Apri il menu principale

Ciclostazione

struttura destinata al parcheggio delle biciclette
(Reindirizzamento da Velostazione)
Ciclostazione a Münster
Box per biciclette (Paesi Bassi)
Parcheggio accessibile con scheda elettronica, Melbourne

Una ciclostazione o velostazione è una costruzione o struttura destinata al parcheggio biciclette e dotata di alcuni servizi, sia gratuiti che a pagamento. Si va da semplici gabbie o capannoni chiudibili fino a complesse strutture multipiano e multifunzione.

Le ciclostazioni in senso proprio svolgono un ruolo di interscambio fra bicicletta e trasporto pubblico (treno, metro, tram ecc.), e per questo sono spesso dislocate presso stazioni ferroviarie, di metropolitane, tramvie, snodi o fermate del trasporto pubblico [1]; o con altri mezzi di trasporto per es. con l'auto quando la ciclostazione è dislocata in parcheggi scambiatori.

Questo tipo di intermodalità "passiva", cioè con l'uso della bicicletta solo per arrivare o partire da un punto di accesso al trasporto pubblico, è talvolta in alternativa, o più spesso ad integrazione, dell'intermodalità "attiva", con il carico delle biciclette sui mezzi di trasporto.[senza fonte]

Le ciclostazioni, molto diffuse nei Paesi Bassi, Germania[2], Danimarca ed in modo crescente in altri Paesi[senza fonte], non sono in alternativa alla semplice sosta biciclette in spazi liberi (rastrelliere o tettoie), di solito nelle immediate adiacenze di stazioni e capolinea, ma rappresentano un servizio "a valore aggiunto" che rafforzi i vantaggi della mobilità combinata fra bicicletta ed altri mezzi di trasporto e la incentivi.[non chiaro]

Ciclostazioni (o semplici parcheggi bici coperti e/o custoditi) sono presenti anche nei centri delle grandi città o presso importanti attrattori (es. università, luoghi di lavoro ecc) in modo analogo ai parcheggi auto interrati o sopraelevati.

CaratteristicheModifica

Una ciclostazione è sempre dotata al minimo di:

  • parcheggio bici coperto o altre forme di ricovero
  • rastrelliere per legare le biciclette in modo sicuro

Altre dotazioni la caratterizzano poi come vera e propria ciclostazione:

Sicurezza - per prevenire furti e vandalismo si ricorre solitamente ad un accesso sicuro:

  • personale addetto durante il giorno
  • accesso tramite chiavi meccaniche od elettroniche

Servizi agli utenti:

  • armadietti e spogliatoi
  • docce e servizi igienici
  • fontanelli
  • distributori automatici di bevande e cibi
  • materiali informativi, per es. pieghevoli sulla sicurezza in bicicletta, piante o guide sugli itinerari ciclabili.

Per il forte afflusso di utenti della bicicletta le ciclostazioni possono anche assumere il ruolo di punto di comunicazione fra ciclisti e di essi con le amministrazioni, per es. con bacheche, totem ecc.

Servizi alle biciclette - per es. piccole e grandi riparazioni (a pagamento) che permettono ai pendolari di ottimizzare i loro tempi, lasciando la bicicletta all'arrivo e potendola spesso recuperare al ritorno. Inoltre sono spesso disponibili:

  • ricambi ed accessori in vendita
  • pompe di gonfiaggio in self-service, gratuite
  • noleggio biciclette

Gestione economica - esistono vari modelli, dall'uso gratuito a varie modalità di pagamento, generalmente mirante ad incentivare la mobilità in bicicletta, biglietti giornalieri o abbonamenti, in molti casi abbinati o più convenienti se in combinazione con il trasporto pubblico.

I soggetti della gestione sono a seconda dei casi le amministrazioni locali, privati che per es. traggono ricavi da vendita, riparazione, noleggio o altre attività, oppure enti ed associazioni del terzo settore o di solidarietà sociale.

In ItaliaModifica

Le ciclostazioni intermodali sono all'inizio, solo in alcune località del paese. Capofila è quella di San Donato Milanese, in provincia di Milano[3].

A Bologna ha aperto a settembre 2015 la prima velostazione, chiamata Dynamo. Si trova alla fine di via Indipendenza, sotto il Pincio della Montagnola, vicino all'autostazione e a poca distanza dalla stazione Centrale, e offre servizi di parcheggio, noleggio e riparazione biciclette, tour guidati, bar/ristoro ed eventi tematici[4] mentre a Bari ha aperto nel marzo del 2016 la Velostazione Bari Centrale nei locali delle Ferrovie Appulo Lucane, sotto il viadotto storico di corso Italia, e offre servizi di parcheggio, noleggio, riparazione biciclette e tour guidati.[5]

In altre località sono presenti ciclostazioni in senso lato, parcheggi biciclette coperti e dotati di rastrelliere. In altri casi la parola ciclostazione viene utilizzata per indicare officine con qualche servizio supplementare, generalmente gestite da associazioni. Progetti in stadio embrionale sono infine presenti in altre parti d'Italia.

NoteModifica

  1. ^ Fahrradfreundlich NRW - Service für Ihr Rad
  2. ^ La mobilità sostenibile monta in bicicletta: ecco i tre punti per un Piano nazionale - Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile, su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile, 15 luglio 2013. URL consultato il 3 giugno 2016.
  3. ^ Stazione delle Biciclette, su lastazionedellebiciclette.com.
  4. ^ [1]
  5. ^ Bari, apre la prima velostazione del Sud Italia, su Repubblica.it, 3 marzo 2016. URL consultato il 29 maggio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

In lingua italiana

  • [2] San Donato Milanese
  • [3] Ciclostazioni, un esempio da imitare: Lüneburg

In lingua inglese

In lingua tedesca

Controllo di autoritàVIAF (EN240537185 · LCCN (ENsh85013896 · NDL (ENJA01153972 · WorldCat Identities (EN240537185