Apri il menu principale
The Niro
NazionalitàItalia Italia
GenereFolk
Rock
Pop
Periodo di attività musicale2002 – in attività
EtichettaUniversal
Album pubblicati4
Studio4
Sito ufficiale

The Niro, nome d'arte di Davide Combusti (Roma, 6 ottobre 1978), è un cantautore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio del batterista Giordano Combusti (i Centauri, La Somma), Davide coltiva sin dalla prima infanzia l'amore per la musica e per le percussioni. Negli anni novanta inizia a collaborare con diverse formazioni capitoline e, contemporaneamente, si cimenta nel canto e nello studio di diversi strumenti, chitarra e basso innanzitutto. Nel 2002 dà vita ad un gruppo, i The Niro[1], con cui inizia ad esibirsi dal vivo, dapprima nei locali della sua città e, ben presto, in giro per l'Italia e all'estero; quando il gruppo cessa l'attività, Davide ne mantiene il nome quale pseudonimo per la propria carriera solista.

Nel 2007, a Londra, mentre apre un concerto di Carmen Consoli, viene notato da un manager della Universal, che lo mette subito sotto contratto addirittura nel catalogo internazionale della casa discografica[2]; a seguito di ciò, pubblica dapprima un EP, An Ordinary Man, seguito pochi mesi dopo dall'album di debutto: 13 tracce per un album con brani in lingua inglese intitolato semplicemente The Niro, il cui artwork porta la firma dall'artista newyorkese Mark Kostabi (già autore delle cover di Use Your Illusion I dei Guns N' Roses e di ¡Adios Amigos! dei Ramones).

Dopo aver diviso il palco con importanti artisti quali Sondre Lerche, Tom Hingley degli Inspiral Carpets, Deep Purple, Lou Barlow, Badly Drawn Boy, Amy Winehouse, Zephyrs, Okkervil River, Isobel Campbell, TKO, The Niro viene chiamato a partecipare prima a A century of Covers, tributo ai Belle and Sebastian, e poi al tributo mondiale in onore di Elliott Smith organizzato dalla Radio dell'Università di Boston[senza fonte]. Sempre nel 2007, inoltre, è scelto da Chris Hufford, manager dei Radiohead, per cantare nel progetto Anti Atlas, prodotto insieme a Ned Bigham[3].

Del 2008, invece, collabora all'album Il Dono, tributo ai Diaframma, con le interpretazioni di Amsterdam e Io amo lei. Lo stesso anno viene invitato a calcare il palco del tradizionale Concerto del Primo Maggio a Roma, mentre un mese dopo si esibisce a Losanna in occasione della Festa Europea della Musica.

Nel 2010 esce il suo secondo album, Best Wishes, di nuovo cantato interamente in lingua inglese. Il tour che ne seguì vide anche, fra le tappe, il festival musicale Woodstock 5 Stelle, organizzato a Cesena dal blog di Beppe Grillo e trasmesso dal canale televisivo nazionale Play.me, che proprio con questa diretta aprì la neonata emittente[4].

Sempre nel 2010 canta per la colonna sonora del film Tutto l'amore del mondo il brano It Looks Like Rain, scritto da Michele Braga.

Il 13 dicembre 2013 è stato selezionato per partecipare al Festival di Sanremo 2014 nella sezione "Nuove Proposte" con il brano 1969. Sempre nello stesso mese viene diffusa la colonna sonora realizzata per il film Mr. America di Leonardo Ferrari Carissimi. Il 18 febbraio 2014 esce l'album 1969, costituito da 11 tracce, tra cui l'omonimo singolo in gara alla kermesse sanremese, che debutta alla posizione numero 71 della classifica FIMI[5].

A marzo del 2019 viene annunciato a Parigi[6] il nuovo album in featuring con Gary Lucas dal titolo The complete Jeff Buckley & Gary Lucas songbook, che raccoglierà per la prima volta tutte le canzoni, compresi 5 inediti, scritte da Jeff Buckley con lo stesso Gary Lucas. L’album è stato registrato a Roma sotto la supervisione del produttore Francesco Arpino[7].

DiscografiaModifica

AlbumModifica

EPModifica

VideografiaModifica

  • 2008 - About Love and Indifference
  • 2008 - On Our Hill
  • 2008 - Liar
  • 2008 - An Ordinary Man
  • 2008 - So Different
  • 2010 - London Theatre
  • 2010 - Johnny
  • 2010 - The Wrestler
  • 2014 - 1969
  • 2014 - Ruggine
  • 2014 - L'evoluzione della specie
  • 2015 - Eroe

PartecipazioniModifica

  • 2007 - Anti Atlas, Between Voices (One little indian); (The Niro riarrangia, scrive il testo e canta il brano The Travellers).
  • 2007 - Indies (Peteran Records Net Label) (The Niro compone e interpreta il brano When your father) .
  • 2008 - Il Dono (album tributo ai Diaframma; The Niro interpreta Amsterdam e Io amo lei).
  • 2009 - Woodstock 1969/2009 (The Niro reinterpreta Summertime di Janis Joplin).
  • 2009 - Colonna sonora del film Il grande sogno di Michele Placido (suona nella cover di Leonard Cohen Suzanne, cantata da Violante Placido).
  • 2010 - Woodstock 5 Stelle (The Niro partecipa alla manifestazione musical-politica promossa da Beppe Grillo).
  • 2010 - Colonna sonora del film Tutto l'amore del mondo (The Niro canta It looks like rain, musica composta da Michele Braga e testo di Sylvie Lewis).
  • 2010 - Romanzo criminale - Il CD, raccolta di canzoni di vari artisti ispirate dall'omonima serie TV (The Niro canta Nero il sole di Lorenzo Ferretti).
  • 2011 - Colonna sonora del cortometraggio Incanto, diretto da Iole Natoli (The Niro cura le musiche ed esegue due brani al momento inediti, Monologue e I Wanna Miss A Thing).
  • 2012 - Colonna sonora del documentario "Disoccupato in affitto", diretto da Luca Merloni.
  • 2013 - Colonna sonora del lungometraggio "Mr. America", diretto da Leonardo Ferrari Carissimi.
  • 2014 - Colonna sonora del cortometraggio "Caserta Palace Dream", diretto da James McTeigue.
  • 2014 - Once He Left to the Province (feat. The Disappearing One).

RiconoscimentiModifica

Il M.E.I. (Meeting delle Etichette Indipendenti) lo ha insignito del premio quale Rivelazione per l'Anno 2008[8].

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su beautifulfreaks.org. URL consultato il 9 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2006).
  2. ^ Intervista a Traffic, Rai Radio 2, 22 aprile 2010.
  3. ^ Anti Atlas - Between Voices :: Le recensioni di Onda Rock
  4. ^ Woodstock 5 stelle: il festival musicale di Beppe Grillo in diretta su Play.me (soudsblog.it), 22 settembre 2010. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  5. ^ http://www.fimi.it/classifiche_album.php.
  6. ^ http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/2019/03/11/the-niro-e-gary-lucas-omaggiano-jeff-buckley_fcf2a7bb-2e19-4ef7-8a81-f71b06b54202.html.
  7. ^ https://www.rockol.it/news-701883/the-niro-gary-lucas-album-cinque-inediti-jeff-buckley.
  8. ^ Copia archiviata, su audiocoop.it. URL consultato il 9 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2009).

Collegamenti esterniModifica