Apri il menu principale
Modena Piazza Manzoni
stazione ferroviaria
Modena Piazza Manzoni staz ferr.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàModena
Coordinate44°38′04.92″N 10°55′51.96″E / 44.6347°N 10.9311°E44.6347; 10.9311Coordinate: 44°38′04.92″N 10°55′51.96″E / 44.6347°N 10.9311°E44.6347; 10.9311
Lineeferrovia Modena-Sassuolo
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, passante
Stato attualein uso
Attivazione1932

La stazione di Modena Piazza Manzoni, conosciuta anche come "stazione piccola", in contrapposizione alla stazione RFI, è la seconda stazione ferroviaria della città emiliana.
Posta sulla linea per Sassuolo, è gestita dalle Ferrovie Emilia Romagna, ed ospita la rimessa dei rotabili di quella compagnia utilizzati per l'esercizio della linea.

StoriaModifica

La stazione di piazza Manzoni fu inaugurata nel 1932 in concomitanza con la trasformazione a scartamento ordinario della rete delle ferrovie provinciali, che precedentemente attraversavano la città in sede stradale.

La nuova stazione, posta a sud-est del centro cittadino e battezzata Modena Ferrovie Provinciali, divenne capolinea delle tre linee per Mirandola, Sassuolo e Vignola, nonché della tranvia Modena-Maranello; la rete delle ferrovie provinciali, infatti, era collegata alla rete nazionale solo da un raccordo per il trasporto merci.

L'importanza della "stazione piccola" cominciò a scemare con la chiusura delle linee per Mirandola (1964) e Vignola (1969). Dopo la soppressione di queste due linee, furono tolti i primi due binari e lo spazio tra le pensiline fu asfaltato, per farvi transitare le autolinee per Mirandola/Finale e Vignola; dopo alcuni anni, questo transito fu abbandonato, a causa dello scarso afflusso di utenti, in quanto la stazione si trova in un'area residenziale, lontana da poli scolastici o altre zone interessate da pendolari.

Il 26 gennaio 2004 la linea per Sassuolo, unica rimasta in esercizio, fu prolungata fino alla stazione RFI[1]. La stazione piccola ha così perso il ruolo di capolinea, a favore di una migliore integrazione fra le diverse linee ferroviarie.

NoteModifica

  1. ^ Giorgio Fantini, Da Modena... a Modena, in I Treni (Salò, Editrice Trasporti su Rotaie), nº 257, marzo 2004, p. 16, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica