Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Taeniodonta
Wortmania otariidens recon.png
Ricostruzione di cranio (A), scheletro (B) e aspetto (C) di Wortmania otariidens
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
(clade) Ferae
Ordine Cimolesta
Sottordine Taeniodonta

I teniodonti (Taeniodonta) sono un gruppo di mammiferi primitivi, fossili del Paleocene e dell'Eocene del Nordamerica (64-45 milioni di anni fa).

Indice

Dissotterratori di radiciModifica

Questi animali furono tra i primi mammiferi ad evolversi dopo la scomparsa dei dinosauri, e testimoniano che il grande sviluppo dei mammiferi ebbe proporzioni eccezionali: in pochi milioni di anni, i teniodonti si trasformarono da animali della taglia di un opossum a giganti delle dimensioni di un orso. Le prime forme, come Onychodectes, del Paleocene inferiore, erano relativamente simili a insettivori primitivi, dalle abitudini arboricole e dal corpo snello e agile. In pochi milioni di anni questi animali svilupparono caratteristiche che li fecero diventare animali compiutamente terricoli, con un corpo compatto e massiccio e arti possenti.

Le forme paleoceniche come Psittacotherium svilupparono inoltre una particolarissima dentatura: gli incisivi scomparvero, mentre i canini si trasformarono in enormi denti simili a scalpelli posti frontalmente, caratterizzati da bande di smalto (da qui il nome Taeniodonta, che significa "denti a strisce"). Questi denti eccezionalmente grandi e robusti servivano con tutta probabilità a dissotterrare e strappare le dure radici degli alberi, delle quali i teniodonti si cibavano. In questa operazione, questi animali erano aiutati anche dai poderosi arti anteriori: dotate di forti artigli, le braccia svilupparono uno stranissimo processo osseo nella parte superiore dell'ulna, che serviva con tutta probabilità ad ancorare possenti muscoli per scavare. Gli ultimi teniodonti (Ectoganus, Stylinodon) erano di taglia gigantesca e le modificazioni dello scheletro erano giunte a un livello notevole. Si estinsero nell'Eocene medio, forse a causa della scomparsa del loro habitat.

ClassificazioneModifica

Le origini dei teniodonti non sono chiare; si pensa comunque che possano essere ricercate nel grande gruppo primitivo dei cimolesti, comprendenti animali di varie forme e dimensioni, i cui rappresentanti attuali sono i soli pangolini. Altri mammiferi che si cibavano di radici, chiamati tillodonti, sono anch'essi raggruppati nei cimolesti ma non sono strettamente imparentati con i teniodonti, ai quali assomigliavano vagamente.

Di seguito è mostrato un cladogramma tratto dal lavoro di Williamson e Brusatte (2013):

 
Ricostruzione del cranio di un teniodonte basale, Onychodectes
 
Ricostruzione del cranio di un teniodonte derivato, Stylinodon
  • Sottordine Taeniodonta
Taeniodonta
 

Alveugena


 
 

Schowalteria


 
 

Onychodectes


 
Conoryctidae
 

Conoryctella


 
 

Huerfanodon


 

Conoryctes




Stylinodontidae
 

Wortmania


 
 

Psittacotherium


 
 

Ectoganus


 

Stylinodon









BibliografiaModifica

  • Williamson, T. E.; Brusatte, S. L. (2013). Viriot, Laurent, ed. "New Specimens of the Rare Taeniodont Wortmania (Mammalia: Eutheria) from the San Juan Basin of New Mexico and Comments on the Phylogeny and Functional Morphology of "Archaic" Mammals". PLoS ONE. 8 (9): e75886. PMC 3786969 Freely accessible. PMID 24098738. doi:10.1371/journal.pone.0075886

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica