Apri il menu principale

Stefano Bisi (Siena, 15 ottobre 1957) è un giornalista e scrittore italiano, dal 6 aprile 2014 Gran maestro del Grande Oriente d'Italia.

Indice

BiografiaModifica

Inizia la carriera giornalistica nel 1978, nella redazione di un mensile della sezione di Siena del Partito Socialista Italiano, la Gazzetta di Siena. Ha avuto una serie di esperienze in diverse emittenti televisive locali, come Antenna Radio Esse e Tvs-televideosiena[1]. Successivamente, dopo che nel 1986 l'editore del Corriere dell'Umbria si espande fondando un nuovo quotidiano, il Corriere di Siena, entra a far parte della redazione del quotidiano diventando anche capo redazione. In seguito alla crisi dell'editore, con la conseguente chiusura del giornale, ha un'esperienza in Rai. Dal 2009 è vicedirettore del Corriere di Siena, rifondato in forma di cooperativa[2]. Si è laureato in Scienze dell'amministrazione presso la facoltà di Scienze politiche dell'Università di Siena,

Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica,[3] è stato iniziato in massoneria nel 1982 nella loggia senese "Montaperti". Il 5 aprile 2014 succede a Gustavo Raffi alla guida del Grande Oriente d'Italia, la più antica obbedienza della Massoneria italiana, venendo eletto Gran maestro. La sua lista "Presenza, laicità, tradizione" ha ottenuto 5.315 voti (superando le liste "Il futuro nella tradizione" e "La Massoneria semina, l'umanità raccoglie", ferme rispettivamente al 30,18% e al 23,64%)[4]. Viene rieletto il 3 marzo 2019, la sua lista, l'unica presentata, “Liberi, Uniti, Fieri. Per un Mondo migliore”, ha ottenuto 9.413 voti[5].

PubblicazioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Massoneria: il senese Bisi gran maestro del Grande oriente d'Italia, Il Tirreno. URL consultato il 13 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  2. ^ Bisi Gran Maestro, primaonline.it. URL consultato il 13 giugno 2014.
  3. ^ Onorificenze della Presidenza della Repubblica al Dott. Stefano Bisi, su quirinale.it.
  4. ^ La Commissione elettorale nazionale del Grande Oriente d'Italia ha confermato la validità dei risultati del voto del 2 marzo, grandeoriente.it, 4 marzo 2014. URL consultato il 13 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  5. ^ Eletti il Gran Maestro Bisi e la nuova Giunta. Massiccia partecipazione dei fratelli maestri. Oltre 9000 preferenze alla lista “Liberi, Uniti, Fieri”, grandeoriente.it, 11 marzo 2019. URL consultato il 21 marzo 2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN264512864 · ISNI (EN0000 0003 8248 8152 · LCCN (ENno2008062129 · GND (DE1112094873 · WorldCat Identities (ENno2008-062129