Transromanica

Itinerario Culturale del Consiglio d'Europa


Transromanica - Gli Itinerari Romanici in Europa
Transromanica-logo.png
Transromanica-logo.png
Localizzazione
StatiAustria Austria
Germania Germania
FranciaFrancia
ItaliaItalia
PortogalloPortogallo
RomaniaRomania
Serbia SerbiaSerbia
SlovacchiaSlovacchia
SpagnaSpagna
Percorso
Iniziomonastero di Sopoćani
Finemonastero di San Salvatore di Penafiel
https://www.transromanica.com/

Transromanica - Gli Itinerari Romanici in Europa (inglese: TRANSROMANICA - The Romanesque Routes of European Heritage) è un itinerario culturale, riconosciuto nel 2007 dal Consiglio d'Europa, che mira a valorizzare il patrimonio, gli edifici, i monumenti, le tradizioni e la conoscenza del romanico dal X al XII secolo in Europa[1].

StoriaModifica

Transromanica è stato ideato nel 2003 come progetto di cooperazione europea nell'ambito del programma INTERREG IIIB CADSES. Il promotore del progetto era l'allora Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dello Stato della Sassonia-Anhalt. Il progetto triennale dell'Unione Europea mirava a inserire la strada romanica e il patrimonio romanico della Sassonia-Anhalt all’interno del contesto europeo e a pianificare una rete del romanico in Europa, per mostrare le radici culturali comuni delle regioni partner. Nel 2007 Transromanica è stata riconosciuta come "Itinerario Culturale del Consiglio d'Europa", dato che l’itinerario persegue i principi fondamentali del Consiglio d'Europa: diritti umani, democrazia culturale, diversità e identità culturali, dialogo e scambio interculturale nel quadro del turismo culturale. Sempre nel 2007 è sorta un'associazione internazionale (denominata Transromanica) con sede a Magdeburgo che comprende altri partner di vari paesi europei e coordina il progetto[2].

L’associazione è stata partner del progetto CrossCulTour dal 2008 al 2011, attivandosi affinché i membri dell’associazione potessero beneficiare, grazie al loro patrimonio artistico e culturale, di interventi di cross marketing. Dal 2012 Transromanica è partner del progetto e-Create, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), mentre dal 2020 Transromanica è uno dei 12 membri europei del progetto Impactour finanziato dal Programma quadro per la ricerca e l'innovazione dell'Unione Europea la cui scopo principale è creare metodologie e strumenti innovativi e di facile utilizzo per misurare e valutare l'impatto dei turismo sullo sviluppo economico e sociale europeo e per migliorare le politiche e le pratiche europee in materia, rafforzando il ruolo del turismo come forza trainante e sostenibile di crescita e sviluppo economico delle regioni europee[3].

Transromanica è una “via immaginaria” che unisce, e pone in confronto fra loro, i maggiori siti del patrimonio artistico e architettonico romanico europeo[4], unendo 13 regioni di nove paesi[5], per promuovere, studiare e valorizzare tale eredità e per sostenere lo sviluppo culturale ed economico delle regioni interessate anche grazie a innovativi strumenti di marketing.

I siti romanici individuati dal comitato scientifico dell’associazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Home, su transromanica.com.
  2. ^ association, su transromanica.com.
  3. ^ association, su transromanica.com.
  4. ^ Transromanica, su unesco.modena.it.
  5. ^ members, su transromanica.com.