Tomás Gil

Ciclista venezuelano
Tomás Gil
Tomás Gil.jpg
Nazionalità Venezuela Venezuela
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Ritirato 2016
Carriera
Squadre di club
2005 Gobernación del Zulia
2006-2009 Gobierno de Carabobo
2010-2011 Lotería del Táchira
2012-2013 Androni
2014 Neri Sottoli
2015-2016 Southeast
2016 Wilier Triestina
Carriera da allenatore
2017-2018 Wilier Triestina
2019 Neri Sottoli
2020-Vini Zabù KTM
Statistiche aggiornate al gennaio 2020

Tomás Aurelio Gil Martínez (Caracas, 23 maggio 1977) è un dirigente sportivo, ex ciclista su strada e pistard venezuelano, professionista dal 2012 al 2016.

CarrieraModifica

Fino a 34 anni, Gil gareggia per squadre dilettantistiche sudamericane, mettendosi in mostra con diversi successi e piazzamenti nelle principali corse nazionali: i campionati venezuelani, la Vuelta a Venezuela e la Vuelta al Táchira. Nel 2012 esordisce nel professionismo con il team Androni Giocattoli-Venezuela di Gianni Savio. Dal 2014 al 2016 corre invece per il team Neri Sottoli di Angelo Citracca, diventato nel 2015 Southeast e nel 2016 Wilier Triestina.

Ritiratosi dall'attività al termine del 2016, dalla stagione seguente è divenuto direttore sportivo della sua ultima squadra, la Wilier Triestina-Selle Italia[1], nota dal 2020 come Vini Zabù KTM.

PalmarèsModifica

11ª tappa Vuelta a Cuba
Campionati venezuelani, prova a cronometro
Campionati venezuelani, prova in linea
Campionati venezuelani, prova a cronometro
Campionati venezuelani, prova a cronometro
Giochi centramericani e caraibici, prova a cronometro
8ª tappa Vuelta a Venezuela
Classifica generale Vuelta a Venezuela
8ª tappa Vuelta Independencia Nacional
Classifica generale Vuelta Independencia Nacional
Campionati venezuelani, prova a cronometro
2ª tappa Vuelta al Táchira

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

2013: ritirato

Competizioni mondialiModifica

Copenaghen 2011 - Cronometro Elite: 54º
Copenaghen 2011 - In linea Elite: 130º

NoteModifica

  1. ^ WILIER TRIESTINA. Tomas Gil nello staff tecnico, su Tuttobiciweb.it, 21 gennaio 2017. URL consultato il 18 febbraio 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica