Stephen Daldry

regista cinematografico britannico
Stephen Daldry nel 2009

Stephen David Daldry (Dorset, 2 maggio 1961) è un regista britannico attivo in campo teatrale, televisivo e cinematografico.

È stato candidato all'Oscar come miglior regista per i primi tre lungometraggi da lui girati: Billy Elliot (2000), The Hours (2002) e The Reader - A voce alta (The Reader). Ha inoltre vinto due Tony Award: alla miglior regia di un'opera teatrale nel 1994 per An Inspector Calls e nel 2009 per la regia del musical Billy Elliot the Musical.

BiografiaModifica

Stephen Daldry è nato nel Dorset, figlio del banchiere Patrick Daldry e della cantante Cherry Thompson Daldry.[1] Cominciò a recitare da adolescente in una compagnia teatrale amatoriale a Taunton, dove si era trasferito con la famiglia, e all'età di diciotto anni vinse una borsa di studio per l'Università di Sheffield, dove si laureò in letteratura inglese.[2] Dopo aver vissuto in Italia per un anno, Daldry tornò in Inghilterra per studiare recitazione a Loughton.

La carriera artistica di Daldry cominciò al Crucible Theatre di Sheffield con la direttrice artistica Clare Vanables, prima di trasferirsi a Londra. Fu direttore artistico del Metro Theatre Company dal 1984 al 1986, del Gate Theatre di Londra dal 1989 al 1992 e del Royal Court Theatre dal 1992 al 1998.[3] In questi anni si affermò come apprezzato regista teatrale, dirigendo un acclamato allestimento di An Inspector Calls a Londra e Broadway, dove nel 1994 vinse il Tony Award alla miglior regia di un'opera teatrale.[4]

Nel 2000 fece il suo debutto cinematografico con il film Billy Elliot, per cui ottenne una nomination all'Oscar al miglior regista.[5] Nel 2002 fu nuovamente candidato all'Oscar per la regia del suo secondo film, The Hours, tratto dal romanzo premio Pulitzer di Michael Cunningham.[6] Nel 2005 curò la regia anche dell'adattamento teatrale del film, Billy Elliot the Musical, che al suo debutto a Broadway nel 2009 valse a Daldry il suo secondo Tony Award, alla miglior regia di un musical.[7] Nel 2008 diresse il suo terzo film, The Reader - A voce alta, che valse a Kate Winslet l'Oscar alla miglior attrice e a Daldry la terza nomination all'Oscar alla miglior regia.[8] Nel 2014 il suo film Trash vinse il Premio del pubblico BNL del Festival internazionale del film di Roma.[9]

Negli anni 2010 ottenne altri successi sulle scene, dirigendo Helen Mirren nel dramma The Audience e curando la regia di un acclamato revival di Skylight, che vinse il Tony Award al miglior revival di un'opera teatrale.[10] Nel 2018 ha diretto la prima della pièce di Matthew Lopez The Inheritance al Young Vic di Londra, per cui ha vinto il Laurence Olivier Award alla miglior regia;[11] l'anno successivo Daldry ha nuovamente diretto il dramma a Broadway.[12]

Vita privataModifica

Pur essendo sposato con Lucy Sexton dal 2001, Daldry si definisce gay, dato che ritiene che il termine "bisessuale" crei confusione.[13][14] Precedentemente, il regista era stato impegnato in una relazione con lo scenografo Ian MacNeil per tredici anni.[15]

FilmografiaModifica

RegistaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

CortometraggiModifica

ProduttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

  • Omnibus - serie TV, 1 episodio (2001)
  • The Crown - serie TV, 30 episodi (2016-2019)

OnorificenzeModifica

  Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi all'arte drammatica.»
— 7 giugno 2004[16]

NoteModifica

  1. ^ Stephen Daldry Biography (1961?-), su www.filmreference.com. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  2. ^ (EN) Stephen Daldry: From stage to screen, 13 marzo 2001. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  3. ^ (EN) Stephen Daldry Searching For Royal Court Replacement, su Playbill, Fri May 16 02:00:00 EDT 1997. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  4. ^ (EN) Mark Shenton, Daldry's An Inspector Calls to Return to the West End, su Playbill, Wed May 20 11:37:00 EDT 2009. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  5. ^ (EN) Andrew Pulver, Billy Elliot director Stephen Daldry on his film, in The Guardian, 3 ottobre 2000. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  6. ^ (EN) David Denby, How “The Hours” Happened, su The New Yorker. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  7. ^ (EN) Patrick Healy, A Big Night for Broadway, and Especially for Billy, in The New York Times, 7 giugno 2009. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  8. ^ (EN) Tom Leonard, Oscars 2009: Kate Winslet wins best actress for The Reader, 23 febbraio 2009. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  9. ^ (EN) Nick Vivarelli, Nick Vivarelli, Stephen Daldry’s ‘Trash’ Bags Top Rome Fest Nod, su Variety, 25 ottobre 2014. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  10. ^ (EN) Michael Gioia, Tony-Winning Skylight, With Carey Mulligan and Bill Nighy, Ends Broadway Affair, su Playbill, Sun Jun 21 01:00:30 EDT 2015. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  11. ^ (EN) Alex Marshall, ‘The Inheritance’ Triumphs at Olivier Awards, and So Does a Gender-Swapping ‘Company’, in The New York Times, 7 aprile 2019. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  12. ^ (EN) Matthew Lopez's Two-Part Epic The Inheritance Will Transfer to Broadway, su Broadway.com. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  13. ^ (EN) Gaby Wood, How Britain became the toast of Broadway, in The Observer, 13 giugno 2009. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  14. ^ (EN) Gaby Wood, How Britain became the toast of Broadway, in The Observer, 13 giugno 2009. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  15. ^ (EN) HOW WE MET: STEPHEN DALDRY AND IAN MACNEIL, su The Independent, 21 aprile 1996. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  16. ^ http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/3874241.stm

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5138475 · ISNI (EN0000 0001 0865 3880 · Europeana agent/base/149358 · LCCN (ENno97015866 · GND (DE129388076 · BNF (FRcb14090580f (data) · BNE (ESXX1605033 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no97015866