Apri il menu principale
Toleman TG184
Toleman TG184 2008 Silverstone Classic.jpg
La TG184
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Toleman
Categoria Formula 1
Squadra Toleman Group Motorsport
Progettata da Rory Byrne
Pat Symonds
Sostituisce Toleman TG183B
Sostituita da Toleman TG185
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Motore Hart 415T
Trasmissione Hewland manuale a 5 marce.
Altro
Carburante Agip
Pneumatici Pirelli, Michelin
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio di Francia 1984
Piloti Ayrton Senna
Johnny Cecotto
Stefan Johansson
Pierluigi Martini
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
12 0 0 1
Campionati costruttori 0
Campionati piloti 0

La Toleman TG184 è una vettura da competizione realizzata dal team britannico Toleman nel 1984. Questa monoposto é famosa per essere stata la vettura con cui ha esordito in Formula 1 il pilota brasiliano Ayrton Senna

SviluppoModifica

La vettura venne realizzata per sostituire la precedente TG183B e competere nel campionato del mondo di Formula 1 del 1984.

TecnicaModifica

Progettata da Rory Byrne e Pat Symonds, l'auto era dotata di un telaio monoscocca in fibra di carbonio sostanzialmente uguale a quello della TG 183B. Le sospensioni, in configurazione pull-rod, erano dotate di ammortizzatori con molle elicoidali in entrambe le sezioni, mentre il propulsore equipaggiato era un Hart 415T gestito da un cambio Hewland a cinque marce manuale. Assai riviste rispetto alla vettura precedente erano l'aerodinamica anteriore e la configurazione aerodinamica, con i radiatori non più nella parte anteriore della vettura ma nelle fiancate.

Attività sportivaModifica

Nel 1984 la Toleman cambiò entrambi i piloti: passato Warwick alla Renault, la scuderia inglese ingaggiò l'ex campione di motociclismo Johnny Cecotto e l'astro nascente Ayrton Senna.

Con una vettura ben realizzata ed un motore Hart che, pur soffrendo per gli elevati consumi e la potenza limitata, era ora affidabile, al Gran Premio di Monaco Senna ottenne il miglior risultato della storia del team, conquistando il 2º posto in una gara caratterizzata da un diluvio e con l'attribuzione di punteggi dimezzati a causa dell'esiguo numero di giri effettuati. Ci furono anche degli strascichi polemici perché la sospensione della gara fu decisa dal direttore di corsa Jacky Ickx (pilota Porsche nel mondiale endurance) quando Senna stava rimontando rapidamente sul leader della corsa Alain Prost al volante della McLaren motorizzata proprio Porsche. Ad onor del vero bisogna ricordare che dietro i due duellanti stava rimontando Stefan Bellof, che dalla terza posizione, stava girando più velocemente di entrambi. A fine stagione arrivò il 7º posto in classifica di campionato del mondo, con 16 punti. Unico neo della stagione il grave incidente subito da Cecotto a Brands Hatch con fratture alle gambe, che pose fine alla esperienza in F.1 del pilota venezuelano, sostituito da Stefan Johansson. Pierluigi Martini sostituì Senna per la sola gara di Monza (senza qualificarsi), dopo che la Lotus aveva annunciato l'ingaggio del brasiliano per la stagione successiva.[1]

NoteModifica

  1. ^ Toleman TG184, su statsf1.com. URL consultato il 25 luglio 2014.

Altri progettiModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1