Youhanna Boutros Al-Hajj

vescovo cattolico e patriarca cattolico libanese

Youhanna Al-Hajj (in arabo: يوحنا بطرس الحاج; Dlebta, 1º novembre 1817Bkerké, 24 dicembre 1898), eparca di Baalbek e patriarca della Chiesa maronita con il nome di Youhanna XII Boutros (in italiano: Giovanni Pietro).

Youhanna Boutros Al-Hajj
patriarca della Chiesa maronita
John Peter El Hajj.jpg
Template-Patriarch (Latin Rite) Interwoven with gold.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1º novembre 1817 a Dlebta
Ordinato presbitero26 dicembre 1839
Consacrato eparca10 agosto 1861
Elevato patriarca28 aprile 1890 (eletto)
23 giugno 1890 (confermato)
Deceduto24 dicembre 1898 (81 anni) a Bkerké
 

BiografiaModifica

Nato nel villaggio di Dlebta (distretto di Kisrawan) in Libano il 1º novembre 1817, frequentò gli studi teologici nel seminario di Ain-Warka e venne ordinato sacerdote il 26 dicembre 1839.

Laureatosi in seguito in diritto islamico, il 10 maggio 1844 fu nominato giudice civile nel Monte Libano, incarico che mantenne fino al 1855, quando divenne segretario di Paolo Brunoni, legato apostolico della Siria. Durante la guerra civile libanese del 1860, che vide opposti Maroniti e Drusi, si rifugiò a Beirut.

Il 10 agosto 1861 venne consacrato eparca di Baalbek. Nel 1876 accompagnò il patriarca Boulos Boutros Massaad nel suo viaggio in Europa, durante il quale visitò le città di Roma, Parigi e Costantinopoli.

Alla morte del patriarca Massaad, il sinodo dei vescovi maroniti lo scelse come nuovo patriarca il 28 aprile 1890; egli assunse il nome di Youhanna XII Boutros; fu intronizzato il 4 maggio successivo e venne confermato dalla Santa Sede nel concistoro del 23 giugno.[1]

Egli trasformò l'antico monastero di Bkerké in residenza invernale del patriarcato. Incaricò inoltre l'arcivescovo di Arca e futuro patriarca Elias Hoayek di raccogliere i fondi necessari per la costruzione di una residenza maronita a Gerusalemme e per la costruzione del nuovo seminario maronita di Roma, che sarebbe stato inaugurato nel 1893. Fu un tenace sostenitore delle missioni latine in Oriente.

Morì a Bkerké il 24 dicembre 1898.

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

NoteModifica

Voci correlateModifica

FontiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305234638 · LCCN (ENn2013052387 · WorldCat Identities (ENlccn-n2013052387