Apri il menu principale
Tae-Geuk

Tae-Geuk o taegeuk (태극?, 太極?, taegeukLR, t'aegŭkMR) è una parola coreana che si riferisce alla realtà fondamentale dalla quale tutti gli esseri e gli oggetti vengono generati. È la pronuncia coreana degli hanja della parola cinese Tàijí. È anche il simbolo al centro della Bandiera della Corea del Sud.

Indice

StoriaModifica

Il disegno del taegeuk ha origine nel VII secolo in Corea ma recenti scavi mettono in evidenza un'origine più antica. Infatti una pietra scolpita con il taegeuk è presente nel tempio di Gameunsa, costruito nel 628 durante il regno di Jinpyeong di Silla.[1] Tracce del taegeuk sono stati trovati nelle tombe delle antiche popolazioni coreane: nella tomba di Goguryeo e nei resti di Silla. Recentemente, comunque, è stato trovato un manufatto di 1400 anni con il taegeuk nelle tombe di Bogam-ri Paekje a Naju, nella provincia del Sud Jeolla, diventando il taegeuk più antico trovato in Corea, che precede di 682 anni il più antico manufatto taegeuk trovato nel tempio di Gameunsa.[2]

Il taegeuk veniva anche usato per scacciare gli spiriti maligni. Fu anche usato per esprimere la speranza di armonia dello yin e yang per permettere alle persone di vivere felici con un buon governo.[3] I semicerchi rosso e blu del Taegeuk esistono quindi da tempi antichi.[4]

Uso modernoModifica

Il Taegeuk è presente sulla Bandiera della Corea del Sud, chiamata Taegeukgi (insieme a quattro degli otto trigrammi usati nella divinazione). Poiché il Taegeuk viene associato alla bandiera nazionale, è spesso usato come simbolo patriottico, così come i colori rosso, blu e nero. Il trigramma geon rappresenta il cielo, la primavera, l'est e la giustizia; il trigramma gon rappresenta la terra, l'estate, l'ovest e la vitalità; il trigramma gam rappresenta la luna, l'inverno, il nord e la saggezza, mentre il trigramma ri rappresenta il sole, l'autunno, il sud e la realizzazione. I quattro trigrammi si muovono in un ciclo infinito, da geon a ri a gon a gam e quindi di nuovo a geon, in perenne ricerca di perfezione.[4] Il campo bianco simboleggia l'omogeneità, l'integrità e la natura pacifica propria dei coreani. Tradizionalmente, i coreani spesso vestono in bianco, guadagnando il soprannome "vestiti di bianco" e quindi il colore diviene caratteristica della nazione.[4]

Uso paraolimpicoModifica

Il simbolo ufficiale per i Giochi paralimpici usato dal Comitato Paralimpico Internazionale dal 1994 al 2004 aveva tre Tae-Geuk nel suo logo prima della fine dei XII Giochi paralimpici estivi, quando è stato sostituito da tre agitos. L'uso dei tae-geuk è iniziato nei VIII Giochi paralimpici estivi a Seul, quando cinque Tae-Geuk sono stati associati alla bandiera olimpica, poi ridotti a tre dopo che il CIO ravvisò un'eccessiva somiglianza a essa.

Taegeuk tricoloreModifica

In Corea, una variante popolare è il Taegeuk tricolore (삼색의 태극 Samsaeg-ui Taegeuk, 三色太極), che aggiunge un lobo giallo, che rappresenta l'umanità, mentre il rosso e il blu rappresentano il cielo e la terra. Il Samsaeg-ui Taegeuk è frequente sui ventagli. Un Tricolored tricolore è presente sul logo ufficiale dei Giochi della XXIV Olimpiade, accompagnato dai cinque anelli olimpici.[5]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica