Suillus grevillei

specie di fungo

Suillus grevillei (Klotzsch) Singer, Farlowia 2: 259 (1945).

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Laricino
Suillus grevillei
Classificazione scientifica
DominioEukaryota
RegnoFungi
DivisioneBasidiomycota
ClasseBasidiomycetes
OrdineBoletales
FamigliaSuillaceae
GenereSuillus
SpecieS. grevillei
Nomenclatura binomiale
Suillus grevillei
(Klotzsch) Singer, 1945
Sinonimi

Suillus elegans

Nomi comuni

Laricino

Suillus grevillei
Caratteristiche morfologiche
Cappello
convesso
Imenio
Lamelle
adnate
Sporata
marrone
Velo
anello
Ecologia
Commestibilità
commestibile

Il Suillus grevillei, noto anche come Boletus/Suillus elegans o popolarmente laricino unitamente ad altre specie del suo genere, è un fungo edule appartenente alla famiglia delle Suillaceae.

Descrizione della specie

modifica

Fino a 15 cm di diametro, convesso

margine
sottile, involuto, regolare
cuticola
viscida, liscia, asportabile, molto variabile il colore, dal giallo, al rosso oppure bruno.

Piccoli, gialli, da giovane ricoperti da un sottile velo che poi diventa l'anello.

Lunghi fino a 10 mm, adnati o un po' decorrenti, gialli.

Fino a 2 cm di diametro, cilindrico, sodo, pieno, a volte ricurvo, di colore giallo - giallo sporco, provvisto di anello giallo oppure biancastro.

Gialla, soda, poi molle e poco consistente.

Odore: gradevole, fungino.
Sapore: mediocre; gradevole se cucinato in maniera adeguata.

7,7-9 x 3,2-3,8 µm, ellissoidali, color nocciola in massa.

 
Illustrazione di S. grevillei

Habitat

modifica

Estate-autunno, fungo molto comune in Trentino, cresce prevalentemente sotto larici (in Italia il larice comune), di cui è simbionte ideale.

Commestibilità

modifica

Commestibilità buona solo se si consumano esemplari giovani, altrimenti mediocre oppure pessima.

Come per tutte le specie del genere Suillus, si consiglia di asportare la cuticola dal cappello, in quanto può risultare indigesta.

Per una migliore resa gastronomica, i carpofori devono essere perfettamente integri e non bisogna consumare esemplari precedentemente surgelati.

Da notare che in alcuni casi può dare dei disturbi intestinali di lieve entità.

Specie simili

modifica

Può essere confuso con:

  • Suillus bresadolae, anch'esso simbionte del Larice e dalla stessa variabilità cromatica, che però ha pori più larghi e con sfumature grigiastre.

Sinonimi e binomi obsoleti

modifica
  • Boletinus grevillei (Klotzsch) Pomerl., Naturaliste Can. 107: 303 (1980)
  • Boletopsis elegans (Schumach.) Henn., Die Natürlichen Pflanzenfamilien nebst ihren Gattungen und wichtigeren Arrten insbesondere den Nutzpflanzen: I. Tl., 1. Abt.: Fungi (Eumycetes): 195 (1900)
  • Boletus annularius Bolton, Arq. Univ. Fed. Rural Rio de J.: 169 (1791)
  • Boletus elegans Schumach., Enum. pl. (Kjbenhavn) 2: 374 (1803)
  • Boletus grevillei Klotzsch, Linnaea 7: 198 (1832)
  • Ixocomus elegans f. badius Singer, Revue Mycol., Paris 3: 40 (1938)
  • Ixocomus flavus var. elegans (Schumach.) Quél., Flore mycologique de la France et des pays limitrophes (Paris): 415 (1888)
  • Ixocomus grevillei (Klotzsch) Vassilkov,: 20 (1955)
  • Suillus clintonianus sensu auct.; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Suillus elegans (Schumach.) Snell, Lloydia: 27 (1944)

Nomi comuni

modifica
  • Laricino

Bibliografia

modifica

Altri progetti

modifica
  Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia