Apri il menu principale

Utente:Marinarodenzia999/Sandbox/Musa × paradisiaca

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Musa × paradisiaca
Musa paradisiaca Blanco1.88.jpg
Musa × paradisiaca
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Zingiberidae
Ordine Zingiberales
Famiglia Musaceae
Genere Musa
Specie M. × paradisiaca
Nomenclatura binomiale
Musa × paradisiaca
L., 1753
Sinonimi

Karkandela × malabarica Raf.

Musa × acutibracteata M.Hotta

Musa × alphurica Miq.

Musa × aphurica Rumph. ex Sagot

Musa × arakanensis F.W.Ripley ex Blechynden

Musa × bacoba Rottb.

Musa balbisiana var. vittata (W.Ackm. ex Rodigas) M.R.Almeida

Musa × berteroi Colla

Musa × bidigitalis De Wild.

Musa × carolinae Sterler

Musa × champa Baker

Musa × chapara Perr.

Musa × chiliocarpa Backer ex K.Heyne

Musa × consociata Nakai

Musa × corbieri A.Chev.

Musa × corniculata Lour.

Musa × dacca Horan.

Musa × decrescens De Briey ex De Wild.

Musa × decrescens var. pembuki De Briey ex De Wild.

Musa × decrescens var. rubromaculata De Briey ex De Wild.

Musa × decrescens var. viridis De Briey ex De Wild.

Musa × discolor Planch.

Musa × dulcissima Nakai

Musa × emasculata De Briey ex De Wild.

Musa × emasculata var. kiala De Briey ex De Wild.

Musa × emasculata var. kimbende De Briey ex De Wild.

Musa × emasculata var. lomba De Briey ex De Wild.

Musa × emasculata var. zengani De Briey ex De Wild.

Musa × humilis Perr.

Musa × ingrata Nakai

Musa × jaheri Nakai

Musa × maculata Jacq.

Musa × megalocarpa Nakai

Musa × mensaria Moench

Musa × mirabilis Nakai

Musa × nigra Perr.

Musa × odorata Lour.

Musa × oleraceaVieill.

Musa × pallida Nakai

Musa × paradisiaca var. acicularis G.Forst.

Musa × paradisiaca var. bende De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. bilul De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. champa (Baker) K.Schum.

Musa × paradisiaca var. cinerea Blanco

Musa × paradisiaca var. coarctata G.Forst.

Musa × paradisiaca var. compressa Blanco

Musa × paradisiaca var. coriacea G.Forst.

Musa × paradisiaca var. corniculata G.Forst.

Musa × paradisiaca var. dacca(Horan.) K.Schum.

Musa × paradisiaca f. dongila De Briey ex De Wild. De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. exsicca G.Forst.

Musa × paradisiaca var. fatua G.Forst.

Musa × paradisiaca f. funu-nua De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. glaberrima Blanco

Musa × paradisiaca var. glauca Blanco

Musa × paradisiacaf.kilola De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. kitebbe De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. lacatan Blanco

Musa × paradisiaca var. longa Blanco

Musa × paradisiaca var. lunaris G.Forst.

Musa × paradisiaca var. magna Blanco

Musa × paradisiaca var. martabarica (Baker) K.Schum.

Musa × paradisiaca var. maxima Blanco

Musa × paradisiaca var. mensaria (Baker) K.Schum.

Musa × paradisiaca var. mensaria G.Forst.

Musa × paradisiaca subsp. normalis Kuntze

Musa × paradisiaca var. odorata (Lour.) K.Schum.

Musa × paradisiaca var. oleracea(Vieill.) K.Schum.

Musa × paradisiaca var. papillosa G.Forst.

Musa × paradisiaca var. punctata G.Forst.

Musa × paradisiaca var. purpurascens G.Forst.

Musa × paradisiaca var. regia G.Forst.

Musa paradisiaca var. regia (Baker) K. Schum.

Musa × paradisiaca var. rubra(Firminger ex Baker) K.Schum.

Musa × paradisiaca var. sanguinea(Welw. ex Baker) K.Schum.

Musa × paradisiaca subsp. sapientum (L.) Kuntze

Musa paradisiaca subsp. sapientum (L.) Kuntze ex K. Schum.

Musa paradisiaca var. sapientum (L.) Kuntze

Musa paradisiaca var. sapientum (L.) Kuntze

Musa × paradisiaca f. seluka De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. suaveolens Blanco

Musa × paradisiaca var. subrubea Blanco

Musa × paradisiaca var. ternatensis Blanco

Musa × paradisiaca var. tetragona G.Forst.

Musa × paradisiaca var. tombak Blanco

Musa × paradisiaca f. tuba De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. ulnaris Blanco

Musa × paradisiaca var. violacea Blanco

Musa × paradisiaca var. viridis De Briey ex De Wild.

Musa × paradisiaca var. vittata (W.Ackm. ex Rodigas) K.Schum.

Musa × polycarpa Nakai

Musa × prematura Nakai

Musa × protractorachis De Wild.

Musa × purpureotomentosa De Wild.

Musa × sapidisiaca K.C. Jacob

Musa × sapientum L.

Musa × sapientum var. americana N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. angao Quisumb.

Musa × sapientum var. baca Quisumb.

Musa × sapientum var. binutig N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. canara N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. canaya Quisumb.

Musa × sapientum var. champa (Baker) Baker

Musa × sapientum var. cinerea (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. compressa (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. cubensis N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. dacca (Horan.) Baker

Musa × sapientum var. daryao N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. dinalaga Quisumb.

Musa × sapientum var. dool Quisumb.

Musa × sapientum f. dubia Baker

Musa × sapientum var. dubia (Baker) A.M.Cowan & Cowan

Musa × sapientum var. eda Quisumb.

Musa × sapientum var. fieleto De Briey ex De Wild.

Musa × sapientum var. flabellata Quisumb.

Musa × sapientum var. galatayan Quisumb.

Musa × sapientum var. garangao N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. glaberrima (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. glauca (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. grandis N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. humilis Merr.

Musa × sapientum var. inarnibal N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. kinamay Quisumb.

Musa × sapientum var. lacatan (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. longa (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. martabarica Baker

Musa × sapientum var. mensaria Baker

Musa × sapientum var. odorata (Lour.) Baker

Musa × sapientum var. padilat Quisumb.

Musa × sapientum var. pamotion Quisumb.

Musa × sapientum var. pelipia Quisumb.

Musa × sapientum var. principe Quisumb.

Musa × sapientum var. putian Quisumb.

Musa × sapientum var. raines Quisumb.

Musa × sapientum var. regia (G.Forst.) Baker

Musa × sapientum var. rubra Firminger ex Baker

Musa × sapientum var. sanguinea Welw. ex Baker

Musa × sapientum var. sarocsoc Quisumb.

Musa × sapientum var. satama De Briey ex De Wild.

Musa × sapientum var. sision Quisumb.

Musa × sapientum var. suaveolens (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. ternatensis (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. tombak (Blanco) N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. tudlong N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. tuldoc N.G.Teodoro

Musa × sapientum var. violacea Baker

Musa × sapientum var. vittata (W.Ackm. ex Rodigas) Hook.f.

Musa × trichocarpa Nakai

Musa × vittata W.Ackm. ex Rodigas

Nomi comuni

Banano [1]

Il banano [2] (Musa × paradisiaca L., 1753) è una pianta appartenente alla famiglia delle Musaceae.[3] Questo taxon, descritto da Linneo nel 1753 (Sp. Pl. 1043 1753.) riassume le forme ibride di Musa acuminata e Musa balbisiana le cui cultivar producono la grande maggioranza delle varietà di banane per uso alimentare oggi in commercio. Questa classificazione tassonomica, seppur desueta, viene ancora accettata, anche se non idonea a descrivere le centinaia di forme ibride presenti già dall'antichità e presumibilmente createsi per domesticazione; è stato quindi introdotto un sistema di classificazione che divide i vari ibridi in base al loro genoma.[4]

Nella nomenclatura vernacolare a volte viene tracciata una differenza tra banane, mangiate crude come frutta da dessert e platano, a causa del loro più alto contenuto di amido dovrebbero essere rosse o fritte prima di mangiare. La differenza non corrisponde esattamente a nessun criterio genetico. Sebbene le varietà con la maggiore presenza genetica di Musa balbisiana siano solitamente incluse in questo secondo gruppo, non è possibile determinare se una pianta produrrà banane o platano semplicemente a causa della loro costituzione genetica. La confusione aumenta a causa del fatto che in altre regioni i termini sono considerati perfettamente sinonimi.

In questo caso il gruppo di banani costituisce il frutto intertropicale più consumato al mondo. È una falsa bacca , di forma falcata o allungata, che cresce in gruppi fino a 400 unità e 50 kg di peso; di colore giallo a maturazione, dolce e carnosa, ricca di fibre, carboidrati , potassio , vitamina A , vitamina C e triptofano , contiene un antiacido molto utile naturale contro bruciore. Inoltre, è povero di sodio e povero di grassi. È molto più ricco di calorie rispetto alla maggior parte dei frutti a causa del suo alto contenuto di amido; dei 125 grammi che pesano in media, il 25% è sostanza secca, che fornisce circa 120 calorie. Contiene i carboidrati più digeribili (il corpo può bruciare le calorie che offre molto più facilmente di quelle che provengono dai grassi).[5]

Sono state coltivate oltre 130 paesi, dal sud-est asiatico da dove sono nativi, in Oceania e Sud America ; il principale produttore mondiale è l' India,  dove vengono coltivati ​​quasi un quarto dei frutti venduti nel mondo, sebbene buona parte di essi sia destinata al consumo interno. Il principale esportatore è l' Ecuador , che genera quasi un terzo delle esportazioni globali. Il valore di produzione di banane e platani è superato solo da grano (Triticum spp.), Riso (Oryza sativa) e mais (Zea mays). La continua produzione di frutta durante tutto l'anno li rende particolarmente preziosi come cibo all'epoca tra i raccolti nei paesi tropicali; Sono le banane fritte che svolgono principalmente questo ruolo.[6][7]

Distribuzione e habitatModifica

Origine e distribuzioneModifica

La banana moderna è una coltura, probabilmente originaria della regione Indomalesia. Dall'Indonesia che si diffonderanno a sud e ad est, raggiungendo Hawaii e Polinesia. I mercanti europei portarono notizie dell'albero in Europa intorno al III secolo a.C., ma non lo introdussero fino al X secolo . Dalle piantagioni dell'Africa occidentale i colonizzatori portoghesi lo avrebbero portato in Sud America nel XVI secolo.[8]

 
Varietà di banane chiamate banana Tabasco, coltivate al suo interno. È il terzo tipo di banana più prodotto in Messico: i primi due sono il nano gigante (Musa acuminata) e la banana maschio (Musa × paradisiaca)[9]
 
Banana delle Canarie

Oggi le varietà commerciali sono coltivate in tutte le regioni tropicali del mondo. È il frutto tropicale più coltivato e uno dei quattro più importanti in termini globali, solo dietro l'uva (Vitis vinifera), gli agrumi e la mela (Malus domestica). Più di 28 milioni di tonnellate di frutta vengono prodotte ogni anno, di cui quasi i due terzi provengono dal Sud America. I principali importatori sono Europa , Stati Uniti , Giappone e Canada. L'India è il principale produttore mondiale di banane, con circa 11 milioni di tonnellate (11.000.000 di tonnellate) all'anno, destinate principalmente al mercato interno. È seguito dal Brasile , che produce 6 milioni di tonnellate all'anno, consumate anche localmente per la maggior parte. Sia l' Indonesia (2 milioni di tonnellate / anno) che le Filippine (0,5 milioni di tonnellate / anno) esportano la maggior parte della loro produzione in Giappone, così come la Repubblica di Cina (0,5 milioni di tonnellate / anno). Il frutto consumato in Europa proviene principalmente dalle piantagioni dell'Africa occidentale, in particolare dalla Costa d'Avorio e dalla Somalia, da cui 9 milioni di tonnellate all'anno riforniscono le tavole europee e, in misura minore, i possedimenti francese e olandese nel Mar dei Caraibi . Il consumo interno in Spagna ha tradizionalmente utilizzato banane da dessert prodotte nelle Isole Canarie (simili a quelle di Madeira), anch'esse esportate abbondantemente in Europa, ma la liberalizzazione dei mercati le ha respinte contro le importazioni di origine africana e Sudamericano Ecuador e Colombia sono i principali esportatori di banane in America, seguiti dal Venezuela , che ha superato il milione di tonnellate all'anno. Produzione di Panama, Honduras , Guatemala e Costa Rica sono principalmente destinati agli Stati Uniti.[8]

La banana è una coltura fondamentale in Colombia ed Ecuador, dove i sottoprodotti vegetali sono utilizzati nei mangimi, oltre che in Messico e Venezuela. Anche la Repubblica Dominicana è un produttore importante, ma la principale fonte di banane nei Caraibi è Puerto Rico , che produce oltre 30 milioni di dollari all'anno, consumando la maggior parte di essi all'interno del paese. Il consumo pro capite di banane a Puerto Rico era stimato a 30 kg all'anno a metà degli anni '80 . In Ghana svolgono un ruolo importante nell'economia, specialmente in combinazione con il cacao (Theobroma cacao), coltivando come ombra per esso.[8]

PavimentiModifica

I banani tollerano bene un'ampia varietà di terreni; crescono e danno frutti in condizioni di povertà sufficiente, sebbene per essere redditizia per la produzione richiedano terreni fertili e umidi. Preferiscono terreni profondi e ben drenati, con una falda acquifera non inferiore a due metri di profondità; Per evitare il ristagno idrico delle radici, le colture in aree con umidità estrema sollevano solitamente le piante da cave o terrazze, oltre a scavare canali di drenaggio tra le piante, fornendo una pendenza di circa l'1% per consentire il drenaggio. Nei terreni più asciutti è necessaria l'irrigazione artificiale; l' irrigatore permette alla piantagione di banane su terreni argillosi che erano tradizionalmente considerati inadeguati.[10]

Preferiscono terreni leggermente acidi, con un pH intorno a 6. Un eccesso di acidità rende necessario aggiungere alcali durante la crescita per prevenire la diffusione di funghi del genere Fusarium , responsabile della malattia di Panama che è il principale parassita di questi colture. Mentre i terreni ideali sono di origine alluvionale, possono essere accettabili terreni sabbiosi , argillosi, argillosi, calcarei e rocciosi ; Ci sono problemi con sabbie troppo fini, che trattengono troppa acqua.[10]

I requisiti nutrizionali delle banane sono elevati; Le varietà di frutta possono richiedere tra 250 e 600 kg di azoto per ettaro per fornire rese commerciali e tra 700 e 800 kg di potassio . I rami vengono tagliati per impedire il loro sviluppo e i resti degli pseudotallos dopo la raccolta vengono abbandonati in superficie o aggiunti a un compost per migliorare la qualità della terra. Un eccesso di salinità non blocca la crescita della pianta, ma ne riduce notevolmente la resa, dando luogo a frutti nani o molto sottili.[10]

Temperatura e precipitazioniModifica

Le banane sono tipiche delle regioni tropicali e subtropicali e raramente danno buoni risultati al di fuori della banda tra 30 ° N e 30 ° S. Alcune colture sono adattate ad altitudini fino a 2300 metri sul livello del mare , ma la maggior parte non prospera a più di 600 m di altitudine.[10]

La temperatura ottimale per la fioritura è di circa 27 ° C e la crescita dei frutti beneficia di un leggero aumento. Al di sopra di 37 ° C le foglie subiscono ustioni e i frutti si deformano; al di sotto di 16 ° C il tasso di sviluppo è significativamente ridotto, determinando la comparsa di una foglia al mese invece del periodo ottimale di una a settimana. Al di sotto di 10 ° C, la pianta interrompe completamente la sua crescita e lo sviluppo dei frutti viene interrotto. Anche brevi accessi di freddo possono uccidere le infiorescenze, causare la putrefazione dei frutti già presenti o interrompere il loro sviluppo, dando origine a piccoli frutti grigio-verdi e sapore debole. il gelosono tremendamente dannosi; temperature inferiori al punto di congelamento causano l'essiccazione delle parti verdi e l'eventuale caduta degli pseudotalls e delle foglie presenti. Il rizoma sopravvive a loro, e germoglia di nuovo non appena la temperatura è adeguata, anche se rigori climatici inferiori a 7 ° C sotto zero possono danneggiarlo irreversibilmente. A volte il terreno è leggermente allagato in previsione di un breve gelo per rallentare lo scambio di calore e consentire la sopravvivenza; in altri casi la temperatura viene aumentata artificialmente dalla combustione controllata di detriti.[10]

Il regime delle precipitazioni deve essere costante, con circa 100 mm al mese durante tutto l'anno e non più di tre mesi di stagione secca. La siccità può causare una grave riduzione del numero e della dimensione dei frutti, compromettendo la resa del raccolto. In assenza di acqua, le foglie si spaccano o ingialliscono prematuramente e alla fine cadono completamente; Nei casi più gravi, muoiono anche le guaine fogliari che formano lo pseudosteMusa Una maggiore dotazione genetica di Musa balbisianaFavorisce la resistenza alla siccità. Il ristagno è ugualmente pericoloso; più di 48 ore di saturazione o il ristagno di acqua tra le radici uccidono le piante marcendo irreversibilmente. Se l'umidità è eccessiva, le piante possono presentare nanismo e mancanza di vigore, che si risolve aprendo fossati di drenaggio o sollevando le piantagioni sui pendii.[10]

In Australia e in India alcune varietà si sono adattate ai terreni coltivati. Le varietà australiane vengono coltivate tra i 60 ei 300 metri sul livello del mare per evitare gelate frequenti di seguito; gli indiani raggiungono i 2000 metri sul livello del mare, in particolare la varietà nana "Kullen", che viene coltivata ai piedi orientali dei Ghat, "Vella vazhai", che viene piantata nei Pulney, e la banana "Plankel". In Africa la maggior parte delle piantagioni supera i 900 m; In Sudafrica, la regione sud-orientale è il principale centro di produzione, tra 900 e 1000 metri sul livello del mare e in Africa orientale le altitudini sono ancora più elevate.[10]

PosizioneModifica

A causa della loro natura erbacea, le banane devono essere protette dal vento. Al di sopra di 40 km / h, le varietà di stelo più allungate possono essere sradicate, poiché le foglie grandi offrono molta resistenza; Al di sopra di 60 km / h anche le varietà nane sono danneggiate. Anche le strisce di minore intensità possono danneggiare i frutti, far cadere i fiori o seccare le foglie.[10]

Le banane preferiscono il pieno sole, tranne nei climi molto caldi; Nei tropici crescono bene in semi-ombra, ma nelle regioni con temperature più moderate la mancanza di esposizione al sole porta alla produzione di frutti scarsi e di bassa qualità.[10]

DescrizioneModifica

 
La pianta di Banano.

La banana non è un albero, ma una megaforbia , una grande erba perenne. Come le altre specie di Musa , manca un vero tronco . Invece, ha guaine fogliari che sviluppano strutture formanti chiamate pseudotallos , simili ad alberi verticali fino a 30 cm di diametro basale che non sono legnosi e raggiungono i 7 m di altezza.[11][12]

Le foglieModifica

Le foglie di banano sono tra i più grandi nel del regno vegetale . Sono lisci, teneri, oblunghi, con l' apice troncato e la base rotonda o leggermente radiciforme, verdi per il fascio e più chiari e generalmente glauchi nella parte inferiore , con i margini lisci e le nervature pennate, giallastre o verdi. Disposte a spirale, si aprono fino a raggiungere 3 m di lunghezza e 90 cm di larghezza; Il picciolo è fino a 60 cMusa Nelle varietà con la più alta componente genetica di Musa balbisianaQuesto è concavo nella parte superiore, con le estremità quasi toccanti sopra il canale adassiale. Dipende anche dalla genetica che è glabra o pubescente. Le foglie tendono a rompersi spontaneamente lungo le costole, dando loro un aspetto trasandato. Ogni pianta ha normalmente tra 5 e 15 foglie, 10 è il minimo per considerarlo maturo; le foglie vivono non più di due mesi e ai tropici si rinnovano al ritmo di una a settimana nella stagione di crescita.[11][12]

L'elemento perenne è il rizoma , superficiale o sotterraneo, che ha meristemi da cui nascono da 200 a 500 radici fibrose, che possono raggiungere una profondità di 1,5 metri e coprire 5 metri di superficie. Gli steli inoltre spuntano dal rizoma ("ciucci") che sostituisce lo stelo principale dopo la fioritura e la morte. Negli esemplari coltivati, normalmente ne rimane solo uno per evitare di indebolire la pianta, ma allo stato selvatico compaiono in grandi quantità; Sono la principale forma di diffusione nelle varietà sterili, che sono la maggioranza.[11][12]

I fioriModifica

Circa 10-15 mesi dopo la nascita dello pseudostem, quando ha già dato tra 26 e 32 foglie, un'infiorescenza emerge direttamente dal rizoma che emerge dal centro degli pseudotalls in posizione verticale; Sembra un enorme bocciolo viola o viola che si acuisce verso l'estremità distale, con il peduncolo e il rachide glabro. Quando aperto, rivela una struttura a forma di perno , sul cui stelo assiale sono disposte a spirale doppia fila di fiori , raggruppate in gruppi da 10 a 20 sono protetti da bratteeviola denso e carnoso. Man mano che i fiori si sviluppano, le brattee cadono, un processo che richiede tra 10 e 30 giorni per la prima fila.[11][12]

 
L'inflorescenza del banano.

Le prime 5-15 file sono di fiori femminili, ricchi di nettare; in essi il composto tepale raggiunge 5 cm di lunghezza e 1,2 cm di larghezza; è bianco o più raramente viola all'interno, con il colore che brilla in vista dall'esterno come una delicata tonalità viola. La parte superiore è di colore da giallo a arancione, con i denti lunghi circa 5 mm, i due più esterni dotati di un'appendice filiforme lunga fino a 2 mMusa Il tepal libero è circa la metà delle dimensioni, bianco o rosato, ottuso o troncato, con il grembiule mucronato e corto. Sono seguiti da alcune file di ermafroditi o fiori neutri e dalle file maschili nella regione apicale.[11][12]

Fatta eccezione per alcune cultivar , i fiori maschili scompaiono immediatamente dopo l'apertura (l'eccezione sono le banane "Cavendish" e le banane "francesi"), lasciando nudo l'apice dello spike ad eccezione di un germoglio carnoso terminale che contiene ornamenti maschili non aperti . L'enorme peso dei fiori fa piegare lo stelo floreale in breve tempo; a sua volta, il fototropismo dei fiori li rende diretti nella loro crescita verso l'alto.

Nelle varietà ibride coltivate per il loro frutto, i fiori maschili sono sterili, così come quelli femminili nella cultivar "Cavendish". Le ovaie si sviluppano partenocarpicamente senza necessità di impollinazione . Le macchie scure nella polpa indicano il resto delle uova non sviluppate.[11][12]

Il fruttoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Banana.
 
I frutti del banano.

Il frutto impiega tra 80 e 180 giorni per svilupparsi completamente. In condizioni ideali, tutti i fiori femminili danno frutti, adottando un aspetto dattiliforme che porta alla designazione delle file in cui sono disposti. Possono esserci tra le 5 e le 20 mani per punta, anche se di solito è parzialmente troncata per prevenire lo sviluppo di frutti imperfetti e impedire al bocciolo terminale di assorbire le energie della pianta. Il punto di taglio è normalmente fissato nella "mano falsa", quella in cui compaiono i frutti nani. In totale può produrre da 300 a 400 frutti per punta, con un peso di oltre 50 kg.[11][12]

Il frutto è una bacca di epicina falsa lunga da 7 a 30 cm e con un diametro fino a 5, che forma un grappolo compatto. È coperto da un pericarpo coriaceo verde nell'esemplare fasciato giallo, rosso o verde e bianco immaturo e intenso alla maturità. È lineare o falcato, tra cilindrico e marcatamente angolare a seconda della varietà. L'estremità basale si restringe bruscamente verso un pedicel da 1 a 2 cMusa La polpa è di colore da bianco a giallo, ricca di amido e dolce; nelle banane può essere in qualche modo astringente o gommoso a causa del suo contenuto di lattice , farinosa e secco. Molto raramente varietà diploidi o tetraploidi producono semi, nero, globoso o irregolare, con superficie ruvida, fino a 16 × 3 mm di dimensione, incorporato nella polpa. I triploidi, come "Cavendish", non producono mai semi.[11][12]

ColtivazioneModifica

 
Una piantagione di banani.

Ad eccezione dei progetti sperimentali per lo sviluppo di nuove varietà, le banane non vengono mai sviluppate dai semi . Il principale mezzo di riproduzione è il taglio di potenziali propagule dal rizoma, siano essi solo i tuorli dello stesso - una procedura simile a quella usata per la propagazione della patata, Solanum tuberosum - o i "ciucci" che spuntano da esso vicino allo pseudo totale principale.[13]

Per usare i tuorli, una pianta di circa sette mesi viene preferibilmente selezionata e sradicata, quindi tagliando lo pseudostem 1 dm sopra la sua nascita. Quando vengono rimosse le basi delle guaine fogliari, sono visibili due gemme rosate, che possono crescere rapidamente dopo il reimpianto. I tuorli inferiori, di colore biancastro, vengono generalmente scartati, poiché il loro sviluppo in caso di reimpianto è più lento e laborioso. Le sezioni affette da malattie, scolorite o che presentano nodulazioni dovute a nematodi vengono rimossee il resto del rizoma è diviso in due. Ciascuno dei frammenti viene immerso in una soluzione nematicida e fumigato contro i funghi, quindi lasciato riposare per circa 48 ore prima del reimpianto. Il peso ideale di ciascun pezzo di rizoma è compreso tra 800 e 1.800 g; se sono più piccoli, sarà necessaria ulteriore fecondazione. La pratica di ripiantare interi rizomi, fino a 8 kg di peso, è praticamente scomparsa; sebbene offrano prestazioni migliori il primo anno, il loro sviluppo è assimilato alla prole ottenuta dalla divisione.[13]

L'altra alternativa frequentemente usata è l'uso di ciucci o colline, i giovani germogli che il rizoma produce per sostituire eventualmente lo pseudosteMusa Il ciuccio appare come una gemma conica, le cui foglie sono poco sviluppate e hanno più guaina della superficie fogliare stessa; nella sua forma più giovane, soprannominato "voyeur", non viene utilizzato se non negli asili nido o nei programmi di ricerca. Si prevede che per uso commerciale inizi a produrre foglie simili a quelle dell'adulto, le cosiddette "spade"; In questa fase, è noto come "puyón" o "ago". Per l'uso, è separato dal resto del rizoma con un machete, lasciando una sezione di buone dimensioni attaccata allo pseudo totale e strappando le foglie più vecchie. Il momento ideale per ripiantarlo è tre o quattro mesi dopo la sua comparsa, quando è alto circa 120 cm; Nel primo anno si svilupperà più rapidamente dei germogli ottenuti dai tuorli, offrendo prestazioni ottimali. I rizomi vecchi o denutriti a volte producono succhiotti le cui foglie assomigliano a quelle degli adulti sin dal loro primo scoppio; chiamate "bandiere" o "albicocche secche", in genere forniscono prestazioni molto basse e indicano che il rizoma dovrebbe essere già scartato.[13]

Esistono tecniche orticole per accelerare la produzione di germogli; Uno dei più frequenti è quello di eliminare le guaine fogliari di un rizoma per lasciare scoperti i tuorli e tagliare i germogli quando raggiungono lo stadio del puyón. Un altro è quello di tagliare il rizoma in modo tale da produrre un callo meristema che porterà a molti figli.[13]

In laboratorio sono state sviluppate tecniche per produrre tessuto meristematico in coltura, al fine di garantire l'uniformità dei campioni e una fornitura costante di germogli privi di nematodi e altre malattie. Sebbene il lento sviluppo delle piante così ottenuto abbia reso poco pratico questo sistema, gli esperimenti nelle Hawaii hanno prodotto risultati molto buoni, con un tasso di radicamento del 95% e una salute migliore rispetto alle piantine ottenute dai succhietti. Ottenere propaguli indenni da malattia è una priorità assoluta, come in tutte le piante ottenute principalmente dalla propagazione vegetativa.[13]

La banana può anche essere propagata nei giardini urbani.[13]

PiantagioneModifica

I tempi di impianto dipendono dal clima dell'area; È importante garantire un buon livello di umidità nella fase iniziale di crescita, nonché evitare il ristagno d'acqua a tutti i costi.[13]

FornituraModifica

Gli impianti sono situati a intervalli regolari, in una disposizione esagonale o in cave di due o tre file separate da corsie più ampie per macchine agricole. La distanza ideale dipende dalle dimensioni della cultivar, dalla fertilità del suolo e da altri fattori; Raramente è inferiore a 2 m o più di 5. Il sistema radicale di una banana adulta può occupare uno spazio fino a 100 m², che deve essere preso in considerazione durante la pianificazione del layout. Normalmente la densità ottimale è compresa tra 1.200 e 2.400 piante per ettaro.[13]

Le piantagioni più dense favoriscono il controllo delle infestanti e proteggono i campioni dal vento, ma ostacolano la prevenzione dei parassiti e riducono la resa. Gli esemplari piantati troppo vicini l'uno all'altro producono meno ciucci, frutti più corti e maturano prima di consentire il loro pieno sviluppo. Le piantagioni più dense richiedono maggiori volumi di fertilizzanti e possono causare altri problemi a causa della riduzione dell'esposizione solare dei campioni. Al contrario, le piantagioni troppo distanziate favoriscono la comparsa di erbe infestanti, aumentano l'evaporazione del suolo ed espongono le piante a condizioni di inclemente maggiori.[13]

FecondazioneModifica

I fori per la semina dovrebbero avere una profondità di circa 40 cm e un diametro leggermente più grande; Possono essere approfonditi per migliorare la resistenza al vento. Sono fertilizzati prima della semina, per garantire che l'alimentazione nei primi quattro mesi di sviluppo sia adeguata. In terreni poveri, le banane saranno fertilizzate dalle quattro alle sei volte durante ciascun ciclo di produzione. Si stima che un raccolto di circa 12 tonnellate per ettaro richieda circa 25 kg di azoto, 4,5 kg di fosforo, 62 kg di potassio e circa 8 kg di calcio. La percentuale di fertilizzante utilizzata varia da 3: 1: 6 a 8: 10: 8 NPK in base alle caratteristiche del terreno; la quantità dipenderà dalla densità della popolazione, ma sarà di circa 1-1,5 tonnellate per ettaro in un ciclo, compresi 50-150 kg di azoto.[13]

Le tecniche di fertilizzazione includono la spruzzatura di un terzo del fertilizzante totale stimato quando compaiono i germogli, un secondo due mesi dopo che copre un'area di 30 cm attorno a ciascuna pianta e un terzo dopo altri due mesi due volte più lontano, oppure uno progressivo, a partire da un quarto di chilo di fertilizzante ricco di magnesio per le giovani piante e quindi applicando dosi progressivamente crescenti ogni due mesi, raggiungendo dosi di 2,5 kg durante il periodo di fioritura. Se il terreno non è ricco di manganese e zinco, viene solitamente aggiunta una spruzzatura annuale con micronutrienti applicati alle foglie e rame usato come fungicida.[13]

IrrigazioneModifica

L'irrigazione viene utilizzata per garantire i 100 mm mensili di acqua richiesti dalle banane. Possono essere utilizzati irrigatori ad alto volume, microregistratori o sistemi di irrigazione a goccia . L'irrigazione a basso volume è più efficiente. È essenziale adottare misure per evitare l'eccesso di umidità nel terreno.[13]

PotaturaModifica

Per ottenere una crescita vegetativa uniforme e produzioni commercialmente redditizie, i succhietti che crescono dal rizoma devono essere controllati; la loro moltiplicazione porta alla produzione di piccoli grappoli di frutta. Normalmente ne rimane solo uno come eventuale sostituzione del principale pseudostem, che morirà dopo la fruttificazione. Il resto viene estratto e i loro resti vengono abbandonati nel terreno per fertilizzarlo.[13]

I ciucci possono essere tagliati in diversi modi per garantire che non vengano più visualizzati; il più efficace è avviarli a mano, in modo che anche il tuorlo sottostante venga estratto, ma è lento e laborioso. In alternativa, vengono tagliati con un coltello da banana a livello del suolo, usando il cherosene per uccidere il tuorlo, oppure uno strumento metallico per percussioni uccide il tuorlo dopo aver tagliato il bocciolo.[13]

Le foglie morte vengono anche strappate per impedire loro di interferire con l'irrigazione, ombreggiare i ciucci o danni sfregando i nuovi ammassi; i loro resti vengono lasciati sul terreno per la decomposizione. Se la produzione è buona, il germoglio terminale del grappolo, che contiene fiori maschili, viene rimosso per migliorare la crescita delle banane.[13]

MalattieModifica

L'erbaccia principale che colpisce le piantagioni di banane è il Cyperus rotundus , che consuma molto azoto di cui la pianta ha bisogno. Sono stati fatti tentativi di usare le oche come erbacce naturali, poiché le banane non sono attraenti per loro, ma sebbene consumino la maggior parte dei pascoli concorrenti, non finiscono completamente con le erbacce. Le soluzioni chimiche utilizzate comprendono il diurone e l' ametrina , che sono solo moderatamente dannosi per le piante e scompaiono rapidamente dal terreno.[14]

Un'altra alternativa è l'uso di foglie essiccate per coprire il terreno e impedire la formazione di erbe, o la miscelazione di piante, con erbe come Neonotonia wightii o Tradescantia pendula o con altre colture in contanti. Se rimane uno spazio di un metro attorno a ciascuna banana, è possibile alternarlo con mais, patate dolci (Ipomoea batatas), peperoni (Capsicum annuum), pomodori (Solanum lycopersicum), melanzane (Solanum melongena), ananas (Ananas comosus), gombo (Abelmoschus esculentus) o altre piante.[14]

HarvestModifica

PrestazioniModifica

La resa di una piantagione di banane dipende dalle condizioni del suolo, dai metodi di coltivazione e dalla varietà coltivata, ma ci si può aspettare una produzione tra le 7 e le 16 tonnellate all'anno di frutta per ettaro di piantagione e le piantagioni commerciali intensive superano 23 tonnellate / ha all'anno. Per mantenere questa resa, non solo dovrebbe essere rigorosamente seguito il regime dei fertilizzanti, ma la piantagione dovrebbe essere rinnovata ogni due o tre anni, evitando così l'invecchiamento delle piante. A partire dal quarto anno, la produttività inizia a diminuire e la produzione irregolare rende antieconomico l'uso di mezzi meccanici. Le piantagioni vengono periodicamente distrutte completamente, usando erbicidi o devastandolo con erbivori, per prevenire la diffusione di nematodi e altri parassiti.[14]

Alcune varietà producono rese significativamente più elevate, sebbene il costo in fertilizzanti e manutenzione sia ugualmente elevato; ogni gruppo completo di "Giant Cavendish" può raggiungere i 50 kg, con oltre 350 frutti. Sebbene la resa economica di queste varietà sia maggiore, impongono anche forti investimenti alle piantatrici: mentre a Puerto Rico un'indagine del 1981 ha stabilito che una piantagione tradizionale costa ai suoi produttori circa 3.874,59 USD per ettaro, producendo allo stesso tempo un valore di mercato di 6.021,58 USD / ha e un ricavo netto di 2.146,99 USD / ha, i guadagni potrebbero più che raddoppiare con cultivar più delicate, una migliore irrorazione e più cure , raggiungendo i 5.241,29 USD / ha, ma allo stesso tempo gli investimenti necessari ammontavano a 5.268,52 USD / ha, cifre difficili da raggiungere per i piccoli agricoltori.[14]

Processo di raccoltaModifica

Il frutto viene raccolto quando ha già acquisito il suo volume ma prima dell'ingiallimento, circa tre quarti del processo di maturazione. In questo momento i frutti sembrano meno angolari e gli stili floreali alla loro estremità sono appassiti e sono facilmente rimossi. Circa 80 giorni dopo l'apertura della prima mano, i grappoli vengono tagliati interi con un coltello a banana a lama curva. Lo stelo floreale si inclina, tirando le foglie o con un accessorio ad hoc, per abbassare il grappolo a portata di mano e i coltivatori lavorano in tandem, uno dei quali taglia il grappolo e circa 20 cm di stelo che viene utilizzato come maniglia per spostarlo nel serbatoio o nel veicolo. Uno dei coltivatori indossa un abbigliamento speciale imbottito per sostenere i frutti sul suo corpo senza essere danneggiato durante il trasporto. Dopo il raccolto, lo pseudostem da cui è nato il grappolo viene lasciato asciugare o viene strappato e sparso sul terreno per migliorare il riassorbimento della sua materia organica. La terra circostante è accuratamente speronata per evitare che il foro favorisca l'accesso ai parassiti.[15]

Esiste anche una tecnica chiamata «raccolta boomerang», regolarmente praticata da alcune grandi società di raccolta, basata sull'uso di un boomerang (o boomerang) per abbassare i frutti del banano ed evitare i morsi dei ragni che li abitano , principalmente quelli del genere Phoneutria riconosciuti per il loro pericolo.[15]

ArchiviazioneModifica

 
Impianto di confezionamento di banane.
 
Trasporto della banana delle Isole Canarie in un veicolo aperto a La Palma.

Nel metodo tradizionale, i cluster venivano immagazzinati al buio nei veicoli e trasportati direttamente ai punti di imbarco per il trasporto a lunga distanza, il che causava gravi perdite di danni. Oggi è consuetudine trasportarli sospesi, in veicoli appositamente condizionati, per evitarlo. I cluster dovrebbero essere coperti per evitare che la luce induca la maturazione precoce. Nei punti di stoccaggio e nei veicoli, quando supportato, viene utilizzata una miscela di frammenti di fogli e strati di carta ordinaria per proteggerli e assorbire il lattice che scorre dal taglio nella parte superiore dello stelo e dagli stili floreali quando cadere; in alternativa può essere utilizzata una guaina di plastica o di polivinile, che tuttavia provoca un aumento del drenaggio del lattice e macchia la superficie esterna del frutto, diminuendo il suo valore commerciale. La protezione è completata da materassi a foglia fresca e altri resti della potatura degli pseudotallos. Prima dell'imballaggio per il trasporto a lunga distanza, i cluster vengono lavati in serbatoi con una soluzione dicloridrato di sodio per eliminare i resti di lattice e migliorarne la presentazione; A volte, dopo il lavaggio, il fungicida viene applicato sulla superficie tagliata per prevenire il marciume della frutta. I cluster macchiati o danneggiati dopo il lavaggio sono destinati al consumo locale.[15]

L'imballaggio in scatole era usato in passato, ma la perdita di frutta a causa dei colpi contro le pareti e il fondo del contenitore ne causava l'eliminazione come sistema di trasporto. Oggi le confezioni di cartone con imbottitura in plastica vengono utilizzate per evitare il degrado della qualità, dotate di una buona ventilazione e adattate al calibro dei frutti, che sono preselezionate a tale scopo con un piccolo coltello a banana con una lama curva.[15]

MaturazioneModifica

 
Camera di maturazione delle banane.

La banana è un frutto climaterico , in cui l' etilene funge da regolatore della maturazione. 5 Pertanto, l' etilene può essere utilizzato per avviare e standardizzare la maturazione prima della commercializzazione del prodotto. Questo gas viene applicato due o tre volte, in una concentrazione da 10 a 100 µL / L, nei locali di maturazione a temperatura controllata tra 18 e 21 ° C e umidità relativa del 90-95% [16]. In Argentina viene spesso utilizzato acetilene , un analogo dell'etilene che svolge la stessa funzione ed è più economico[17] . L'etilene migliora la dolcezza e l'aroma dei frutti, ma accelera il processo di maturazione. Un'altra possibilità è applicare il carburo di calcio, un minerale che reagisce con l'umidità relativa producendo una reazione che rilascia etilene e calore, favorendo la rapida maturazione del frutto. Nell'uso domestico, l'uso di sacchetti chiusi in polietilene per sostituire questo processo è normale.[15]

Diverse tecniche sono utilizzate per ritardare la maturazione. Uno di questi è applicare un fungicida e conservare i frutti in sacchi chiusi insieme a confezioni di vermiculite trattate con permanganato di potassio , che assorbe (ossida) l'etilene libero, che consente di prolungare il periodo di conservazione fino a quattro settimane a temperature di 13- 15 ° C 7 Un'altra è l'applicazione di gibberellina o lanolina sullo stelo floreale circa 60 giorni prima della raccolta, prolungando la maturazione tra 10 e 20 giorni senza alcun effetto sul frutto stesso. Finalmente l'applicazione della cera sulla frutta, una volta disinfettata, prolunga il periodo di conservazione fino al 60%, sebbene possa causare irregolarità nella maturazione successiva.[15]

Nel caso delle banane amidacee, la maturazione procede più lentamente e l'applicazione dell'etilene una sola volta. Tra 4 e 5 giorni trascorrono tra l'inizio e la fine del processo. Un assorbente di etilene, come vermiculite o purefil, può essere usato per aumentare questa durata a 25 giorni senza refrigerazione o fino a 55 se la temperatura viene ridotta a 13 ° C. In queste condizioni, il contenuto di amido viene ridotto e lo zucchero viene concentrato.[15]

Nel 2016 è stato riportato l'ottenimento nel laboratorio di banane transgeniche in cui sono repressi due geni MADS-box (MaMADS1 e MaMADS2). I suoi frutti mostrano un ritardo nella maturazione e una vita postharvest più lunga, con un ritardo nella comparsa del picco respiratorio, un più basso tasso di biosintesi dell'etilene e la conseguente diminuzione dello sviluppo e dell'ammorbidimento del colore.[15]

CondizioniModifica

La grande diversità genetica di banane e banane fa sì che poche malattie colpiscano uniformemente tutte le cultivar. Uno dei problemi universali che li riguardano sono i nematodi, che attaccano i rizomi causandone la putrefazione; Un altro dei parassiti più diffusi è la malattia di Panama, che ha distrutto centinaia di migliaia di ettari di colture negli anni '70 e '80.[15]

NematodiModifica

I nematodi che colpisce le banane e banane in tutte le regioni del mondo. Si nutrono di rizomi e radici, causando danni che inevitabilmente indeboliscono la pianta o ne causano la morte. Inoltre, l'infezione da nematodi favorisce la contrazione di altre malattie.[18]

In più cosmopolita di questi è il nematode noioso (Radopholus similis), che provoca danni estesi e fa annerire e cadere le pseudotalls a terra, incapace di resistere al peso dei grappoli di frutta; I fori nella radice sono la principale via di ingresso per il fungo Fusarium , che causa la malattia di Panama. Altre specie includono i nematodi a spirale - Helicotylenchus multicinctus , Helicotylenchus nannus e Scutellonema brachyurum - e il nematode della radice di Meloidogyne javanica. Nelle aree in cui le banane condividono il terreno con il caffè (Coffea spp.) appare anche Pratylenchus coffaeae Meloidogyne incognita si trasferisce dalle piantagioni di canna da zucchero alle banane.[18]

Per controllare i nematodi vengono utilizzati rizomi sani, che vengono piantati in terra sicura; Lasciare la terra incolta in pieno sole elimina i nematodi della terra con grande sicurezza, sebbene in alcune regioni siano necessari fino a tre anni per garantirne la totale pulizia. La semina rotazionale con erba di pangola (Digitaria decumbens , utilizzata per i pascoli) aiuta a eliminare la maggior parte delle specie, sebbene non P. coffeae . L'altra soluzione è l'uso di nematicidi commerciali.[18]

La disinfestazione dei rizomi viene effettuata mediante lavaggio e trattamento idrotermico, immergendoli in una soluzione di ipoclorito di sodio all'1% in acqua calda a 50–54 ° C per 10 minuti. Esso può essere sostituito da nematocidi come Nemagon®, il Nemacur® (fenamifos) o Mocap® (Ethoprop), che però sono più dannosi per la pianta, riducendo la sua forza; ethoprop o phenamiphos sono quasi altrettanto efficaci, ad eccezione di H. multicinctus , che non risponde al primo. Dopo la semina, Dasanit® granulato (fensulfotion) o ethoprop viene applicato intorno alla base dello pseudostem una volta ogni sei mesi.[18]

InsettiModifica

Il tonchio banana o il tonchio nero, Cosmopolites sordidus , è un altro parassita molto aggressivo. Penetra nella base succulenta dello pseudostem e scava gallerie all'interno, nutrendosi del materiale nutrizionale. La linfa drena attraverso il suo punto di accesso, rivelando l'infezione. L'insetticida più efficace è l'aldrina, ma a causa della sua tossicità è vietato in molti paesi. Monocrothopos o eptachlor sono le alternative più frequenti. Il nematicide aldicarb, usato alla base dello pseudostem, è stato efficace anche contro il tonchio; I controlli biologici, come lo scarabeo giavanese Plaesius javanus , che si nutre del tonchio, non hanno prodotto buoni risultati.[19]

I tripidi di banana (Chaetanaphothrips orchidii) colpiscono la buccia della banana, esponendo la polpa e causandone la decomposizione; Un altro tripide , Thrips florum , a volte alloggia nel bozzolo terminale, specialmente in climi rigidi e asciutti, e il bicinto di Hercinothrip si nutre del guscio, dandogli un caratteristico colore cenere. Anche Dieldrin si è dimostrato efficace con esso, sebbene la misura migliore sia l'uso di sacchetti impregnati di insetticida per coprire i frutti durante la loro crescita. Ciò consente anche di controllare la zanzara (Colaspis hipochlora), uno scarabeo che invade i grappoli rosicchiando gambi e frutti e causando perdite di lattice che li rendono commercialmente irrealizzabili. La falena banana, Nacoleia octasema , si deposita nell'infiorescenza all'inizio della sua formazione, fino a quando non perde le brattee.[19]

È anche importante l'acaro della banana, Tetranychus lambi , che colpisce prima le foglie e poi il frutto, causando crepe nella pelle e avvizzimento prematuro.[19]

FunghiModifica

Le micosi sono alcune delle malattie più virulente che affliggono la banana. Il più antico di questi è il sigatoka , causato dalla Mycosphaerella musicola (Cercospora musae nella sua fase di conidio), che apparve per la prima volta a Giava all'inizio del XX secolo . Prende il nome dalla valle di Sigatoka nelle Isole Figi, dove è arrivato un decennio dopo. Si espanse verso ovest, raggiungendo infine l'Africa nel 1940. Caratteristico delle zone umide, si manifesta con punti pallidi sulle foglie, che si scuriscono in seguito, diffondendosi in tutta la pianta. Le banane colpite riducono il loro apparato radicale, producono frutti acidi e ne fermano la crescita. È controllato dall'applicazione topica di olio minerale o mediante spruzzatura con fungicidi.[19]

Il sigatoka nero , opera di Mycosphaerella fijiensis var. difformis , è molto più virulento. Apparve in America Centrale alla fine degli anni '60 e si diffuse in Brasile. Nel 1973 causò una terribile epidemia nelle Figi e da lì si diffuse in Polinesia e nel sud-est asiatico. Trasmesso dal vento, uccide le foglie e fa cadere i frutti, che sono esposti al sole. Colpisce le cultivar resistenti al normale sigatoka e richiede quattro volte più fungicida per controllarlo.[19]

Entrambi impallidiscono contro il danno causato dalla malattia di Panama , il lavoro del fungo Fusarium oxysporuMusa La malattia di Panama viene trasmessa attraverso il suolo, entrando nel rizoma attraverso i fori causati dai nematodi. Colpisce le foglie, che diventano gialle e secche, e lo pseudostem, che è aggravato dalla morte progressiva del sistema vascolare, che si ammorbidisce, diventa appiccicoso e marcisce. Originario di Taiwan, dove è stato documentato dal 1967, colpisce molte delle cultivar più produttive, tra cui "Gros Michel", che è stato praticamente sterminato da questa malattia. Altri, come il "Cavendish", possono resistere, ma si infettano se vengono ripiantati in terreni precedentemente occupati da varietà sensibili. L'unica soluzione nota è il ristagno totale del campo per sei mesi per eliminare funghi e spore. Esistono quattro razze del fungo, tre delle quali sono dannose per le banane. Alcune cultivar,[19]

Il Gloeosporium musarum provoca antracnosio e forma lesioni nerastre sulla pelle dello pseudostem, marcendo all'interno e causando il restringimento e l'essiccazione dei frutti. È il fungo che colpisce più frequentemente i grappoli già raccolti durante il trasporto.

BatteriModifica

Il moko qui o batterico delle banane è opera di Ralstonia solanacearum , che colpisce anche la patata. È trasmesso dal contatto tra radici, suolo, insetti o attrezzi agricoli e può rimanere nel terreno fino a 12 mesi in alcune varietà. Le misure di controllo comprendono la protezione del sacco a grappolo per evitare il contatto con agenti, la disinfezione degli strumenti con formaldeide e l'uso di erbicidi nella piantagione e nella regione circostante, ma non esiste una soluzione nota per l'infezione. Alcune cultivar, come 'Pelipita', sono resistenti.[19]

VirusModifica

Il virus del mosaico del cetriolo colpisce le banane, dove arriva trasmesso da vettori di acari . La sua importanza è tuttavia marginale. Molto più pericoloso è il BBTV (virus a grappolo superiore a banana), che rallenta la crescita delle foglie, dando loro una forma corta, rigida ed eretta, con margini induriti e fragili. Nella maggior parte delle varietà inibisce completamente la formazione di frutti e non ha una cura nota. È stato controllato in Polinesia e in altre regioni sterminando gli acari che fungono da vettore.[19]

Produzione ed esportazioneModifica

Principali produttori (2011)
Paese Milioni

di tonnellate

Percentuale del totale mondiale
Tabella 1: Produzione
  India 29.7 20%
  Uganda 11.1 8%
  Cina 10.7 7%
  Filippine 9.2 6%
  Ecuador 8.0 6%
  Brasile 7.3 5%
  Indonesia 6.1 4%
  Colombia 5.1 4%
  Camerun 4.8 3%
  Tanzania 3.9 3%
Riposo 49.6 34%
Totale mondiale 145.4 100%
Tabella 2: Esportazione
  Ecuador 5.2 29%
  Costa Rica 1.8 10%
  Colombia 1.8 10%
  Filippine 1.6 9%
  Guatemala 1.5 8%
Riposo 6.0 34%
Totale mondiale 17.9 100%

VarietàModifica

TassonomiaModifica

Caratteristiche nella tavola di Simmonds and Shepherd (1955)
Caratteristiche Musa acuminata Musa balbisiana
Pseudo colore totale Schizzato nero o marrone Liscio o appena segnato
Canale peziolare Margine eretto, con ali iberiche scarificate, senza abbracciare lo pseudosteMusa Margine chiuso, senza ali, che abbraccia lo pseudo totale.
Pedunculo Piloso o pubescente Glabro
Pedicelli Breve Lungo
Ovuli Due file regolari per locule Quattro file irregolari per locule
Gomito della brattea Alto (< 0.28) Basso (> 0,30)
Flessione della brattea La brattea si arrotola dopo l'apertura La brattea si alza senza flettersi dopo l'apertura
Forma della brattea Lanceolata o ovata, sintonizzando bruscamente dal gomito Ampiamente ovale
Apice della brattea Acuto Ottuso
Colore della brattea Rosso scuro o giallo all'esterno, rosa, viola opaco o giallo all'interno. Pardopurpúreo all'esterno, cremisi all'interno.
Decolorazione L'interno della brattea è più leggero verso la base. L'interno della brattea è uniforme.
Scarificazione della brattea Prominente Poco prominente
Tepalo libero del fiore maschio Ondulato sotto la punta Raramente ondulato
Colore del fiore maschile Bianco o crema Rosa
Colore dello stigma Arancione o giallo intenso Crema, giallo o rosa pallido

La classificazione di più varietà di banane e banane è una questione estremamente complessa e ancora incompiuta. La classificazione originale di Linneo si basava sui pochi esemplari disponibili in Europa, dove il clima limita fortemente la possibilità di ottenere piante in buone condizioni. Nel 1753, nella specie Plantarum , includeva con il nome di Musa paradisiaca un esemplare di banana amidacea, con frutti lunghi e sottili e persistenti brattee e fiori maschili nella spina dorsale dell'infiorescenza, che poteva osservare personalmente nella serra di George Cliffort , vicino alla città olandese di Haarlem . Sei anni dopo ha aggiunto Musa sapientum alla sua descrizione, un esemplare che produceva frutti da dessert, con fiori maschili deiscenti e contenuto di amido inferiore nel frutto.[6][7]

La classificazione è stata usata per secoli, corrispondendo abbastanza da vicino alle varietà diffuse in America e in Africa. Tuttavia, il centro della diversità germoplasmatica di Musa nel sud-est asiatico presentava numerose specie che non corrispondevano alle descrizioni che il botanico svedese aveva pubblicato in numerosi aspetti. Le specie descritte e pubblicate nei due secoli successivi erano numerose, ma sciatte, e la confusione sulla loro relazione era grande.[6][7]

Non fu fino alla pubblicazione nel 1948 di Classificazione delle banane da parte di Ernest Cheesman che fu introdotto un ordine tassonomico in materia. Cheesman ha identificato i tipi di Linnean come ibridi prodotti dall'incrocio di due specie descritte da Luigi Colla, Musa acuminata e Musa balbisiana . Da loro, ha classificato le varietà multiple di cultivar in tre gruppi in base alla loro dotazione genetica; uno di essi discenderebbe principalmente da ciascuna delle specie madri, mentre un terzo consisterebbe in ibridi di tratti misti.[6][7]

Il gruppo principalmente da Musa acuminata comprenderebbe le più antiche banane commestibili, ottenute selezionando esemplari sterili e partenocarpici delle specie nelle isole del sud-est asiatico e nella penisola malese. Da questi, e dalla restituzione cromosomica , sono state sviluppate varietà triploidi più robuste e produttive. Cheesman ha classificato queste varietà insieme al loro antenato selvatico come Musa acuminata , sostenendo che l'autopoliploidia non rappresentava un'alterazione del materiale genetico della specie.[6][7]

Più a nord, nelle regioni più secche, le varietà della Musa balbisiana erano più utili perché più tolleranti. Nelle Filippine sono stati ottenuti i primi esemplari triploidi di questo gruppo, assimilati ma altrimenti morfologicamente strettamente correlati al loro progenitore selvatico. Diffusi dalla propagazione vegetativa a causa della loro sterilità, avrebbero dato origine al secondo gruppo di varietà coltivate, che Cheesman classificò in parallelo come Musa balbisiana .[6][7]

Infine, in alcune zone entrambi i rami entrarono in contatto e, essendo eterocompatibili, diedero origine a ibridi diploidi, triploidi e alcuni tetraploidi naturali, tra cui le due varietà che avevano occasione di identificare Linneo. Sebbene l'espressione botanicamente più corretta per designarli sarebbe Musa acuminata x balbisiana , secondo le norme del Codice internazionale di nomenclatura per le piante coltivate, gli ibridi di interesse possono anche avere un nome binomiale per la loro identificazione. Poiché Musa paradisiaca ha la priorità di pubblicazione, il nome ibrido Musa x paradisiaca L. può essere usato per designare tutte le varietà dall'incrocio di Musa acuminata e Musa balbisiana senza ulteriori chiarimenti sulla loro composizione genetica (Valmayor et al).[6][7]

Tuttavia, la composizione genetica è importante nel determinare le caratteristiche dei diversi gruppi di cultivar, che differiscono notevolmente tra loro. Poco dopo i risultati di Cheesman, Ken Simmonds e Norman Shepherd (1955) pubblicarono un metodo per identificare le varietà dalla loro origine. Da una tabella diagnostica che comprende quindici caratteristiche di base che variano tra Musa acuminata e Musa balbisiana , vengono valutati gli ibridi, assegnando un punteggio a ciascuna caratteristica identico a Musa acuminata (un valore in punti), identico a Musa balbisiana(5 punti) o un fenotipo intermedio (punteggi intermedi in base alla loro somiglianza con i genitori). Vengono aggiunti i valori e il totale viene utilizzato per determinare approssimativamente le caratteristiche dell'ibrido. I punteggi tra 15 e 20 corrispondono a varietà selvatiche o diploidi puri di Musa acuminata ; l'estremità più alta della scala, ai suoi equivalenti di Musa balbisiana . Gli ibridi mostrano punteggi intermedi.[6][7]

Simmonds e Shepherd hanno proposto la sostituzione dei nomi linneani con un codice ad hoc per esprimere il genotipo della varietà. Ogni ibrido sarebbe identificato da una chiave tra due e quattro lettere, secondo la sua ploidia ; ogni lettera risponderebbe all'origine della varietà, essendo A per designare un ramo genetico da Musa acuminata o B per uno da Musa balbisiana . Pertanto, un ibrido triploide con due serie di cromosomi di Musa acuminata e uno di Musa balbisiana sarebbe identificato come AAB e un diploide puro di Musa balbisianacome BB. La ricerca ha rivelato che le varietà di origine A sono più numerose di quelle di origine B; La maggior parte delle cultivar sono AAA o AAB, diverse banane sono ABB e AB, AABB o ABBB sono più rare. Per specificare la cultivar, il suo nome viene rinviato tra virgolette singole alla descrizione genetica. Non tutte le fonti hanno adottato il sistema, ma è ampiamente utilizzato dagli specialisti del settore.[6][7]

Coltivazione di gruppiModifica

 
Banane verdi e mature in un mercato.

La maggior parte delle cultivar da dessert proviene esclusivamente da Musa acuminata , presentando una costituzione diploide o triploide. Simmonds e Shepherd hanno distinto diversi gruppi fenotipici, ai quali in seguito i ricercatori hanno aggiunto varietà recentemente ottenute o non identificate in precedenza:[20]

il gruppo AA "Jari Buaya", molto popolare in Vietnam e Indonesia ma quasi sconosciuto in Occidente;[20]

il gruppo AA "Kapas", una banana consumata cotta in Indonesia e Malesia;[20]

il gruppo AA "Lakatan", una banana a crescita molto rapida (che fruttifica in meno di 10 mesi) di origine filippina, popolare ai tropici; il nome binomiale oggi non valido Musa lacatan corrisponde probabilmente a questo gruppo;[20]

il gruppo AA "Sucrier", importante in Nuova Guinea ma diffuso anche nel sud-est asiatico e in Brasile; sono esemplari diploidi, di pseudotallos scuri, di tono giallastro e appena cerulei, che producono piccoli grappoli, di frutti dalla pelle sottile ed estremamente dolci. Questo gruppo comprende la varietà chiamata "Lady's Finger" o "White Guineo", la più piccola delle banane coltivate commercialmente, una banana con un tronco sottile e un forte apparato radicale, che produce grappoli da 10 a 14 mani da 12 a 20 frutti Sono resistenti alla siccità e alla malattia di Panama, ma sono sensibili al sigatoka. I binomi di oggi non validi Musa berteri , Musa berteroniana e Musa sapientum corrispondono a questo gruppo di cultivar;[20]

il gruppo AAA "Cavendish", che comprende la maggior parte delle banane consumate in Europa e negli Stati Uniti dal declino di "Gros Michel". Forse dall'Indonesia - dove la cultivar chiamata "Bungulan" viene prodotta sul mercato interno, sebbene il suo ritmo irregolare di maturazione e la scarsa tolleranza allo stoccaggio lo rendano inadatto per le piantagioni commerciali, oggi è sviluppato in numerose varietà:[20]

coltivare "Cavendish Dwarf", sviluppato in Cina e oggi la varietà più importante nelle Isole Canarie e nell'Africa orientale; È una banana grande, con foglie larghe, tollerante al vento e alla siccità, che produce frutti di medie dimensioni, di buona qualità ma incline al danno da trasporto a causa della magrezza della sua buccia. Ha la particolarità di avere fiori maschili indeiscenti. I nomi binomiali oggi non validi M cavendishii , Musa sinensis e Musa nana (non Lour.) Corrispondono a questa cultivar;[20]

la cultivar "Cavendish Gigante" o "Grand Naine", simile nell'aspetto a "Gros Michel" e di origine incerta. È una banana di medie dimensioni, con lo pseudotallo marrone screziato, con banane più grandi del "Nano Cavendish", più spesse e meno intense. È la varietà principale in Colombia, Ecuador e Taiwan.[20]

la cultivar "Robusta", simile a "Lakatan", una piccola banana resistente al vento coltivata in Brasile e Polinesia;[20]

coltivare "Valery", una variante di "Robusta" più resistente al sigatoka ma con una consistenza più soda e leggermente cerulea;[20]

il gruppo AAA "Golden Beauty", sviluppato a Trinidad per la sua resistenza alla malattia e al sigatoka di Panama; Sono piccole banane, con grappoli corti, ma resistenti ai trasporti e dal sapore molto buono. Sono cresciuti in Honduras e Figi;[20]

il gruppo AAA "Gros Michel", che per lungo tempo è stata la banana più coltivata in Occidente; dalla Birmania e dallo Sri Lanka, fu introdotto in Martinica dai francesi, e da lì in Giamaica, America Centrale, Hawaii e Australia. Sono grandi banane, con grandi grappoli di frutti gialli lunghi e intensi, oggi quasi scomparsi a causa della loro suscettibilità alla malattia di Panama. Tuttavia, è stato utilizzato come base per lo sviluppo di altre cultivar;[20]

il gruppo AAA "Purple", popolare nei Caraibi sebbene originario dell'India. È resistente alle malattie, ma richiede più di 18 mesi per fruttificare, quindi è accessibile solo nelle piantagioni commerciali. È una grande banana, con foglie e steli viola intensi e il frutto che diventa arancione man mano che matura; Produce grappoli compatti di circa 100 frutti dal sapore intenso e di medie dimensioni. La varietà 'Green Purple' ha un colorato color verde screziato e viola, e raggiunge i 9 m di altezza; Produce da quattro a sette mani per mazzo, di buone dimensioni.[20]

Ibridi correttamente sono cultivar diploidi , triploidi e tetraploidi:[20]

il gruppo AAB 'Burro' o 'Orinoco', una pianta alta e rustica con pochi frutti lunghi e molto spessi, con polpa leggermente rosata e commestibile cruda, ma ottima cottura;[20]

il gruppo AAB "francese", una banana grande e vigorosa con fiori maschili indeiscenti, coltivata principalmente in India e Africa orientale; i nomi binomiali non validi Musa bidigitalis e Musa purpureo-tomentosa corrispondono a questo gruppo, così come l' originale Musa paradisiaca di Linneo;[20]

il gruppo AAB "Laknau", una banana triploide simile a "Horn" ed eccezionale in quanto produce fiori fertili, che ne ha consentito l'utilizzo come materiale di base per croci sperimentali;[20]

il gruppo AAB 'Macho', banane molto resistenti che producono poca frutta, commestibili in crudo ma con un gusto molto più piacevole dopo la cottura. I nomi binomiali non validi Musa corniculata , Musa emasculata e Musa protractorachis corrispondono a questo gruppo;[20]

Il gruppo AAB 'Apple' è la banana da dessert più diffusa nei tropici, anche se non ci sono grandi piantagioni. È una banana molto grande, con solo una dozzina di mani per mazzo e da 16 a 18 frutti per mano, molto resistente alla sigatoka ma suscettibile alla malattia di Panama. Il frutto è molto profumato, con un caratteristico aroma di mela, leggermente astringente prima della maturazione ma molto gustoso;[20]

Il gruppo AAB "Mysore" è la banana più coltivata in India, dove la impiega quasi tre quarti della superficie coltivata. È raro fuori dalla penisola, sebbene a Trinidad sia coltivato a cacao. È vigoroso, resistente alla siccità, immune alla malattia di Panama e poco sensibile al sigatoka. Produce grappoli compatti di banane di pelle sottile e di colore giallo brillante, di gusto subacido;[20]

il gruppo AAB "Rajah"; il nome binomiale non valido Musa regia corrisponde probabilmente a questo gruppo;[20]

il gruppo AAB "Seribu"; il nome binomiale non valido Musa seribu corrisponde a questa cultivar;[20]

il gruppo ABB "Awak";[20]

il gruppo ABB "Cenizo", una banana estremamente alta, con un gambo floreale allungato e poche mani per mazzo. Produce frutti angolari, molto grandi, con buccia cinerea e polpa molto bianca, con un'alta concentrazione di zucchero rispetto ad altre banane;[20]

il gruppo ABB "Chato" o "Bluggoe", una banana molto resistente alle malattie che produce grandi grappoli di frutta, caratteristici per la sua struttura aperta, molto importante come coltura di sussistenza in Africa e in Asia;[20]

Il gruppo ABB 'Pelipita', una delle principali cultivar commerciali di banane al mondo, resistente al sigatoka nero ma sapore meno intenso rispetto ad altre varietà;[20]

il gruppo ABBB 'Tiparot', un tetraploide sviluppato per la sua resistenza alle malattie, ma non molto produttivo.[20]

Di origine esclusivamente di Musa balbisiana ci sono anche molte varietà:[20]

il gruppo BBB "Cardaba";[20]

il gruppo BBB "Lep Chang Kut";[20]

il gruppo BBB "Maricongo", il principale raccolto commerciale di banane nel mondo, di forma elevata, frutto molto spigoloso e di buone dimensioni; esiste una varietà nana, la "Nana" o "Cochon";[20]

il gruppo BBB "Saba", di bassa qualità culinaria ma immune al sigatoka nero.[20]

UsiModifica

Template:Ficha de valor nutricional

La grande varietà di forme rende la banana e il piantaggine un alimento estremamente versatile. In Occidente la forma più frequente e semplice di consumo è come frutta da dessert, servita intera e usando la buccia per tenerla senza che le mani entrino direttamente in contatto con la polpa. In pezzi è incorporato in macedonie, gelatine e altri dessert, oltre a frullati e altre bevande. A causa del suo elevato apporto di energia e del suo alto contenuto di potassio , insolito tra i frutti, viene spesso consumato da atleti e culturisti.[21][22]

Cotte, le banane sono usate come accompagnamento ad alcune carni nelle ricette tropicali, così come nel riso cubano e nel supremo Maryland . Con zucchero di canna, succo di limone o aceto e spezie, vengono preparate salse o marmellate , a volte molto piccanti; in Giamaica, la salsa di banana e peperoncino è il solito condimento per il pollame. Sono anche usati in torte e biscotti (pane alla banana). Le banane Foster , flambé al rum e cannella e servite con gelato alla vaniglia dessert è un nativo di New Orleans , che ha guadagnato una grande popolarità nel Stati Uniti.[21][22]

Le passate sono un alimento frequente per i bambini; Con la sola aggiunta di acido ascorbico , usato per prevenire lo scolorimento per ossidazione della polpa, la poltiglia viene prodotta industrialmente con le copie scartate della confezione nei paesi di origine. È omogeneizzato, pastorizzato e confezionato, da solo, combinato con uno stabilizzante cellulosico come base per succhi di frutta o combinato con salsa di mele. Inoltre è incorporato nelle preparazioni per gelati , torte e altri dessert.[21][22]

In Polinesia le banane vengono solitamente consumate arrostite, intere o formando un impasto dolce con polpa di cocco grattugiata (Cocos nucifera). Una bevanda rinfrescante e aromatica è anche preparata con latte di cocco, succo di agrumi e banana. In Costa Rica viene preparato uno sciroppo denso a base di banane bollite lentamente. Nelle isole dei Caraibi, le banane verdi vengono bollite nelle loro bucce e consumate da sole o marinate in aceto con pepe, aglio, cipolla, alloro e sale.[21][22]

La banana viene conservata per breve tempo in uno stato commestibile, ma sono stati sviluppati numerosi mezzi di conservazione. Dagli anni '60 , le banane a fette conservate allo sciroppo sono state prodotte in Honduras come mezzo per sfruttare i frutti che, a causa di difetti della pelle o del loro grado di maturità, non possono essere trasportati per la vendita come frutta fresca. Ci sono stati esperimenti per impacchettare le banane ancora verdi, ma il lattice che trasudano i frutti è problematico, così come l'oscuramento della polpa una volta scongelato o sgonfiato. Per disattivare gli enzimi della polpa responsabili dello sbiadimento, le banane vengono immerse prima di sbucciarle in acqua al bordo del punto di ebollizione e aggiunteAcido citrico al 2% alla soluzione salina in cui sono confezionati. I frutti usati in questo modo dovrebbero essere raccolti quando la velocità della polpa non supera 1/6 del peso del frutto, oppure il prodotto risultante si scolorisce facilmente quando il tannino di polpa verde reagisce con il ferro presente nel suo strato esterno.[21][22]

In Polinesia i frutti vengono conservati per fermentazione in un preparato chiamato masi ; conservati in pozzi e avvolti in foglie di Heliconia o Strelizia , sono ricoperti di pietre e lasciati fermentare sottoterra fino al momento del bisogno. Possono essere tenuti così per anni in caso di carestia.[21][22]

I platani maturi o banane verdi sono consumati cotti invariabilmente. In America Centrale sono fritti in burro o olio ; la preparazione, a cui viene talvolta aggiunto il latte, si chiama mangú, ed è il solito contorno per il cibo quotidiano. Questo nome si applica anche alla banana bollita verde puro, che è accompagnata da uova, salame, marinata di cipolle o avocado. I tostones (fette di banana schiacciata e fritta) sono serviti per accompagnare le carni. La torta di foglie è fatta con un impasto di banana matura e altri cibi, che viene cucinato avvolto nella foglia di banana (è visivamente simile al tamale messicano). Calpestare e mescolare con farina, latte, burro e uova per preparare un impasto che viene mescolato con carne e formaggio e cotto come una torta. Sono anche usati verdi, bolliti e serviti con miele, cotti allo sciroppo o tagliati a fette che vengono fritte fino a diventare croccanti per accompagnare carni e altri piatti. Il mofongo è popolare a Puerto Rico, una polpetta di banana verde schiacciata, cotiche di maiale, aglio e altri condimenti. Le fette di banane fritte sono preparate e confezionate industrialmente dalle cultivar "Cariñosa" e "Bungulan". Anche preparati con loro sono le cosiddette fette , tipiche di paesi come Venezuela , Colombia , Honduras e Nicaragua ; Possono anche essere cotti al forno o arrostiti e serviti con formaggio.[21][22]

In Africa vengono consumati bolliti, fritti o arrostiti. Come parte del complemento di stufati o soppiantare la manioca (Manihot esculenta), e sono la base di un preparato chiamato fufu che accompagna la zuppa è una delle basi del cibo in Ghana. Il battistrada e mescolato con la farina sono usati come impasto per frittelle e altre torte salate. Il suo uso intenso ha portato allo sviluppo di metodi di essiccazione che consentono di avere banane tutto l'anno; Essiccati al sole o con mezzi meccanici e macinati forniscono una farina eccellente, che viene utilizzata da sola o miscelata con farina di grano, mais o manioca. Alcune cultivar, come "Latundan" o "Saba", sono particolarmente adatte per queste preparazioni. La farina di banana verde tostata è stata utilizzata come sostituto del caffè. In Asia, l'essiccazione della frutta intera o tagliata viene praticata in due in senso longitudinale, che vengono confezionati e conservati per un massimo di un anno per consumarli come spuntino o nelle preparazioni di pasticceria. Sia 'Dwarf Cavendish' che 'Lakatan' sono ampiamente usati per questo scopo.[21][22]

 
Banana fritta

In Brasile la produzione di scaglie di banana disidratata da incorporare nei prodotti di pasticceria, cereali per la colazione e altre preparazioni è iniziata negli anni '60 e consente l'esportazione di buona parte della sua produzione, confezionata sottovuoto o pronta per il consumo. Sono anche utilizzati per la produzione di gelati e altri dessert confezionati. Il processo viene eseguito cuocendo a vapore i frutti e quindi disidratandoli nei tamburi; rimangono fino a un anno in queste condizioni. I prodotti misti che incorporano soia o mais nel mix vengono venduti in Brasile, Israele e Sudafrica.[21][22]

Altri prodotti sono più rari, ma godono di un certo uso. In Africa, le bevande alcoliche sono preparate dalla fermentazione controllata dei frutti maturi, ed è stata sperimentata con la produzione di aceto da essi.[21][22]

I teneri germogli vengono consumati bolliti come verdura in India e in Africa, dove costituiscono un alimento importante in caso di carestia. Sono preparati in curry con altre verdure o arrostiti fino alla carbonizzazione per l'uso come condimento per altri prodotti vegetali. Il germoglio terminale dell'infiorescenza, che contiene fiori maschili, viene cotto e consumato come verdura dopo averlo macerato in salamoia per rimuovere i tannini; nelle varietà che non perdono i fiori maschili, questi vengono talvolta strappati per usarli in questo modo.[21][22]

Altri usiModifica

Le grandi dimensioni delle foglie di banana e la loro fibra forte le rendono un'importante fonte di tessuti. Come in altre specie di Musa , in particolare Musa textileis , le foglie di banana vengono utilizzate come imballaggio e involucro con quasi nessun trattamento. Sono spesso utilizzati come coperture naturalmente impermeabili per tetti di edifici primitivi, per coprire l'interno di pozzi utilizzati per cucinare e come vassoi per alimenti.[21][22]

La fibra estratta dalla lavorazione dei fogli è resistente e durevole. Durante il diciannovesimo secolo, le isole dei Caraibi, in particolare la Giamaica, avevano una fiorente industria tessile a base di banane, fabbricando corde, stuoie e strumenti di trasporto con quel materiale. Anche la lenza è fabbricata con questa fibra. Nelle Filippine un tessuto chiamato agna, delicato e traslucido, è prodotto dalla tenera fibra di foglie e guaine di foglie; È usato nell'abbigliamento maschile e femminile, nella fabbricazione di fazzoletti e altri usi. Una forma più rustica e rustica viene utilizzata in Sri Lanka per tappeti ed espadrillas.[21][22]

Lo pseudo totale è anche utile a tale scopo e ha altri usi. Tagliati insieme, vengono utilizzati come mobili e materiale da imballaggio durante il trasporto della frutta; i resti vengono reintegrati nell'ambiente per il riutilizzo dei loro nutrienti. Tagliato a strisce e asciugato viene utilizzato come soffice imbottitura per cuscini e panche. La carta viene prodotta dalla polpa dello pseudostem mediante un processo di frantumazione, lavaggio e asciugatura; Il materiale risultante è forte e la sua qualità migliora mescolata con i resti di noce di betel (Areca catechu), sebbene la sua produzione non sia molto redditizia a causa del basso rendimento. Per produrre una tonnellata di carta sono necessarie 132 tonnellate di pseudotalls.[21][22]

La buccia del frutto è ricca di tannini e viene utilizzata nel trattamento della pelle. Il carbonizzato viene usato come tintura scura o, a causa del suo alto contenuto di potassio, nella produzione di detergenti.[21][22]

Gli effetti medicinali documentati sono diversi. I fiori sono usati in gesso per le ulcere della pelle e nel decotto per dissenteria e bronchite; I cibi cotti sono usati come cibo nutriente per i diabetici. La linfa fortemente astringente viene applicata localmente nelle punture di insetti, nelle emorroidi e viene assunta come febbrifuga , antidiarroico e antiemorragico. La cenere ottenuta bruciando le bucce e le foglie è anche antidiarroica e antidisentrica. Le radici cotte vengono consumate per i disturbi digestivi e intestinali, è un'ottima fonte di potassio che è un minerale che aiuta a rigenerare i muscoli dopo aver subito i crampi .[21]

La polpa e la buccia delle banane mature contengono efficaci principi attivi contro i micobatteri e i funghi; A volte vengono applicati per trattare una comune infezione fungina nella pianta di pomodoro (Solanum lycopersicum). Il frutto è ricco di dopamina , di effetto vasocostrittore e di serotonina , che regola la secrezione gastrica e stimola l'azione intestinale.[21][22]

Una credenza popolare attribuisce al guscio della banana bruciato e aspirapolvere o fumata un valore allucinogeno , causata da un ipotetico bananadina . È semplicemente un mito e la presunta sostanza non esiste.[21][22]

DoganaModifica

La continua ricrescita delle banane simboleggia la fertilità e la prosperità nella cultura indiana; Sia il frutto che le foglie sono soliti doni e ornamenti durante le cerimonie matrimoniali . A volte una banana viene piantata in un angolo nei campi di riso per attirare buona fortuna.[21][22]

In Malesia, il decotto di foglie di banano viene utilizzato ritualmente nelle abluzioni che le donne eseguono per due settimane dopo il parto.[21][22]

RadioattivitàModifica

A causa del suo alto contenuto di potassio, la banana o la banana è un frutto radioattivo , come molti altri che contengono piccole quantità di isotopi radioattivi. Sebbene la quantità di radiazione emessa da un singolo frutto sia molto piccola e completamente innocua, tuttavia in grandi quantità, come quando trasportata in container o camion , la radiazione è abbastanza grande da far scattare gli allarmi di alcuni porti e dogane. In effetti, esiste una misura specifica di questa quantità di radiazioni chiamata dose equivalente a una banana.[21][22]

Etimologia: banano, musa e bananaModifica

La parola banana deriva dal greco πλατανος (banane) attraverso il latino platanus . La radice πλατος (piastre = piatte, larghe) si riferisce alla larghezza delle sue foglie. Altre specie di piante sono anche chiamate piantaggine che, essendo molto diverse, condividono la larghezza e la planarità delle loro foglie come una caratteristica comune.[23]

La parola musa deriva dall'arabo موزة (mawza , pronunciato mūza) che il latino traduce come musa . L'Enciclopedia di Avicenna Il canone della medicina si riferisce al frutto con questa parola già nell'XI secolo.[24] Le piante di questo genere, originarie del sud-est asiatico, furono introdotte in Europa (e successivamente in America) attraverso il Nord Africa, molto probabilmente dai mercanti di lingua araba, e inizialmente ricevettero questo nome anche nelle lingue europee.[25][26]

Le piante di questo genere, originarie del sud-est asiatico, furono introdotte in Europa (e successivamente in America) attraverso il Nord Africa, molto probabilmente dai mercanti di lingua araba, e inizialmente ricevettero questo nome anche nelle lingue europee.  Linneo (1707-1778) lo adotta come nome scientifico nel suo libro Species Plantarum , pubblicato nel 1753.[27]

La parola banana deriva anche dall'arabo بنانة (banānah) che significa dita collettive. Un mazzo di banane viene chiamato in molti punti una mano , e per la stessa analogia si dice in arabo بنانة الموز (banānat al-mawz), che sarebbe letteralmente un dito di banana , per riferirsi a ciascuno dei baccelli. Per metonimia, banana significa il frutto stesso, inizialmente nell'Africa occidentale (Wolof) e nell'Africa centrale (Bantu), da dove viaggia verso le Isole Canarie e da lì verso l'America.[27]

Pertanto, la banana si riferisce inizialmente alla pianta, musa del genere e banana al frutto. Tuttavia, ci sono diversi usi locali di questi termini nei diversi paesi di lingua spagnola.[27]

CulturaModifica

  • Carlos Luis Fallas , scrittore costaricano , nel romanzo autobiografico Mamita Yunai solleva una dura critica delle miserabili condizioni dei lavoratori della United Fruit Companynella provincia di Limón . Il lavoro è stato tradotto in più lingue. Questa fase agraria ha lasciato grandi impronte culturali e politiche nel paese. In Brasile la produzione di scaglie di banana disidratata da incorporare nei prodotti di pasticceria, cereali per la colazione e altre preparazioni è iniziata negli anni '60 e consente l'esportazione di buona parte della sua produzione, confezionata sottovuoto o pronta per il consumo. Sono anche utilizzati per la produzione di gelati e altri dessert confezionati. Il processo viene eseguito cuocendo a vapore i frutti e quindi disidratandoli nei tamburi; rimangono fino a un anno in queste condizioni. I prodotti misti che incorporano soia o mais nel mix vengono venduti in Brasile, Israele e Sudafrica.[28][29]
  • L'autore honduregno , Ramón Amaya Amador , scrisse un libro intitolato Green Prison sulle condizioni nelle piantagioni di banane negli anni Quaranta e sullo sfruttamento dei lavoratori da parte delle società statunitensi (come United Fruit) con il sostegno di Governo honduregno. Scritto nel 1945, il libro è stato bandito in Honduras per decenni. In Brasile la produzione di scaglie di banana disidratata da incorporare nei prodotti di pasticceria, cereali per la colazione e altre preparazioni è iniziata negli anni '60 e consente l'esportazione di buona parte della sua produzione, confezionata sottovuoto o pronta per il consumo. Sono anche utilizzati per la produzione di gelati e altri dessert confezionati. Il processo viene eseguito cuocendo a vapore i frutti e quindi disidratandoli nei tamburi; rimangono fino a un anno in queste condizioni. I prodotti misti che incorporano soia o mais nel mix vengono venduti in Brasile, Israele e Sudafrica.[28][29]
  • I paesi centroamericani erano conosciuti come repubbliche delle banane , non solo per la loro produzione, ma perché nelle piantagioni della United Fruit Company , governavano la propria legge con sfumature leggendarie.[30]
  • In Colombia, alla fine del 1928, ci fu uno sciopero dei lavoratori che finì per essere conosciuto come il massacro della Banana.[30]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Musa × paradisiaca, su portaledelverde.it.
  2. ^ Musa × paradisiaca, su portaledelverde.it.
  3. ^ Musa × paradisiaca, su theplantlist.org.
  4. ^ (EN) Randy C. Ploetz, Angela Kay Kepler, jeff Daniells e Scot C. Nelson, Banana and plantain - an overviw with emphasis on Pacific island cultivar (PDF), su www.traditionaltree.org, Permanent agriculture resources (PAR). URL consultato il 13 maggio 2019.
  5. ^ (s/a) (abril 2012). Musa bananera. ¿Cómo ves?, revista de divulgación científica de la UNAM, año 14, no. 161, p. 19. ISSN 1870-3186.
  6. ^ a b c d e f g h i Agri-Food Business Development Centre Estadísticas de producción por países - leído el 01 de febrero 2013
  7. ^ a b c d e f g h i Musa × paradisiaca, su nationmaster.com.
  8. ^ a b c banrepcultural.org, http://www.banrepcultural.org/blaavirtual/revistas/credencial/octubre2005/masacre.htm.
  9. ^ (s/a) (abril 2012). Musa bananera. ¿Cómo ves?, revista de divulgación científica de la UNAM, año 14, no. 161, p. 19. ISSN 1870-3186.
  10. ^ a b c d e f g h i Musa × paradisiaca, su giardinaggio.it.
  11. ^ a b c d e f g h Musa × paradisiaca, su brainkart.com.
  12. ^ a b c d e f g h Musa × paradisiaca, su portaledelverde.it.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Musa × paradisiaca, su portaledelverde.it.
  14. ^ a b c d Musa × paradisiaca, su casaegiardino.it.
  15. ^ a b c d e f g h i Musa × paradisiaca (PDF), su dspace.unitus.it.
  16. ^ ISBN 950-29-0974-7.
  17. ^ Errore nelle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Tecnología2
  18. ^ a b c d Musa × paradisiaca (PDF), su horizon.documentation.ird.fr.
  19. ^ a b c d e f g h Musa × paradisiaca, su books.google.it.
  20. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af Musa × paradisiaca, su wikiwand.com.
  21. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Musa × paradisiaca, su casaegiardino.it.
  22. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Musa × paradisiaca, su solodonna.it.
  23. ^ dicciomed.eusal.es, http://dicciomed.eusal.es/palabra/platano.
  24. ^ El canon de medicina, Avicena (c.1020). Libro 2, cap.13
  25. ^ El canon de medicina, Avicena (c.1020). Libro 2, cap.13
  26. ^ Dictionnaire Étymologique Des Mots Français D'Origine Orientale, L. Marcel Devic (1876).
  27. ^ a b c Dan Koeppel, Banana, the fate of the fruit that changed the world, Hudson Street Press, Nueva York 2008; ISBN 9781594630385 p. 44
  28. ^ a b Ficha de la primera edición de Mamita Yunai en el Sistema Nacional de Bibliotecas, s/f; acceso 15.01.2013
  29. ^ a b ramon-amaya-amador.com, http://www.ramon-amaya-amador.com/index.php/obras/79-publicadas/70-prision-verde.
  30. ^ a b banrepcultural.org, http://www.banrepcultural.org/blaavirtual/revistas/credencial/octubre2005/masacre.htm.

BibliografiaModifica

  • Template:Cita publicación
  • ISBN 0-9610184-1-0 [1].
  • ISBN 0-582-46357-2.
  • National Genetic Resources Program (ARS, USDA). Germplasm Resources Information Network (GRIN). [2]
  • Valmayor, R. V. et al. Banana cultivar names [3].

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica