Apri il menu principale
Trottolino
serie regolare a fumetti
Lingua orig.lingua italiana
PaeseItalia
AutoreGiorgio Rebuffi
EditoreEdizioni Bianconi
1ª edizione31 dicembre 1952 – agosto 1990
Albi446 (completa)
Generecommedia

Trottolino è un personaggio dei fumetti protagonista di una omonima serie a fumetti edita in Italia dal 1952 al 1990[1][2]. Il personaggio è creato da Giorgio Rebuffi[1]. La testata omonima è una pietra miliare nella storia del fumetto italiano in quanto fu la prima pubblicazione delle Edizioni il Ponte che successivamente divennero le Edizioni Bianconi e poi infine Editoriale Metro[1].

Storia editorialeModifica

Il primo numero sarà disegnato quasi per intero da Giorgio Rebuffi che, nell'arco di tre numeri, abbandonerà il personaggio, riducendo i suoi interventi alle avventure di Tom Porcello, del Fantasma Aiace ed altri comprimari di testata.[senza fonte] Trottolino viene ripreso da Paolo Coppola su testi di Giorgio Di Simone e in seguito da Nicola Del Principe , il quale lo disegnerà per alcuni decenni quasi in esclusiva per migliaia di tavole. Del Principe sviluppa comprimari come il ricco zio Trottolone, il verde alieno Piopok, i complici fuorilegge Sberla e Jack Bull. Sin dall'inizio sulla testata compaiono anche storie con altri personaggi opera di Giovan Battista Carpi, Giorgio Rebuffi, Tiberio Colantuoni, Luciano Gatto, Luciano Capitanio[1]. Su questa testata debuttò Geppo, personaggio che ottenne un successo tale che l'editore decise di creare una seconda testata a lui dedicata.

Vengono pubblicati 446 numeri in 39 anni inizialmente in formato libretto e poi tascabile. Nel 1960 c'è un cambio di denominazione editoriale: da Il Ponte a Bianconi. Dal 1964 il tascabile diventa monotematico presentando solo storie del personaggio. Dagli anni settanta inizia a ristampare alcune storie e dagli anni ottanta è composto esclusivamente di ristampe[3].

Biografia del personaggioModifica

È uno scoiattolo antropomorfo e pasticcione simile al Paperino disneyano. Ad accompagnarlo nelle sue avventure apparivano spesso anche lo Zio Trottolone, personaggio analogo a Zio Paperone, e il cane Sammy[1].

CuriositàModifica

Esiste un personaggio omonimo pubblicato tra 1945 e il 1946 dalla Alfabeto Editore[4].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e TROTTOLINO, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 6 marzo 2017.
  2. ^ FFF - TROTTOLINO, su www.lfb.it. URL consultato il 6 marzo 2017.
  3. ^ TROTTOLINO testata, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 6 marzo 2017.
  4. ^ Trottolino, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 6 marzo 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti