Apri il menu principale

Tele Costa Smeralda

emittente televisiva italiana
Tele Costa Smeralda
TCS TeleCostaSmeralda.png
Paese Italia Italia
Lingua Italiano
Tipo Generalista
Target Tutti
Data di lancio 1979
Formato 16:9, 576i (SDTV)
Canali affiliati Videolina
Editore L'Unione Editoriale
Direttore Gabriella Loi
Sito http://www.telecostasmeralda.tv
Diffusione
Terrestre
Digitale DVB-T, UHF 23 e 36 in Sardegna, (LCN 13)

Telecostasmeralda è un'emittente televisiva a carattere regionale che trasmette dalla città di Cagliari. Appartiene al gruppo L'Unione Editoriale, che possiede anche Videolina.

StoriaModifica

Telecostasmeralda nacque il 17 dicembre 1979 a Cannigione, in Gallura, fondata dall'imprenditore romano Cesare Peruzzi. Fin dalla nascita, l'emittente adottò in video l'acronimo TCS. Lo stesso Peruzzi lʼanno prima, nel dicembre 1978, aveva fondato anche una radio privata, Radio Internazionale, con sede a Olbia.

Dal 1981 l’emittente trasmise i programmi della syndication Jolly e, dal 1982, entrò a far parte del network nazionale Italia 1. Nel 1981 fu mandato in onda il programma Mille Maglie show, condotto da Claudio Lippi.

Nel 1983 fu rilevata dall'imprenditore sardo Nicola Grauso. La società fu intestata a Olivia Grauso, sorella di Nicola, e al marito, Igino Cocco. La sede societaria, il 27 ottobre 1983, fu trasferita da Cannigione a Cagliari, in Viale Trieste 124.

Dal 1º marzo 1985 aderì alla sindycation Euro TV, e dal 4 ottobre 1987 entrò a far parte del network di Italia 7 inizialmente controllato dalla Fininvest. Dai primi anni 2000, uscita dal network Europa7 (il nuovo nome che ebbe l'ex Italia7), non si legò più ad alcuna sindycation pur avendo trasmesso in alcune fasce orarie programmi di 24ore.tv e Sat2000.

Dagli anni '90 le principali produzioni dell'emittente sono state affidate al giornalista cagliaritano Antonello Lai, e consistono in un telegiornale (TCS Notizie) e in un rotocalco d'inchiesta (Zona Franca).

Attualmente gli studi si trovano in viale Marconi a Cagliari, presso la vecchia sede di Videolina fino al trasferimento nella nuova sede nel quartiere di Sant'Avendrace.

NoteModifica


  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione