Apri il menu principale

Tyto alba

specie di uccello
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Barbagianni comune
Tyto alba close up.jpg
Tyto alba
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Strigiformes
Famiglia Tytonidae
Genere Tyto
Specie T. alba
Nomenclatura binomiale
Tyto alba
Scopoli, 1769
Sottospecie

vedi testo

Il barbagianni comune (Tyto alba Scopoli, 1769) è un uccello rapace notturno appartenente alla famiglia dei Titonidi.[2]

Indice

DescrizioneModifica

Sono pallidi, 33–39 cm di altezza con un'apertura alare di 80–95 cm e hanno lunghe zampe. Hanno un volo oscillante quando si avvicinano ai terreni di caccia.

Maschi e femmine si somigliano molto, ma, in generale, le femmine sono leggermente più grandi dei maschi e di colore più scuro. Il peso varia da circa 200 grammi per le sottospecie più piccole (come ad esempio nelle isole Galápagos) a più di 500 grammi come il barbagianni del Nord America, mentre i barbagianni europei pesano da 300 grammi (maschio) a 400 grammi (femmine).

Ci sono alcune sottospecie che si distinguono dai colori della parte inferiore del corpo. Per esempio, il Tyto alba alba dell'Europa occidentale è praticamente totalmente bianco sotto, mentre il Tyto alba guttata dell'Europa centrale è arancione. Tutte le sottospecie hanno parti superiori grigie e ocra. Il piumaggio è in genere molto luminoso.[3]

Distribuzione e habitatModifica

 
Distribuzione di Tyto alba.

I barbagianni sono diffusi in tutti i continenti tranne che in Antartide.

Sono uccelli tipici di zone d'aperta campagna e cacciano prevalentemente ai margini dei boschi.

Sono diffusi in tutta l'America Latina e in Europa, tranne negli ambienti più freddi, come le Alpi e la Scandinavia. In America Settentrionale sono poco diffusi in Canada e del tutto assenti in Alaska. Ci sono molti esemplari di varie sottospecie in Africa. Sono presenti anche in Indocina e Australia.

BiologiaModifica

Sono prevalentemente stanziali, notturni o crepuscolari.

AlimentazioneModifica

 
Un barbagianni in volo nei Pirenei francesi

È un superpredatore. Si nutre di arvicole, rane e insetti e di animali dannosi per l'uomo come i ratti, i sorci, le talpe. Un barbagianni adulto mangia approssimativamente 3 topi al giorno. Durante il periodo dell'accoppiamento, il maschio offre alla femmina una preda per ottenere la sua disponibilità sessuale. Una coppia che alleva dai 3 ai 5 piccoli consumerà molti più roditori.

VoceModifica

Hanno un grido acuto riconoscibile che dà fastidio alle orecchie se ci si trova vicino. Stridono inoltre come pentole a vapore. Se vengono catturati o costretti in un angolo, senza via di fuga, si mettono supini e sgambettano.

Rapporti con l'uomoModifica

Il barbagianni è economicamente vantaggioso per l'uomo in quanto elimina altri animali dannosi come roditori e talpe. Per tale motivo i contadini spesso incoraggiano abitazioni per barbagianni fornendo loro siti per la nidificazione quali una scatola lignea per il nido o un tamburo grande montato lateralmente rispetto ad un fienile. Inoltre viene utilizzato spesso nella falconeria, infatti tra i rapaci notturni è tra quelli più utilizzati.

RiproduzioneModifica

La femmina del barbagianni depone 3-4 uova.[senza fonte]

TassonomiaModifica

 
Cranio

Sono note le seguenti sottospecie[2]:

  • Tyto alba alba (Scopoli, 1769)
  • Tyto alba guttata (Brehm, CL, 1831)
  • Tyto alba ernesti (Kleinschmidt, O, 1901)
  • Tyto alba erlangeri Sclater, WL, 1921
  • Tyto alba schmitzi (Hartert, 1900)
  • Tyto alba gracilirostris (Hartert, 1905)
  • Tyto alba detorta Hartert, 1913
  • Tyto alba poensis (Fraser, 1843)
  • Tyto alba thomensis (Hartlaub, 1852)
  • Tyto alba hypermetra Grote, 1928

Sottospecie trasferite, ridenominate, non più in usoModifica

  • Tyto alba affinis (Blyth, 1862); la sottospecie è stata unita a Tyto alba poensis (Fraser, 1843), a seguito di un lavoro di König & Weick del 2009[4].
  • Tyto alba furcata (Temminck, 1827); attualmente considerata come specie a sé stante (= Tyto furcata)[2].
  • Tyto alba lucayana Riley, 1913; la sottospecie è stata unita a Tyto alba pratincola (Bonaparte, 1838), a seguito di un lavoro di König & Weick del 2009[4].
  • Tyto alba subandeana L.Kelso, 1938; la sottospecie è stata unita a Tyto alba guatemalae (Ridgway, 1874), a seguito di un lavoro di Marti et al del 2005[4].

Il barbagianni nelle credenze popolariModifica

Sin dai tempi antichi, il barbagianni è considerato e rappresentato come un essere maligno, o un fantasma, portatore di sfortuna e malessere. Ciò è dovuto al loro piumaggio fondamentalmente chiaro, che risalta nella notte nei suoi voli completamente silenziosi, all'abitudine di cacciare in posti come i cimiteri (data l'abbondanza di topi) e al suo verso acuto e prolungato.

NoteModifica

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Tyto alba, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.1, IUCN, 2017. URL consultato il 13 ottobre 2016.
  2. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Tytonidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  3. ^ Colin Harrison e Peter Castell: Field Guide di nidi di uccelli, uova e nidiacei, Harper Collins Publishers, edizione rivista 2002
  4. ^ a b c (EN) Subspecies Updates, su IOC World Bird List, 4 novembre 2014.

BibliografiaModifica

  • Charles Day, Researchers uncover the neural details of how Barn Owls locate sound sources (Cover Story), Physics Today, giugno 2001, volume 54 numero 6 pagina 20
  • David Tipling, How now, barn owl, New Scientist, gennaio 1995, volume 145 numero 1960 pagina 43
  • Iain Taylor, Barn Owls: Predator-Prey Relationships and Conservation, Cambridge University Press, 1994 - ISBN 0-521-39290-X

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85011889 · GND (DE4319511-8
  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli