFerrovia Sulmona-Isernia
Caratteristiche
Tipofermata in superficie, passante
Stato attualepriva di traffico ordinario; solo traffico storico-turistico
Attivazione1892
Binari1

La stazione di Cansano è una fermata ferroviaria della ferrovia Sulmona-Isernia a servizio dell'omonimo comune.

Indice

StoriaModifica

La stazione di Cansano entrò in servizio il 18 settembre 1892, come capolinea provvisorio del tronco ferroviario da Sulmona; nel 1897 venne attivato il prolungamento in direzione di Isernia.[1] Conserva ancora oggi la rimessa ad un solo binario in cui terminava il binario prima del completamento del tronco fino ad Isernia. Nel periodo tra il 1892 e 1897 da qui partiva una ferrovia di cantiere a scartamento ordinario con alcuni tratti a cremagliera che giungeva fino a Roccaraso. Questa ferrovia aveva un percorso differente dall'attuale: per un breve tratto era attiguo all'attuale linea, per poi distaccarsi da essa nei pressi della galleria "Girone". Da qui con un tratto a cremagliera tagliava l'ansa di Campo di Giove per poi affiancarsi all'attuale linea nei pressi del km 33. Questa linea provvisoria aveva lo scopo di portare materiale al Quarto Santa Chiara dove erano presenti notevoli difficoltà da superare: la costruzione delle gallerie artificiali paravalanghe, il clima inclemente che permetteva poche settimane di lavoro all'anno e soprattutto lo scavo della galleria "Majella", lunga galleria di valico, posta a circa 100 metri sotto il piano di campagna e dei due fumaioli ancora oggi funzionanti.

Nel luglio 1990 la stazione di Cansano venne declassata al rango di fermata[2]; venne infine soppressa nel dicembre 2002.[3]

La stazione è stata riattivata il 16 luglio 2017 da RFI.[4]

Strutture e impiantiModifica

La stazione è gestita da Rete Ferroviaria Italiana (RFI). L'impianto dispone di un fabbricato viaggiatori sviluppato su due livelli con all'interno la biglietteria e la sala d'attesa. Il piazzale era composto da tre binari: il binario 1 costituiva il binario di precedenza, il binario 2 costituiva il binario di corsa e il binario tronco serviva lo scalo merci. Il binario 1 e il binario tronco sono stati smantellati negli anni '90 a causa del declassamento al rango di fermata. Ad oggi (2017) permane solo il binario 2 di corretto tracciato.

MovimentoModifica

ServiziModifica

  •   Biglietteria a sportello
  •   Sala d'attesa

NoteModifica

  1. ^ Attilio Di Iorio, La ferrovia Sulmona-Isernia, numero monografico della rivista "I Treni" n. 284 (agosto 2006), p. 29.
  2. ^ Attilio Di Iorio, La ferrovia Sulmona-Isernia, numero monografico della rivista "I Treni" n. 284 (agosto 2006), p. 39.
  3. ^ Attilio Di Iorio, La ferrovia Sulmona-Isernia, numero monografico della rivista "I Treni" n. 284 (agosto 2006), p. 40.
  4. ^ http://www.ferrovie.it/portale/articoli/6533

BibliografiaModifica

  • Rete Ferroviaria Italiana, Fascicolo Orario 108/CI, RFI - Dipartimento di Ancona, prima pubblicazione dicembre 2003, ISBN non esistente.
  • Attilio Di Iorio, La ferrovia Sulmona-Isernia, numero monografico della rivista "I Treni" n°. 284 (agosto 2006).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica