Apri il menu principale

La locuzione latina vim vi repellere licet (tratta dal Digesto giustinianeo), in italiano è lecito respingere la violenza con la violenza, esprime un antico principio di diritto, noto anche come legittima difesa, che consente ad un soggetto che subisce una offesa ingiusta di difendere i propri diritti con l'uso della forza, sempre che la difesa sia proporzionata all'offesa.

Questo principio di diritto rappresenta una causa di giustificazione, codificata dal codice penale italiano all'art. 52 secondo cui "non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un'offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all'offesa".

Voci correlateModifica