Apri il menu principale

Steve Conte

chitarrista e cantante statunitense
Steve Conte
SteveConte.gif
Steve Conte al concerto dei New York Dolls nel novembre 2006
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereRock
Soul
Blues
Strumentovoce, chitarra
Sito ufficiale

Steve Conte (23 settembre 1960) è un chitarrista e cantante statunitense.

Nato da genitori di origine Italiana (madre Calabrese, padre Lucano),[1] residente a New York, chitarrista e cantante delle band The Contes (precedentemente Crown Jewels), insieme al fratello John, è il chitarrista dei New York Dolls.

Divenne noto all'industria musicale grazie alla sua band Company of Wolves (Mercury Records) nei primi anni novanta.

Ha collaborato, anche nelle relative tournée, con numerosi artisti tra cui Peter Wolf, Willy DeVille, Maceo Parker, Billy Squier, Suzi Quatro, Jill Jones, Paul Simon, Simon & Garfunkel, Phoebe Snow, David Johansen & The Harry Smiths, Chuck Berry, Willie Nile e altri.

Ha inoltre lavorato, come cantante, con la compositrice Yōko Kanno e il paroliere Tim Jensen per le colonne sonore di numerosi anime.

I principali frutti della collaborazione con Yoko Kanno sono:

True Love (brano interno)
Rain (brano interno, raccolto in Cowboy Bebop Original Soundtrack);
Words That We Couldn't Say (brano interno, raccolto in Cowboy Bebop BLUE - Original Soundtrack 3);
Call Me Call Me (brano interno, raccolto in Cowboy Bebop BLUE - Original Soundtrack 3)
Diggin' (brano interno, raccolto in Cowboy Bebop FUTURE BLUES - Movie Original Soundtrack);
No Reply (brano interno, raccolto in Cowboy Bebop FUTURE BLUES - Movie Original Soundtrack)
Stray (sigla d'apertura)
Heaven's Not Enough (colonna sonora episodio 25)
Could You Bite The Hand?
Living Inside the Shell (sigla di chiusura)
  • Audio CD Song to Fly (2002)
Nowhere And Everywhere
  • Audio CD Tune The Rainbow (single, 2003)
The Garden Of Everything (con Maaya Sakamoto, testi di Chris Mosdell / Maaya Sakamoto)

NoteModifica

  1. ^ Steve Conte: intervista, mescalina.it, 3 novembre 2003. URL consultato il 10 maggio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica