Apri il menu principale
Vaati
Vaati.png
Vaati in The Legend of Zelda: Four Swords Anniversary Edition no
SagaThe Legend of Zelda
Nome orig.グフー (Gufū)
Lingua orig.Giapponese
EpitetoIl mago del vento
EditoreNintendo
1ª app.2002
1ª app. inThe Legend of Zelda: Four Swords
SessoMaschio

Vaati (グフー Gufū?) è un personaggio immaginario della serie di videogiochi The Legend of Zelda. Svolge il ruolo di antagonista. La sua forma normale è di un globo nero con un solo occhio (ma originariamente aveva sembianze umane).

ApparizioniModifica

In Four Swords è inizialmente sigillato nella quadrispada, ma poi riesce a fuggire e a rapire la principessa Zelda, per poi essere risigillato grazie a Link, diviso in quattro a causa del potere della quadrispada.

In Four Swords Adventures, Vaati, con l'aiuto di Ganon, fugge con la principessa Zelda, così Link deve dividersi ancora per sconfiggerlo.

Vaati nasce dall'animo vendicativo di Ghiraim, come Ganondorf nasce da quello di Mortifer alla fine degli eventi di The Legend of Zelda: Skyward Sword.

Prima degli eventi raccontati in The Minish Cap, Vaati viene corrotto dal male del cuore degli uomini. Utilizza il "Cappello Minish" creato dal suo maestro, Egeyo, per trasformarsi in un mago Hylian e inizia a cercare la Forza di Luce per impadronirsi del suo potere. Dopo una lunga ricerca, Vaati trova la Forza dentro Zelda e tenta di compiere un rito per impossessarsene, ma Link ed Egeyo intervengono e Vaati cerca di batterli con la sua forma demoniaca, ma perde e viene sigillato nella Quadrispada.

Anni dopo, il sigillo della Quadrispada si indebolisce e Vaati fugge dalla sua prigione catturando qualche ragazza del paese, tra cui Zelda, ma viene di nuovo sconfitto, e il sigillo viene protetto dal potere delle 7 vergini.

Anni dopo, Zelda e le Vergini, controllando il sigillo, vengono catturate da Link Ombra, una copia oscura di Link, che su ordine di Ganon, fa liberare Vaati che si unisce al Re dei Demoni per fermare Link, ma tutti e tre i generali dell'Oscurità vengono sconfitti per sempre.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Nintendo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nintendo